Casale spazza via Agropoli, pokerissimo per Ramondino e co.

Una straripante Novipiù abbatte per 89-51 Agropoli, al termine di un match esaltante.

di Nicolò Foto

Una straripante Novipiù abbatte per 89-51 Agropoli, al termine di un match esaltante, condotto dal primo all’ultimo istante di gara. Risultato mai in discussione ottenuto grazie alla prova superlativa di capitan Martinoni, top scorer di giornata con ben 22 punti a referto e, per forza di cose, MVP. Per la squadra allenata da coach Marco Ramondino è la quinta vittoria consecutiva. Ad Agropoli, invece, la notte è sempre più fonda.

Gioia per le cinque vittorie consecutive o rammarico per lo 0 su 5 ottenuto in avvio di campionato? Difficile dirlo, ma è meglio non pensarci e godersi il momento ed una salvezza ormai matematica: con uno spumeggiante 89-51 la Novipiù Casale Monferrato abbatte Agropoli, sempre più in difficoltà, tecnica e morale.

In avvio Ramondino sceglie l’esperienza del quintetto formato da Tomassini, Natali, Tolbert, Di Bella e Martinoni a cui i campani rispondono con Santolamazza, Delas, Langford, Contento e Carenza, optando per mandare in panchina il neoarrivato Soloperto, autore alla fine di 8 punti. E’ il centro americano ospite a bagnare per primo la retina, realizzando quello di che fatto sarà l’unico vantaggio nella gara shock di Agropoli. Manco a dirlo la risposta è di Capitan Martinoni, MVP di giornata, autore dalla distanza dei primi tre punti dei ventidue personali totali: roba da stropicciarsi gli occhi. Ma il re, anzi, il king del parquet, almeno nel primo quarto è Jordan Tolbert, cresciuto esponenzialmente di gara in gara, bravo in fase difensiva ed offensiva: è subito 5-2. Per gli ospiti ci prova Santolamazza, ma il suo gioco “nervoso” manda in difficoltà le rotazioni di coach Finelli, limitato dalla panchina corta e dai falli dei suoi: buona, almeno sulla carta, la scelta tattica dell’allenatore bolognese che opta per una zona in grado di coprire la superfice del pitturato. Ma non è giornata. La Junior penetra comunque, mentre le triple campane si fermano sul ferro, con un terribile 0/3 dalla distanza. Il parziale di 20-12 fa subito capire da che lato tira il vento. Nel secondo quarto è Soloperto, coadiuvato da Romeo, a suonare la carica, mentre Blizzard e Denegri si fermano sul ferro: l’aria sta per cambiare? Neanche per idea. È sempre Tolbert a prendersi le responsabilità, così come Natali dimostra che, al contrario degli ospiti, dal perimetro la Novipiù sa farci sul serio: 3/3 in sequenza e 27-16 casalese. Anche Denegri e Martinoni si ispirano dalla distanza e Agropoli scivola lontano a -16, incapace di arrivare al canestro juniorino con un impietoso score di 1/13 da tre punti all’intervallo lungo.

Pausa a cui la Novipiù arriverà da assoluta padrona del match: 42-23. E’ un fuoco di paglia la reazione campana, di ritorno dalla pausa. Delas appoggia a canestro, ma Tomassini, sotto media punti ma sontuoso in zona assist; saranno quattro al termine; porta subito i suoi sul 50-25, raddoppiando gli avversari. Casale difende alla grande, Langford prova tiri che gli competono per cognome ma non per nome di battesimo: soltanto dalla lunetta riuscirà ad essere pericoloso. La Junior ingrana così la quinta marcia e fa definitivamente il vuoto, chiudendo andando verso gli ultimi dieci minuti con il punteggio di 65-36.

Giulio Russo, presidente di Agropoli, si dispera. Invoca il Signore, la panchina, coach Finelli: ma è tutto inutile. I suoi non ne hanno più. L’ultimo quarto sarà pura accademia da parte dei piemontesi che difendono in modo impeccabile e che chiuderanno con un quintetto opposto a quello sceso per primo sul parquet. La partita è stravinta, Agropoli si accascia come un pugile che non fa presagire nulla di buono in vista del prossimo incontro. Come si spiega la debacle campana: 16/34 da 2, 1/17 dalla lunga distanza. Tutto tremendamente troppo semplice. Tutto tremendamente troppo brutto.

Novipiù Casale 89 – Basket Agropoli 51
PARZIALI: 20-12, 42-23, 65-36, 89-51

NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO: Tolbert 11, Nikolic 5, Denegri 5, Tomassini 9, Natali 11, Blizzard 9, Di Bella 6, Martinoni 22, Severini 5, Valentini 3, Bellan 3, Ielmini. Coach: Marco Ramondino.
BASKET AGROPOLI: Soloperto 8, Langford 14, Delas 4, Silvestri, Santolamazza 8, Romeo 3, Contento 12, Amanti, Carenza 2, Marra. Coach: Alessandro Finelli.
Arbitri: Stefano Ursi, Alberto Scrima, Chiara Maschietto.

Foto di Stefania Monsini

Ultras Junior Casale

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy