Adecco Gold, Semifinali Gara4 – La rivincita di Triche e Spanghero, L’Aquila sbanca Torino e allunga la serie

0

MANITAL TORINO – AQUILA BASKET TRENTO 82-85 (23-31; 46-48; 68-71)

TORINO: Mancinelli 21, Evangelisti 2, Amoroso 29, Steele 19, Bowers 2, Baldasso ne, Sandri 4, Wojciechowski 5, Gergati. Bianchi ne. All. Pillastrini.

TRENTO: Triche 28, Pascolo 19, Baldi Rossi 8, Forray 9, Elder 3, Fiorito 2, Molinaro ne, Santarossa, Lechtaler 3, Spanghero 13. All. Buscaglia.

TORINO – Con una tripla di Marco Spanghero a 22” dalla fine Trento riprende per i capelli le sorti della semifinale playoff di Adecco Gold, e restituisce il favore di gara1 alla Torino di Stefano Pillastrini! Si infrange sul ferro la risposta dall’arco di Stefano Mancinelli, ed è 82-85 al Ruffini. Ora l’Aquila ritrova il fattore campo sul 2-2, e si ritorna in Trentino per la resa dei conti.

Quintetti :

PMS: Baldi Rossi, Elder, Triche, Pascolo e Forray

Aquila: Mancinelli, Bowers, Evangelisti, Amoroso, Steele

LA FURIA DI TRICHE Si comincia con Pascolo che si procura e sfrutta due ottime occasioni da sotto, la Manital apre le marcature con Steele a cronometro fermo. I primi sussulti arrivano dai 6e75 con una serie aperta da Triche e Baldi Rossi per Trento e Amoroso e Mancinelli per i torinesi. Nel pitturato Trento sembra aver la meglio in avvio grazie ad un Pascolo motivato che realizza un tap in vincente e si ripete su azione subito dopo, Amoroso affina  la mira dalla lunga distanza e realizza due triple che riportano Torino in scia. Salgono in cattedra gli americani della Manital Steele e Bowers, i bianconeri replicano con due piazzati di Triche e Fiorito. Tutta un’altra gara rispetto al match di venerdì :  si segna a ritmi vertiginosi,Trento fa circolare bene la palla e con Baldi Rossi Triche chiude il quarto sul +8 (23 – 31)

L’EXPLOIT DI MANCIO La mano morbida di Kuba dall’arco battezza il secondo periodo, Pascolo è indomabile sotto i tabelloni e raggiunge già la doppia cifra personale.Kuba e Steele (3/3 dalla lunetta) riportano i gialloblù a contatto, ma l’ottima vena di Triche prosegue vicino e lontano da canestro. La sfida si infiamma con le incursioni di Sandri e Mancinelli, poi è Spangaro show: l’esterno bianconero imperversa ovunque e firma quasi da solo un break che mette le ali ai trentini (39 -48).La Manital si affida allora al semigancio di Mancio che la tiene a galla e prova a riorganizzare la fase difensiva. L’ala azzurra poco dopo si cimenta ancora con successo dalla lunga distanza allo scadere dei 24” ridando verve alla manovra gialloblù : la Manital lima ancora lo svantaggio grazie ad Amoroso presentandosi all’intervallo lungo sotto di due lunghezze (46 – 48)

IN EQUILIBRIO Pascolo (tap in) e Steele (piazzato) aprono le ostilità, Forray bussa dalla lunga distanza e si ripete nel pitturato. Amoroso sfrutta alla perfezione un assist al bacio di Gergati, ma Elder infierisce ancora dalla lunga distanza (50 – 58).Steele e Mancio sono scatenati dall’arco firmano una serie di tre triple consecutive, l’ala azzurra si ripete subito correndo in contropiede e finalizzando un gioco da tre punti che vale il primo sorpasso (62 -61). Ma Triche non sta a guardare e punisce due pasticci difensivi, la Manital non si schioda con Amoroso a cronometro fermo (64 -65).Il Ruffini è una bolgia quando Amoroso intercetta un passaggio di Spanghero e conclude in dai e vai con Mancinelli, Pascolo e Triche lo gelano con due iniziative personali che riportano i trentini avanti (71 – 66).Un bel canestro di Amoroso chiude il quarto sul 68 – 71.

SPANGHERO DECISIVO Steele proietta Sandri in contropiede, un’opportunità che l’ala gialloblù sfrutta appieno, sull’altro fronte Triche elude per due volte la difesa gialloblù e riporta le aquile sul +5 (70 – 75). Le gambe iniziano a pesare, è una guerra di nervi, Steele è abile a procurarsi fallo e a far fruttare il viaggio in lunetta, Mancinelli abile a destreggiarsi in post basso. Amoroso  rompe il ghiaccio dalla lunga distanza e il Ruffini ci crede (77 -75), i gialloblù si perdono però Lechtaler che impatta nuovamente.Il piazzato di Triche è subito pareggiato da un incontenibile Amoroso. Baldi Rossi trasforma un piazzato, Evangelisti realizza su invito di Steele.Poi il folletto americano sbaglia il tiro del sorpasso e la mano di Spanghero è mortifera dalla lunga distanza, la Manital ha una grande chance quando Bowers recupera palla e innesca Amoroso ma l’azione non ha esito. Triche fallisce i liberi della sicurezza, ma il ferro sputa fuori l’ultimo tiro della disperazione di Mancio. Si va a gara 5.

Fotogallery a cura di Marco Magosso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here