Biella si sbarazza dell’Orlandina e si laurea campione d’inverno

Galbiati si gode un Ed Polite stellare e stratosferico e il primo posto in solitario alla fine del girone d’andata di una stagione che si colora di rossoblù.

di Giuseppe Rasolo

Una partita infinita condizionata da una marea di contatti e falli sopratutto nell’ultimo quarto, con un’Orlandina indomita che ha cercato di rientrare fino all’ultimo sospinta dall’ex Marco Laganà. Eppure, in una serata non eccelsa per Bortolani, Galbiati si gode un Ed Polite stellare e stratosferico e il primo posto in solitario alla fine del girone d’andata di una stagione che si colora di rossoblù. Finisce 88 a 74 e la prossima è il derby.

Biella vs Orlandina Basket 88 – 74 (23-21; 45 – 34;66 – 51)

Biella: Donzelli 4, Omogbo 17, Barbante 7, De Angeli 0, Bortolani 11, Saccaggi 11, Bassi 0, Pollone 3, Lombardi 12, Massone 3, Ed Polite jr 20. All. Galbiati

Napoli: Galipò 0, Lagana 17, Johnson 15, Mobio 7, Querci 3, Ani 0, Bellan 7, Kinsey 18, Donda 3, Lucarelli 4, All. Sodini

Tiri Liberi Biella 33/47 Orlandina 18/27, Rimbalzi Biella 48 Orlandina 37 Assist Biella 16 Orlandina 10

Ultima di campionato del girone d’andata che pone di fronte a Pallacanestro Biella l’Orlandina. Sodini manda in campo Lucarelli, Johnson, Kinsey, Bellan e Laganà mentre Biella va in campo con Bortolani, Ed Polite, Saccaggi, Donzelli e Omogbo. E’ un’Orlandina subito in palla quella che entra sul parquet determinata e vogliosa e che dopo una tripla di Kinsey mette subito il naso avanti 7 a 2. Ci pensa Giordano Bortolani con una tripla delle sue a chiudere il break e a dettare la linea. Biella fa fatica soprattutto in difesa contro l’atletismo di Johnson. Partita di contatti questa e al secondo fallo sia Bortolani e Kinsey si accomodano in panchina, chi patisce di più è l’Orlandina con Biella che rientra in partita e impatta due volte sul 15 e sul 17 pari. Ci vuole una tripla di Ed Polite per mettere il naso avanti per Biella, vantaggio poi difeso con le unghie e i denti da Pollone che segna anche l’ultimo punto per Biella di questo primo quarto. Dopo un bel canestro di Ed Polite in versione deluxe l’Orlandina rientra e anzi mette il naso avanti con un mini parziale di sei a zero, ci pensa Barbante a aumentare il gap con sette punti consecutivi di cui due triple, Johnson cerca di ricucire lo strappo ma ogni volta che gli ospiti si avvicinano Biella mantiene le distanze con Saccaggi, e dopo un’altra tripla di Massone Biella va in doppia cifra di vantaggio che tiene fino all’intervallo lungo (45 – 34).

Al rientro in campo Orlandina aumenta la difesa ma per Sodini aumentano a dismisura anche i falli saranno 32 alla fine della partita, questo fa fare diversi viaggi in lunetta ai biellesi ma le polveri sono bagnate con 14 tiri sbagliati dalla linea della carità. Biella va a strappi, alterna palle perse a canestri impossibili con una tripla di Ed polite in step back e un Lombardi molto ben reattivo che chiude con un gioco da tre l’ultimo quarto con un più 15 che sembra determinato. Chi non si arrende è però Marco Laganà, detta i tempi, ruba palloni e segna da tre. L’Orlandina arriva fino al meno sette quando mancano tre minuti. Ci vuole il miglior Saccaggi che in contropiede e poi con un alley up per Ed Polite a chiudere la contesa. E adesso testa al derby mentre per la Coppa si prospetta un quarto per cuori palpitanti con Piacenza in cui militano Ferguson e Hall, praticamente un altro derby.

Fotogallery a cura di: Matteo Cerreia Vioglio

_MG_0720

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy