Adecco Gold, Quarti Gara2 – La Sigma è impeccabile nel primo tempo, ma la vittoria è di un’Upea tutto cuore

0

25-34 alla pausa lunga con 9-20 di passivo in favore ospite, poi il 41-20 confezionato nella ripresa: ecco i break che dicono tutto sulla Gara2 del PalaFantozzi, una sfida che sembrava essere sfuggita di mano alla compagine paladina di Gianmarco Pozzecco, salvo poi approfittare di una Sigma preda dei suoi spettri, con i soli americani in una doppia cifra acciuffata per i capelli, una squadra che dopo un primo tempo impeccabile – prima trascinata da Fantoni e Filloy , poi forte di un ex Alex Young sugli scudi – si è letteralmente sfasciata in avvio di ripresa.  Merito anche del super impatto di Sandrone Nicevic e Marco Portannese al rientro dagli spogliatoi, quindi ci pensa quindi il duo Mays – Archie a completare il recupero e mettere la freccia di una gara vinta con pieno merito, con il carattere, e che ora vede la Sigma all’angolo, sotto 0-2. Ma ora si torna al PalaAlberti, il 6° uomo dovrà dare il massimo per sostenere una squadra che pure aveva trovato la quadratura del cerchio. Ora serve continuità, per l’Orlandina il giusto cinismo nel chiudere la pratica.

UPEA CAPO D’ORLANDO – SIGMA BARCELLONA 66-54

PARZIALI: 17-14; 25-34; 49-43

CAPO D’ORLANDO: Soragna 4, Nicevic 10, Portannese 7, Mays 21, Archie 17, Basile 5, Laquintana, Benevelli 2, Ciribeni, Valenti. All. Pozzecco.

BARCELLONA PDG: Young 11, Maresca 4, Collins 10, Filloy 8, Fantoni 7, Toppo 4, Natali, Ganeto 2, Iurato, Pinton 8. All. Calvani.

Le due compagini siciliane si affrontano di nuovo al PalaFantozzi per gara 2 dei quarti di finale playoff. I due quintetti: Calvani parte ancora con i due americani Young e Collins inseme a capitan Maresca, Filloy e Fantoni, mentre per l’Orlandina lo starting five è formato Soragna, Portannese, Mays, Archie e Nicevic. Questa volta la palla a due è vinta dagli orlandini, ma i primi punti sul tabellone sono per Barcellona con 1/2 dalla lunetta per il centro Fantoni, dopo ben tre falli per i padroni di casa (Portannese, Soragna, Nicevic). L’Orlandina si porta subito avanti con Archie 2/2 che viene poi sorpassato da Young per il 2-3. Al 4?, dopo una palla persa per l’Upea, Archie stoppa sottocanestro il tentativo di Fantoni. A metà del primo periodo, l’Orlandina è in svantaggio di 6 punti (4-10). Inizia il recupero dell’Upea con la tripla di Mays, poi Soragna e Nicevic per il -2 al 9?. A 42” alla fine primo quarto, è l’americano Mays in contropiede che decide il sorpasso su Barcellona (15-14). Domina sulla sirena Archie con un canestro strepitoso sotto canestro chiudendo il primo parziale 17-14 per Capo d’Orlando. Continua a fare bene la sigma avendo successo dal perimetro e Ganeto firma il sorpasso 17-19 al 14?. L’Upea non riesce a imporsi sulla formazione barcellonese subendo il parziale 0-8. Coach pozzecco decide di richiamare i suoi dopo il fallo tecnico chiamato al capitano dell’Orlandina matteo Soragna. Situazione critica per i padroni di casa che nei primi 20? del match incassano troppi falli. L’esperienza dei veterani orlandini non cede e tentano il recupero, Nicevic e Basile per il -3 Upea. Rientro amaro negli spogliatoi per i ragazzi del Poz che subiscono troppo nel secondo periodo della gara: solo 8 punti per l’Upea contro i 20 per la Sigma. Top scorer Alex Young con 11 punti. Si ritorna sul parquet e coach Pozzecco decide di tenere in campo Soragna anche se gravato da ben 4 falli. S’impone l’Orlandina con Nicevic e Archie decidono il parziale 7-0 per il -2 (32-34). Va a schiacciare Fantoni, ma ancora Arcie dai 6.75 per il -1 Upea al 23?. Portannese dai liberi 2/2 e l’Orlandina ritorna in vantaggio. Fallo in attacco per Barcellona aggiungendo anche il tecnico alla panchina ospiti, portano prima Teo Soragna ai liberi, dopo il secondo tecnico per la Sigma Mays 2/2. Filloy dai 6.75 porta la Sigma nuovamente avanti al 39? 41-43. Portannese risponde con la tripla e subito dopo c’è Benevelli sotto canestro per il +3 Upea. Mays non la sbaglia da quasi 7 metri sulla sirena e termina il terzo quarto con Upea vanti 49-43: 24 punti realizzati dai bianco-azzurri contro i 9 per la Sigma. Barcellona non vuole arrendersi e tenta di riprendersi negli ultimi dieci minuti del match, ma al 35? Archie decide il +10 Orlandina (58-48). È immarcabile e invincibile l’ala americana Archie dal perimetro è decisivo con il 60% da tre. L’Upea soffre nel primo tempo, ma domina per la seconda parte del match conquistando il 2-0 sulla formazione di coach Calvani.

Fotogallery a cura di Salvatore Di Pane

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here