Bergamo lotta fino alla fine ma Napoli fa suo un finale thrilling

Bergamo lotta fino alla fine ma Napoli fa suo un finale thrilling

Con gli americani gli orobici dell’ex Calvani rintuzzano ogni tentativo di fuga, Napoli sbaglia quattro liberi negli ultimi 6” ma porta a casa due punti fondamentali. Due punti trovati soprattutto con Monaldi e Sherrod, e dedicati al GM Antonio Mirenghi, che nel corso della partita perde la madre.

di Davide Uccella

GENERAZIONE VINCENTE NAPOLI – BERGAMO BASKET 2014 77-75 (16-15, 27-21, 17-17, 17-22)

GeVi Napoli: Diego Monaldi 21 (3/5, 4/6), Terrence Roderick 18 (4/7, 2/7), Brandon Sherrod 12 (6/9, 0/0), Daniele Sandri 8 (3/5, 0/2), Stefano Spizzichini 6 (3/5, 0/0), Martino Mastellari 5 (1/1, 1/4), Antonio Iannuzzi 5 (2/2, 0/0), Massimo Chessa 2 (0/0, 0/2), Hugo Erkmaa 0 (0/0, 0/0), Francesco Guarino 0 (0/0, 0/0), Amar Klačar 0 (0/0, 0/0), Davide Tolino 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 17 – Rimbalzi: 30 9 + 21 (Terrence Roderick 8) – Assist: 12 (Terrence Roderick 6)

Bergamo: Darryl joshua Jackson 22 (3/5, 3/6), Ruben Zugno 21 (5/6, 2/6), Jeffrey Carroll 19 (5/11, 2/4), Giovanni Allodi 6 (3/6, 0/2), Matteo Parravicini 4 (1/1, 0/2), Cosimo Costi 3 (0/1, 1/2), Davide Bozzetto 0 (0/1, 0/0), Alessandro Marra 0 (0/0, 0/0), Enrico Crimeni 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 23 – Rimbalzi: 24 7 + 17 (Davide Bozzetto 5) – Assist: 11 (Ruben Zugno 4)

In campo per Napoli con Monaldi, Chessa, Roderick, Sandri e Sherrod. Bergamo risponde con Zugno, Jackson, Carroll, Allodi e Bozzetto. Nei primi minuti fruttano per Napoli le marcature di Roderick su Carroll e Chessa su Jackson, intanto Monaldi si sblocca e sblocca la GeVi con cinque punti di fila. Anche Sherrod convince nel tagliafuori e presto trova le misure per farsi valere contro Allodi, Bergamo sconta subito i due falli dell’ex Ferentino e di Zugno ma la regia di Parravicini detta la svolta. Sotto 0-9 e in uscita dal time-out, con 6’05” sul cronometro, il piccolo ex Cantù sfugge spesso e volentieri a Monaldi, con aiuti difensivi non perfetti. Problemi di falli anche per Napoli con i due personali di Sandri, al suo posto Spizzichini. Monaldi difetta anche in regia, Napoli non segna più dal campo, per Bergamo arriva il primo canestro di Jackson, che inaugura un filotto crivellando soprattutto dalla lunetta. Infatti a 3’34” le due squadre sono già in bonus, Napoli cerca alternative inserendo Iannuzzi ma non c’è l’allungo, anzi nel finale di qualrto, dopo l’ennesima gita in lunetta di Jackson, Costi punge dall’arco e regala agli orobici uno svantaggio di misura al 10′ sul 16-15.

Ma i giallo-neri non si fermano, con Zugno arriva anche il primo vantaggio, e la rubata su Guarino frutta a Parravicini la transizione del +3. Momento difficile per Napoli, complice anche il secondo fallo di Iannuzzi, così a 9’11” triplo cambio Sherrod, Monaldi e Roderick in campo. In realtà è chi resta a dare la scossa, il controbreak di 9-0 nasce da un Mastellari in vena, a cui si affianca Sherrod per la linea di fondo che manda su tutte le furie coach Calvani (22-19 GeVi a 6’43”). C’è ancora Mastellari da tre per il +6, alla fiera s’iscrive anche Roderick che risponde a Zugno, ma Jackson non ci sta, e dopo un’altra tripla tentata Roderick si lamenta beccandosi un tecnico. A 4’38” rientra Sandri, Jackson non si ferma ma Monaldi conferma la buona mano e sale anche in difesa, nel testa a testa rispunta anche Carroll dimenticato da Roderick. E’ ancora Monaldi a tenere a galla prima e a trascinare la GeVi poi, Sandri è impeccabile insieme a Sherrod nella difesa sotto e nel tagliafuori. Si tocca il +9 sul 41-32, ultime battute con l’infortunio alla caviglia destra di Parravicini, arrivato da un recupero su Kalacar entrato al posto di Roderick. Folletto che rientra e approfitta di una grave ingenuità a rimbalzo di Jackson, suoi i liberi che valgono il 43-35 al giro di boa.

Ripresa con Costi per Allodi nel quintetto di Bergamo, Napoli opta ancora per Spizzichini al posto di Sandri come variante rispetto allo starting five. Partenza brillante di Spizzichini, bravo a inserirsi dal lato debole e in transizione. La GeVi trova presto il +12 ma arriva il terzo di Chessa, non in giornata neanche dall’arco. Carroll intanto inizia a sfoggiare tutta la sua duttilità, a fatica ma ingrana a livello di percentuali, anche Costi si becca un brutto contatto a rimbalzo ed esce momentaneamente per il rientro di Allodi. Sherrod si conferma decisivo su entrambi i lati (49-38), Jackson risponde con le sue incursioni dal lato debole, ma Carroll ha scaldato la mano a dovere e Spizzichini perde di lucidità (52-44 a 3’34”). Napoli allora va a zona ma non convince, anche Jackson crivella la retina da tre, ultimo minuto con Iannuzzi per dare fiato a Sherrod, gli ennesimi liberi di un Zugno senz’altro più convincente ma poco concreto dai liberi, al pari di Carroll. A fil di sirena tripla salvifica di Monaldi per il 60-53 del 30′.

Bergamo però rientra definitivamente, Jackson è assatanato dall’arco e Zugno con cinque punti di fila regala il -1 agli orobici (62-61). Con Carroll in panca Roderick offre uno scatto d’orgoglio in sospensione e a rimbalzo, puntualmente l’ala di Bergamo rientra, Napoli ancora a zona e ancora esposta a rimbalzo, ma si torna a uomo e questo frutta il contropiede con il punto esclamativo del suo folletto: 66-61 GeVi, time-out Calvani a 6’07”. Al rientro Iannuzzi stringe i denti e si vede, buca la zona ospite dalla media, ma in difesa non contiene l’ottima movenza di Allodi. Il centro ex Brindisi però offre prova di grande visione pescando Sandri dal lato debole, con il nuovo +7 a 4’43” (70-63). Le penetrazioni di Zugno sono davvero troppo per Monaldi, e con due lay-up di talento Bergamo torna a -3. Monaldi cala anche in regia, poche idee con 3’10” sul cronometro. Iannuzzi continau a toccarsi la spalla ma resiste, non resiste Roderick contro Carroll che fa scoccare il tiro del -1 pestando la linea. A 2’07” time-out obbligato per Sacripanti, rientra Chessa con quattro falli, Iannuzzi miracoloso dall’angolo ma lo è altrettanto Carroll per la parità, a 1’34” rientra Sherrod. Finale thrilling, con Sandri che scalda il PalaBarbuto in penetrazione, Zugno si intestardisce nel palleggio braccato da Sherrod e scarica nel vuoto, ma l’ex prospetto canturino piazza la tripla del vantaggio a 28” e c’è un nuovo time-out GeVi. Al rientro quinto di Bozzetto sostituito da Allodi, Sandri pesca Carroll per il secondo personale ma non c’è bonus, momento degli uomini veri a cui Roderick risponde presente, candendo all’indietro con il solo rete. 76-75 Napoli, 8” sul cronometro, time-out Calvani, Jackson va di linea di fondo e perde la maniglia, ma c’è un dubbio per un possibile ultimo contatto della difesa. Protesta il giocatore, protesta anche Calvani che si becca il tecnico. Potrebbe chiudere la partita a 6” dalla fine, Roderick però sbaglia il libero del +2, Bergamo arriva in bonus e Monaldi piazza un solo personale, in difesa palla dubbia assegnata a Napoli per un probabile ultimo contatto di Chessa, a rimbalzo c’è Sandri ma la mano trema ed è 0/2. 2” da giocare, Bergamo può ancora vincere ma la palla va ad Allodi che forza. 77-75 il finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy