Agrigento ritrova la vittoria, Casale non passa

0

La Fortitudo Agrigento torna alla vittoria, che significa ossigeno puro per la truppa di coach Franco Ciani, in una partita molto tattica e po’ bruttina dal punto di vista dello spettacolo. Coach Ciani schiera Piazza, Williams, Evangelisti, Chiarastella e Dudzinski; dall’altra parte il suo collega coach Ramondino risponde con Tomassini, Marshall, Natali, Martinoni e Samuels. Primo quarto è sostanzialmente privo di emozioni: apre Martononi dopo un minuto e mezzo, risponde subito Williams per i siciliani. Si segna poco, le difese sono aggressive; Williams segna in contropiede (8-4), chiude il quarto Amato dalla lunetta (16-14). La seconda frazione si apre con la bomba del sorpasso piemontese di Blizzard, imitato poco dopo dal compagno Marshall (18-20). Fallo di Saccaggi su Marshall e tre tiri dalla lunetta per lo statunitense, che porta i piemontesi al loro massimo vantaggio (18-23). Ciani vuole parlarci su; De Laurentiis dalla media accorcia il gap (22-25); lo stesso centro teatino prima stoppa Marshall, e sulla ripartenza serve un assist al suo compagno di reparto Dudzinski; Casale non senga più e Williams firma il sorpasso bianco-azzurro (28-27), ed Evangelisti dall’arco allunga; a tre decimi di secondo dalla sirena, però, Martinoni appoggia a canestro per il 31-29; si chiude con Saccaggi che prova la preghiera dell’ave Maria. Con un antisportivo fischiato a Piazza si apre il terzo periodo; Marshall prima fa 1/2 dalla lunetta, poi trova il fondo della retina da sette metri ed impatta a quota 35. Dudzinski rinfresca la memoria ai più scettici e infila due bombe consecutive che spaccano il match (43-35). Martinoni e Tomassini provano ad accorciare, ma Chiarastella concretizza un gioco da tre punti e Williams dall’arco portano i siciliani al loro massimo vantaggio (53-41); chiude il quarto Blizzard dalla lunetta. Nell’ultimo periodo Casale cerca invano di recuperare il gap con le bombe di Amato e Tomassini (55-49), e con Marshall, grazie a due giri dalla lunetta (57-55). Ma Evangelisti dall’angolo spegne ogni velleità piemontese, firmando lo strappo decisivo (62-55). L’ultimo minuto è garbage time, finisce 64-57. SALA STAMPA «La cosa che ci ha assolutamente complicato la vita dichiara coach Ramondino – sono state le tredici palle perse nei primi due quarti, e in particolare le tre palle perse negli ultimi quattro possessi del secondo quarto, quando eravamo in vantaggio di tre punti e ci siamo ritrovati poi a meno quattro e, fortunatamente, poi abbiamo chiuso con un canestro il secondo quarto a meno due. Dobbiamo fare dei grossi passi avanti nel limitare gli errori mentali, nel limitare le palle parse, anche gli errori in difesa sui dettagli che portano falli stupidi o rimbalzi di attacco o canestri facili. La nostra incapacità di essere continui nel corso della partita ci ha portato a determinati errori che abbiamo pagato cari. Fermo restando che Agrigento ha meritato la partita, nella bravura di Agrigento di far risaltare i nostri errori e i nostri difetti.» «Oggi ipotizzare che si potesse giocare una partita con un alto punteggio era abbastanza azzardato, – dichiara coach Ciani – perchè loro sono una delle migliori difese del campionato: soprattutto in trasferta, Casale Monferrato ama giocare ad un ritmo più lento, spezzare il ritmo, non far correre gli avversari, e onestamente mi aspettavo una partita di questo tipo, e per vincerla bisognava fare bene sia in difesa che in attacco ed alzare il ritmo il più possibile. Abbiamo avuto una partita molto costante, tranne una flessione nella seconda metà del secondo quarto, considerando la qualità e la forza dei nostri avversari e considerando anche i risultati negativi dell’ultimo periodo che ci sentivamo addosso. I ragazzi sono stati bravissimi a rimanere concentrati sul piano della partita, e credo che siamo riusciti a gestirla con grandissima autorità.»

MVP Basketinside: Dave Dudzinski 18 punti (4/7 t2, 2/2 t3 ), 6 rimbalzi e 25 di valutazione

Fortitudo Agrigento – Junior Casale Monferrato 64-57 (16-14; 15-15; 22-14; 11-14) Fortitudo Agrigento: Williams 19, Chiarastella 15, Saccaggi 2, Piazza, Dudzinski 18, Vai ne, Evangelisti 10, De Laurentiis 4, Udom 2, Portannese ne. Coach: Ciani. Junior Casale Monferrato: Amato 11, Tomassini 5, Natali, Blizzard 5, Martinoni 14, Raiu n.e., Fall 2, Valentini n.e., Samuels 4, Marshall 16. Coach: Ramondino.