Casale centra la salvezza, Leonessa domata al Ferraris

0

Per Casale è salvezza matematica ; con la vittoria per 83-77 sulla Leonessa Brescia la Junior compie il miracolo insperato a inizio campionato .Capitano Martinoni chiude da MVP con 17 punti, 4assist e 5 rimbalzi! Per la Junior grande prova di un determinante Bruttini (12+8 rimbalzi ),Cutolo con 14(2/3 da 3 punti ),13 per Casini e 14 di Dillard tutti negli ultimi due quarti. Per Brescia 21+9 di Giddens, 9 rimbalzi anche per Cuccarolo.

Novipiu’ Casale M.to – Centrale Latte Bs 83-77 (19-20, 17-23, 14-12, 33-22)

Novipiu’ Casale M.to: Marcos Casini 13 (3/3 da tre), Giovara, Bruttini 12 (6/11), Amato 3 (1/1, 0/1), Dillard 14 (1/5, 1/3), Martinoni 17 (5/6, 2/3), Cutolo 14 (2/5, 3/4), Fall, Jackson 10 (3/8, 1/3) N.E.: Di Prampero
Tiri Liberi: 17/23 – Rimbalzi: 27 21+6 (Bruttini 8) – Assist: 12 (Jackson 5) – Cinque Falli: Cutolo

Centrale Latte Bs: Bushati, Slay 5 (2/4, 0/2), Procacci, Rinaldi 12 (4/10), Loschi 11 (1/2, 3/4), Fultz 12 (4/6, 0/2), Di Bella 11 (1/3, 3/3), Cuccarolo 4 (2/2), Ray Giddens 21 (7/13, 2/5), Maspero 1 (0/1)
Allenatore:Martelossi
Tiri Liberi: 11/17 – Rimbalzi: 29 20+9 (Cuccarolo, Ray Giddens 9) – Assist: 14 (Fultz, Di Bella 4) – Cinque Falli: Bushati, Fultz

Termina 83 a 77 per i padroni di casa della Novipiù la partita valevole per il 25imo turno di campionato di Lega Gold che l’ha vista opposta alla tenace Centrale del Latte Brescia.
Con un’ ultima frazione di gioco tutta cuore, difesa e determinazione, Casale completa la rimonta nei confronti della Leonessa e centra la vittoria più importante del campionato, quella che vale un’ intera stagione: è salvezza con cinque giornate di anticipo.
Un traguardo fortemente voluto da società, ambiente, giocatori e, come detto, conquistato in larghissimo anticipo su ogni più rosea aspettativa e previsione.
Tra i protagonisti in assoluto della gara dell’anno, sicuramente capitan Niccolò Martinoni, che bissa la chiamata in nazionale con una prova monstre fatta di un eccellente 7/9 totale dal campo, 5 rimbalzi e ben 4 assist.
Il capitano ha portato la croce nei momenti decisivi, ha fatto a sportellate con Slay, messo punti con conclusioni di pura tecnica dal pitturato, ma ha saputo centrare con regolarità l’obiettivo anche dalla lunga (2/3 ottimo finale) e servire palloni determinnti per i compagni; chiave della prestazione del Magic14 rossoblù, l’aver potuto contare su un centro di esperienza e sostanza come Bruttini, che, finalmente a disposizione per 25′, ha aiutato, e non poco, il gioco dei suoi, segnando ben 8 rimbalzi ( 4+4 ) e messo a referto 12 punti nel cuore della difesa bresciana.
Altro elemento determinante della vittoria piemontese è stato quel Juan Marcos Casini che ha risposto per l’ennesima volta presente alla chiamata di coach Griccioli; il 3/3 dalla lunga parla da solo, ma la difesa che l’oriundo ha opposto a Loschi, Giddens e Fultz è la certificazione di un ultima parte di stagione che lo ha visto protagonista assoluto, in grado di fermare giocatori forse più blasonati, forse di più grande risonanza, ultima parte di stagione accompagnata da una condizione fisica e mentale che ne hanno fatto la vera arma in più monferrina.
E se aggiungiamo che la serata è stata tutt’altro che semplice per i due USA Dillard e Jackson, allora il lavoro della pattuglia italiana completata da Cutolo (14 per lui con 3/4 da 3 e 5 rimbalzi) è stato veramente eccellente.
Brescia: la squadra di Martellossi era forse all’ultima chiamata playoff, desiderosa di ottenere quela rivincita da una gara di andata persa tra le mura amiche dopo un drammatico supplementare e che fu il vero spartiacque della stagione rossoblù.
Brescia: potenziale indiscutibile, roaster da prime 4 della classe, nomi da A1, seppur reduci da alcune problematiche fisiche che ne hanno contaddistinto negativamente le ultime giornate.
Brescia aveva affrontato bene la prima parte di gara, disponendosi subito a zona in difesa, complicando i piani degli uomini di casa che subito soffrivano con Dillard e Jackson spesso avulsi dal gioco, poco incisivi e a volte frettolosi nelle conclusioni.
Casale veniva così punta nell’ orgoglio, dopo che, nei primi minuti di gioco, sembrava quasi appagata da quanto fatto fin qui in stagione; eppure, con l’ottima prova dal pitturato, la Novipiù restava in scia sino a fine primo quarto, mentre perdeva di vista la Leonessa che chiudeva i primi 20′ con un ottimo 6/8 da 3 punti (percorso netto di Loschi e Di Bella con 3/3 per entrambi gli italiani) e arrivava alla sirena dell’ intervallo lungo con un + 7 importante ma frutto anche di una difesa casalese che troppi buchi aveva lasciato alle bocche da fuoco lombarde.
Importante, tra i bresciani, l’apporto di superGino Cuccarolo; il lunghissimo bresciano metteva in difficoltà sotto le plance (9 rimbalzi di cui 5 in attacco in neanche 10′) un troppo morbido e pulito Abdel Fall, apriva corridoi fondamentali per le scorribande di Fultz ( 4/8 alla fine dal campo per l’esperto play) e per il sempre temibile Giddens ( 21 + 9 in 33′ per la vera bandiera di questa Leonessa).
Di tutt’altra impronta i secondi 20′ :Casale appariva immediatamente in partita, rimediava con l’aiuto della sua gente a quanto poco aveva dato sotto l’aspetto mentale all’ approccio al match.
La pausa forzata per le Final Six di Rimini non era stato il miglior viatico per i Griccioli-boys; sempre complicato ritrovare il ritmo partita, specie se l’avversario di turno è di quelli che abbinano fisicità e tecnica da vendere..
Ma come detto, i secondi 20′ lasciavano presagire un finale dolce per i casalesi; Cutolo e Casini si prendevano le responsabilità dal campo e infilavano a ripetizione la retina bresciana avvicinando la Novipiù sino al -5 della terza sirena.
L’ultimo quarto è quello dell’apoteosi piemontese; Dillard leggeva sempre correttamente le situazioni difensive bresciane, mandava presto in bonus i lombardi e concludeva con 9/10 dalla lunetta frutto di 7 falli subiti.
Cutolo, prima di uscire per 5 falli, infieriva una volta di più contro la vittima lombarda, subiva un fondamentale sfondamento che dava ulteriore fiato alle sirene monferrine; entrava finalmente in partita anche Jackson, che concludeva alla fine in doppia cifra con 10 punti e ben 7 falli subiti dal secondo USA di Casale.

LA PARTITA – Inizio di confronto contraddistinto da grande intensità difensiva da parte di entrambe le squadre, un canestro di Martinoni e due conclusioni realizzate da distanza ravvicinata di Bruttini portano il punteggio sul 6-5.
La Junior trova la via del canestro con una serie di canestri dalla media distanza di Cutolo, capitan Martinoni ( conclusione acrobatica in un quasi mezzo gancio per lui) e Jackson.
La tripla centrale del capitano rossoblù sembra spianare la strada ai padroni di casa e portava la Novipiù sul 17-12, allungando sulla formazione ospite.
Brescia non ci stava proprio, approfittava di alcune giocate mal concluse da un Dillard ben limitato, e con un paio di giocate da sotto canestro e una tripla nell’ultima azione del primo quarto sorpassa gli avversari e si porta sul 19-20 di fine primo quarto.

Ricomincia subito forte la Novipiù, con una parziale di 8-0 grazie alle due triple degli specialisti Cutolo e Casini e alla marcatura da due punti dello stesso Cutolo.
Un controparziale della formazione ospite porta il punteggio sul 30-38, con la Leonessa brava a sfruttare la difficoltà dei rossoblù a trovare contromosse alla difesa a zona schierata da Martelossi.
Spadroneggiano in questa fase Di Bella e Loschi, autori di conclusioni dalla lunga che sembrano tagliare le gambe ai ragazzi di Griccioli.
Nel finale di secondo quarto, però, Casale ritrova il giusto ritmo e possesso dopo possesso prova a ricucire il gap, fino alla seconda sirena che suona sul 36-43.

Ad inizio ripresa Brescia parte subito forte quasi a respingere l’animosità con cui la Junior approcciava la seconda metà di gara ; i primi 5′ segnano un parziale in favore degli ospiti di 41-53 – 12 Casale e buoi pesto in Monferrato.
La reazione della Junior sta tutta nella preziosa giocata di Jackson, che permette di accorciare il gap, 48-55 a 2′ dalla terza sirena.
Brescia perde lucidità offensiva, Bruttini ne approfitta e sotto canestro firma il -5. L’attacco lombardo fatica a trovare il canestro, Fall si batte ma non ne approfitta nel pitturato e il terzo quarto si chiude sul 50-55: partita ancora una volta riaperta.

L’ultima fetta di gara inizia con l’accelerazione degli ospiti: contropiede con schiacciata di Loschi e schiacciata di Cuccarolo in faccia a Fall; tutto da rifare per Martinoni & Co. che devono nuovamente ripartire da uno svantaggio in doppia cifra.
Ma la Novipiù sa che stasera si gioca la fetta più golosa della torta di un’ intera stagione, risponde con un mini-break griffato Dillard, finalmente incisivo, dinamico e risolutore, tanto che il folletto americano riporta quasi da solo il punteggio sul 59-61.
Si va avanti a fiammate e palle perse ma è la tripla urlata da Martinoni a infiammare il PalaFerraris, sancendo il -1 (62-63).
A poco meno di 4′ dalla fine la zampata decisiva della Novipiù sulla gara: tre triple di Dillard, Cutolo e di un immeso capitan Martinoni siglano un parziale di 11-0, la Novipiù allunga decisamente sul 68-63 e apre la strada verso la nonna vittoria casalinga. Tutti partecipano al festival delle triple  (10/17 finale per Casale) e la Junior allunga sul 74-65.
A meno di un minuto dalla fine la sfida si sposta sulla linea del tiro libero con un 44 di Dillard e punteggio fissato sul 78-75. Il finale dalla lunetta sancisce il definitivo 83-77.

Brescia ancora una volta rimanda l’avvicinamento alla zona play-off e viene raggiunta in classifica a quota 24 proprio da Casale;  i monferrini, con la salvezza matematica guadagnata in un Palaferraris ancora una volta calorosissimo, avrà ora la possibilità di godersi un finale di stagione mentalmente più rilassante e, chissà, magari ricco di altre e inaspettate soddisfazioni. 

Fotogallery a cura di Stefania Monsini