Agrigento batte Bergamo, reagendo alla sconfitta subita contro Torino

Agrigento batte Bergamo, reagendo alla sconfitta subita contro Torino

Agrigento, pur priva di James, batte Bergamo.

di La Redazione

Ottima prova della squadra di casa, guidata da Easley e Pepe, Bergamo con il punteggio di 85-65. Ventiduesima giornata del campionato di Serie A2, girone ovest, Agrigento continua ad inseguire un ottimo piazzamento, in ottica postseason, Bergamo deve provare a trovare punti “pesanti”, per abbandonare l’ultimo posto in classifica.

Quintetti:
Agrigento: De Nicolao. Pepe, Ambrosin, Chiarastella, Easley.
Bergamo: Zugno, Jackson, Allodi, Carroll, Bozzetto.

Primo quarto:
Inizio di partita che inizia con le infrazioni di ventiquattro e otto secondi in onore di Kobe Bryant, De Nicolao mette il primo canestro della gara, ma risponde Zugno con sei punti consecutivi. Pepe si mette subito in partita con due punti e un assist per Easley fissando il punteggio sul 6-6, Chiarastella con una tripla centrale dà il primo vantaggio per la squadra di casa. Bozzetto dalla lunetta fa due su due, ma Chiarastella “buca” la difesa gialloblù, segnando due punti facili. Ispiratissimi i due playmaker Zugno e De Nicolao che provano a trascinare le proprie squadre, Allodi con sette punti consecutivi riporta Bergamo in parità sul 15-15. Rotondo è perfetto dalla lunetta segnando i primi due punti della sua gara, ma Carroll replica con una schiacciata spettacolare, Zugno sta letteralmente trascinando Bergamo, con un inizio di partita davvero ottimo. Bozzetto e Carroll portano a sei le lunghezze della squadra ospite, chiudendo il quarto sul 17-23.

Secondo quarto:
Ottima difesa di Agrigento che porta all’inflazione di cinque secondi, quattro canestri di Rotondo portano a due le lunghezze di svantaggio per la squadra di casa. Antisportivo fischiato a Rotondo, ma Carroll dalla lunetta fa uno su due, e un’ottima difesa di Agrigento limita i danni. Chiarastella allo scadere dei ventiquattro secondi, segna un appoggio sotto canestro, di vitale importanza per la Moncada. Troppe palle perse per Bergamo, permettendo alla Fortitudo di restare attaccata alla gara, con un parziale di 10-1, coach Calvani è costretto a chiamare time-out. Ottima uscita dal time-out con Allodi che segna quattro punti consecutivi portando Bergamo sul +1. Magia di Pepe in penetrazione, ma Zugno “punisce” subito dall’arco, Pepe riporta il punteggio in parità sul 31-31, Jackson si “mette” in partita con i primi tre punti della sua gara, dalla lunetta Pepe fa due su due, Bozzetto non sfrutta un gioco potenziale da tre punti Carroll fa uno su due dalla lunetta portando a quattro le lunghezze di vantaggio, ma Easley con sei punti consecutivi trova la parità, fissando il punteggio sul 37-37. Le squadre raggiungono il bonus, quanto mancano quaranta secondi alla fine, Carroll è glaciale. De Nicolao ne sbaglia uno, e il quarto si chiude son Bergamo in vantaggio 38-39, a fine del primo tempo.

Terzo quarto:
Secondo tempo che inizia con un canestro di Easley, unico canestro nei primi due minuti di gara. Si sblocca Bergamo con Jackson, ma Pepe “trova” la prima tripla della sua gara, Easley sfrutta un gioco potenziale da tre punti, ma Carroll risponde subito. Coach Calvani chiama time-out per provare a fermare l’inerzia della gara in favore di Agrigento, al rientro del time-out Easley fa uno su due dalla lunetta, garantendo un doppio possesso di vantaggio alla squadra di casa. Squadre che stanno sbagliando molti possessi della gara, Zugno dopo diversi minuti trova il canestro del -4, Ambrosin “sblocca” la Moncada, Zugno dalla lunetta fa uno su due. Allodi tiene a “galla” Bergamo, le squadre a due minuti dalla fine sono in bonus, Pepe sfrutta un solo libero a sua disposizione, ma con una penetrazione fantastica trova altri due punti “facili”, della sua gara. Allodi porta Bergamo a -5, ma Rotondo riporta subito Agrigento a +7, chiudendo il quarto sul 56-49.

Quarto quarto:
Ultimo quarto che inizia con tre tiri liberi per Veronesi, che però fa due su tre, Calvani chiama time-out, per provare a rientrare in partita, Ealey “grazia” Bergamo, sbagliando tutti e due i tiri liberi, ma in contropiede Veronesi segna due punti facili, una tripla di Pepe, e i liberi di Easley aprono un parziale di 7 a 0, in favore della squadra di casa. Veronesi con tripla di tabella e Easley portano il vantaggio a 21 le lunghezze di vantaggio in favore della squadra di casa. Zugno segna il primo punto di Bergamo quanto mancano cinque minuti alla fine della gara, Ultimi minuti di gara di pura accademia per la squadra di casa, con Bergamo che prova solo a limitare i danni, ma che vede i primi punti per i ragazzi del settore giovanile Indelicato e Moricca a certificare la vittoria di Agrigento con il punteggio di 85-65.

A cura di Giuseppe Geraldi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy