Cannon dominante, Williams uno spettacolo, Agrigento risorge battendo una spenta Tortona

Vittoria “scacciacrisi” per i giocatori di coach Ciani guidata dalle prestazioni maiuscole dei suoi americani

di Salvo Trifirò

Dopo cinque sconfitte di fila, la Fortitudo Agrigento cerca la rinascita di fronte il suo pubblico per tornare a smuovere una classifica che piano piano diventa sempre più preoccupante. Di fronte la tostissima Tortona che arriva dalla sconfitta esterna contro la Leonis Roma. Fin dal primo momento si sente l’importanza della partita che inizia subito con grande intensità, concludendosi con la vittoria di Agrigento con un grandissimo secondo tempo, 88-78.

Quintetti:

Agrigento: Zugno, Williams, Evangelisti, Cannon, Zilli

Tortona: Spanghero, Stefanelli, Johnson, Sorokas, Garri

Primo Tempo:

Il primo minuto di gioco è tutto a tinte biancazzurre con Agrigento che sfrutta le mani già calde di Zugno e Cannon, è subito 5-0 ma Tortona entra nel vivo del gioco prima con Garri, poi armando la mano e la classe di uno scatenato Johnson che oltre le triple dall’arco riesce a confezionare grandi assist per i lunghi, pick and roll sfruttati alla grande dalla squadra di Pansa. Cannon rappresenta il terminale offensivo dei suoi, viene cercato in tutte le soluzioni per il miss match fisico che riesce a cavalcare in ogni scontro diretto con Sorokas, quest’ultimo, meno efficace in difesa, riesce ad esserlo in attacco dove tra le altre cose confeziona un gioco da 3 punti di ottima fattura, schiacciando e subendo il fallo. Nel secondo quarto le soluzioni offensive agrigentina trovano più variabilità con l’ingresso di Pepe che dà nuova linfa al gioco, cosa che Evangelisti non è ancora riuscito a fare. Ancora un super Cannon, assistito Dall’amico Williams, firma l’allungo della squadra agrigentina che chiude il primo tempo sul 48-41.

Terzo Quarto:

Tripla di Spanghero che dopo un primo tempo anonimo si iscrive alla gara, risponde subito Zugno con un bellissimo step-back dalla media. Momento di bellissima pallacanestro con le squadre che sbagliano davvero poco, attacchi molto efficaci. Tripla di Garri che porta a -4 i suoi ma i siciliani rispondono immediatamente con la tripla di Evangelisti e i due punti di Zilli, i primi della sua partita comunque solida in difesa. Evangelisti è entrato definitivamente in partita e non è un caso che la squadra abbia cominciato ad essere corale in attacco, la scena comunque è di uno strepitoso Williams che con 4 punti consecutivi di una bellezza abbagliante, chiude il terzo quarto sul 73-60.

Quarto Quarto:

la musica non sembra essere cambiata, Agrigento continua a rimanere padrona del campo con il solo Quaglia a dare il giusto contributo dalla panchina per Tortona. Da segnalare la trasformazione di Evangelisti tra il primo ed il secondo tempo, una tripla nel terzo quarto lo ha sbloccato definitivamente, facendolo tornare ai suoi standard di altissimo livello. Tortona tenta disperatamente di tornare a contatto, sul -14 però Stefanelli sbaglia due liberi, dall’altro lato una tripla insensata di Pepe porta sul +17 la squadra di Ciani che mette il punto esclamativo su una vittoria importantissima, risultato finale di 88-78.

 

immagine di Giuseppe Rigoli

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy