Biella non passa, al PalaMoncada vince Agrigento

0

Un’altra piemontese, un’altra vittoria. Dopo Torino e CasalMonferrato, oggi è toccato a Biella inchinarsi. Non è stato facile per la truppa allenata da coach Ciani ad avere la meglio sui rosso-blu. Ospiti che si presentavano al palaMoncada con Alan Voskuil non nelle migliori condizioni fisiche (2/7 dal campo), ma con un Benjamin Raymond incontenibile, grazie ai 19 punti messi referto arricchiti da 9 rimbalzi. Dalla sponda bianco-azzurra Marco Evangelisti nell’ultimo quarto ha messo a referto 15 dei 25 punti della serata; non di meno è stato Andrea Saccaggi, che nel momento cruciale ha infilato tre triple ‘ignoranti’; infine brillante è stata la prestazione del play Alessandro Piazza, che ha fatto si che i siciliani restassero a contatto durante l’incontro.

Coach Ciani schiera lo starting-five base con Piazza, Williams, Evangelisti, Chiarastella e Dudzinski, mentre coach Corbani risponde con Laquintana, Voskuil, Lombardi, Raymond e Chillo.

Biella parte forte e grazie ad una difesa attenta si porta sullo 0-7. I siciliani si sbloccano dopo tre minuti grazie al capitano Chiarastella. Evangelisti dall’arco riduce il gap (7-9); Biella difende forte ma sporco e a metà quarto è già in bonus. Piazza ruba a centrocampo e appoggia per il pareggio a quota 11. Ma è Saccaggi, che prima dalla lunetta porta il primo vantaggio interno, poi dall’arco chiude il parziale sul 20-17. Il secondo quarto si apre con un appoggio di Piazza dopo una palla rubata. In difesa, però, i siciliani commettono troppi falli e in un amen si trovano già in bonus; Infante ne approfitta e porta i piemontesi avanti (26-30). Williams con un arresto e tiro accorcia, ma sempre il centro rosso-blu dalla linea dei 6.75 trova il fondo della retina. La guardia statunitense chiude un alley-oop aperto da Piazza, subendo anche fallo, ma dalla lunetta non concretizza e si va al riposo lungo sul 31-33.

Nel terzo parziale le conclusioni pensanti di Laquintana, Infante e di Voskuil (l’unica della serata) permettono agli ospiti di allungare (35-46). Ciani ne vuole parlare su; Williams, prima dalla lunetta e poi dall’angolo, riduce il gap (41-46). Agrigento perde De Laurentiis (quinto fallo) quando mancano ancora tre minuti. Laquintana dalla distanza e Chillo, che concretizza un gioco da tre punti, tengono i padroni di casa a distanza. Piazza serve un bellissimo alley-oop a Udom che schiaccia, e poco dopo lo stesso play bolognese dalla lunetta chiude il quarto sul 49-52. Ultima frazione di gioco ricca di emozioni: si apre con un sottomano di Evangelisti (51-52), mentre dall’altra parte Raymond e Laquintana riportano i rosso-blu a distanza di sicurezza. Saccaggi mette a segno due triple impossibili sul filo della sirena dei ventiquattro (57-58), ma è Evangelisti con la sua bomba ad impattare sul 60 pari. Parità che dura pochissimo perchè dall’altra parte risponde dall’arco Raymond. Ma la partita ha cambiato inerzia e i ragazzi di coach Ciani l’avvertono. Biella è in bonus ed Evangelisti trova contatti importanti: dalla lunetta il montevarchino è un cecchino che vale il sorpasso (68-65). Udom allunga, mentre Piazza commette il suo quinto fallo della serata a 1:30 dalla sirena. Raymond dalla lunetta fa il pieno, ma Saccaggi si inventa un’altra tripla ignorante ad un minuto dalla fine (73-67). Nell’ultimo minuto i padroni di casa amministrano il vantaggio. Finisce 76-70 per i siciliani.

«É stata  una bella partita sicuramente per il pubblico – commenta coach Fabio Corbani – e Agrigento dopo un momento di difficoltà è tornata a credere ella partita, dimostrando di avere tutte le qualità per continuare a far bene, noi invece abbiamo rallentato il ritmo e poi ci sono stati quei canestri pazzeschi di Andrea Saccaggi che hanno chiuso la partita » «Abbiamo avuto una reazione notevole sotto il profilo caratteriale, – dichiara coach Franco Ciani – di intensità e difensiva nella seconda parte della partita. Innegabilmente nei primi due quarti avevamo sbagliato molti tiri, poi abbiamo recuperato e soprattutto nell’ultimo quarto siamo riusciti a segnare anche tiri difficili. É stata una rimonta costruita con sudore, lavorandoci tanto, alla fine ci sono valsi tanti palloni recuperati, tante opportunità per ricucire il divario iniziale che abbiamo gestito al meglio.» MVP Basketinside: Marco Evangelisti 24 punti (4/7 t2, 2/3 t3, 10/10 tl) e 21 di valutazione

Fortitudo Agrigento – Angelico Biella 76-70 (20-17; 11-16; 18-19; 27-18)

Fortitudo Agrigento: Vai ne, Evangelisti 24, Williams 15, Chiarastella 4, De Laurentiis, Saccaggi 14, Piazza 10, Udom 4, Portannese ne, Dudzinski 5. All.: Ciani.

Angelico Biella: Chillo 7, Laquintana 12, Infante 15, Lombardi 7, Berti 4, Raymond 19, Pollone ne, Voskuil 5, Danna 1, Marzaioli. All.: Corbani.

Fotogallery a cura di Massimo Palamenghi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here