Biella batte ogni record, undici successi in casa

Partita tutt’altro che facile contro un Agropoli che non molla mai fino alla fine. Decisivo Hall, mentre per Finelli cecchino Delas con 21 punti non basta

di Giuseppe Rasolo

E sono undici i successi consecutivi in casa che questa Angelico mette in classifica, un vero e proprio record, ma chi pensa che questa sia stata una partita facile si sbaglia di grosso. Agropoli l’ha contesa quasi fino alla fine facendo vedere che poi tutta questa differenza di punti in classifica non c’era assolutamente. Merito di Finelli che ha impostato una partita tutta grinta con una difesa alta, Delas Contento e Romeo da tre con buone percentuali l’hanno tenuta viva, impedendo a Biella di prendere il largo. Angelico si gode Tessitori, decisivo sotto le plance e un sempre reattivo Hall con 19 rimbalzi e 14 punti. Buone le prove anche dei giovani Massone e Wheatle. E con questo successo Biella sempre più capolista solitaria si avvicina a passi da gigante alle Finali di Coppa Italia.

Angelico Biella-Basket Agropoli 88-78
Parziali: 20-19, 40-37, 61-58.
Angelico Biella: Ferguson 17, Hall 14, Massone 7, Venuto 7, Luca Pollone 2, De Vico 7, Udom 10, Matteo Pollone n.e., Wheatle 7, Rattalino n.e., Tessitori 17, Ambrosetti n.e.. All.: Carrea.
Basket Agropoli: Langford 9, Delas 21, Silvestri, Santolamazza, Romeo 17, Contento 15, Amanti, Carenza 11, Lepre n.e., Marra 5. All.: Finelli.
Arbitri: D’Amato, Rudellat, Callea.

Langford, Contento, Romeo, Carenza Delas questo il quintetto che Finelli manda in campo a Biella a cui Carrea risponde con Tessitori De Vico, Hall, Ferguson e Venuto. Biella parte subito forte con un cinque a zero che non lascia dubbi sull’intensità del match, ma Agropoli non si scompone, due triple ed è lì, anzi con un parziale di 13 a 2 fa capire decisamente che non è venuta al Forum per perdere. Carrea chiama time out e inserisce la batteria dei giovani Wheatle e Massone, proprio il talentino biellese ha un impatto deciso nella partita. Biella ricuce lo strappo e va al primo riposo sul più uno. Non cambia la musica nel secondo quarto Udom si carica di falli e Biella si accoppia male in difesa, soprattutto non riesce a limitare i tiri dal perimetro Carenza Delas e Contento, aprono la difesa di Biella. Hall si carica la squadra con una tripla e con una serie di rimbalzi utili per permettere seconde possibilità ai suoi compagni. Alla sirena lunga il vantaggio è ancora di tre punti, dopo l’intervallo non cambia la filosofia di Finelli, non può disporre a lungo di Langford caricato di falli ma tra Carenza Marra Romeo e Delas dal perimetro la palla circola bene, Biella cerca di scappare e si tiene a galla grazie a Tessitori 17 punti e lotta sotto ai tabelloni. Ferguson e poi Romeo chiudono all’ultima sirena da tre. L’ultimo quarto Agropoli comincia a sentire il peso della battaglia i falli aumentano e Carenza è il primo a tornare anzitempo in panchina per falli, tocca poi a Langford e in questo modo le scelte di Finelli diminuisco. Biella tuttavia non ha la lucidità necessaria per chiuderla, aumenta un po’ il divario ma non assume proporzioni ampie. Soddisfatto il Presidente Angelico, un bel record quello di undici vittorie consecutive che fa ben sperare per il campionato e soprattutto per la Coppa, ma questa è un’altra storia.

Fotogallery a cura di Alberto Tesoro

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy