Cividale, tutto facile contro Chiusi

0

Nel primo turno infrasettimanale per la terza giornata di andata del campionato, la Gesteco ospitava l’Umana Chiusi con il duplice intento di dare seguito all’importante successo esterno colto domenica scorsa ad Orzinuovi e “vendicare” lo 0-2 con cui i toscani si erano imposti nella passata stagione, in particolare la bruciante sconfitta con una tripla di “tabella” a fil di sirena che aveva mandato di traverso all’ambiente ducale il panettone natalizio e precluso alle Aquile l’ingresso ai quarti di finale di Coppa Italia.

Missione compiuta senza distrazioni e con autorevolezza e che consente adesso alle Aquile di affrontare con il giusto abbrivio ed il pieno di autostima i prossimi due impegnativi incontri a Piacenza e al Carnera per il primo derby regionale del campionato contro la truppa di Vertemati. Si parte con Rota, Redivo, Mastellari, Dell’Agnello, Berti per Cividale e Dellosto, Tilghman, Martini, Possamai e Spear per Chiusi con il Gaucho di Bahia Blanca a bucare subito dalla distanza la retina toscana e Cividale che cerca subito un sollecito allungo (8-3 a 7’20”); gli ospiti però non si fanno intimidire e grazie ad un Possamai che fa soffrire sottomisura la difesa delle Aquile, prima si riportano in parità (12-12 a 3’50”) e poi avanti di due punti per una chiusura di tempo che vede infine il tabellone segnare 18-16 per Cividale con il ferro che
respinge una tripla di Redivo per il +5. In avvio di seconda frazione il match si mantiene equilibrato perché Cividale fatica a trovare il canestro perdendo qualche pallone di troppo e caricandosi di falli, prima che una bomba di Redivo e due consecutive di capitan Rota diano alle Aquile il + 6 (30-24) a 3’03” dall’intervallo lungo, a cui si perviene poi sul 36-29 con una schiacciata di Miani che scarica nel canestro toscano la rabbia per una palla persa banalmente nel possesso precedente. Il terzo periodo si apre con 5 punti consecutivi di Mastellari
(tripla da distanza siderale e tiro da due in sospensione) che danno il + 10 ai ducali (41-31 al 7’50”), ma i toscani anche in questo frangente riescono a rifarsi sotto con un grande lavoro di Possamai sotto il tabellone dei padroni di casa (44-40 a 5’25”); Cividale però non perde la bussola e con la “solita” tripla di Redivo e un assist del Gaucho che aziona nel pitturato Miani si riportano sul + 9 a 4’17” dalla penultima sirena; il momento è quello buono per cercare di “andare via” e dopo essersi portata sul 54-40 a 2’41” conferma il + 15 (59-44) alla fine del
parziale, sempre con Redivo e Miani sugli scudi. La parte conclusiva del match inizia con le Aquile che si portano sul + 19 (63-44) con due canestri consecutivi sottomisura di Furin e poi senza mai perdere il “filo del discorso” rintuzzano ogni tentativo dei toscani di rientrare nel match e portano a casa i primi due punti casalinghi della stagione con l’eloquente finale e la Marea gialla in festa.

Autore: Giuseppe Passoni

UEB Gesteco Cividale – Umana Chiusi 82-58 (18-16, 18-13, 23-15, 23-14)

UEB Gesteco Cividale: Lucio Redivo 23 (1/2, 6/10), Martino Mastellari 13 (1/3, 3/6), Gabriele Miani 12 (4/6, 0/2), Eugenio Rota 9 (1/3, 2/3), Giacomo Furin 9 (4/6, 0/0), Giacomo Dell’agnello 7 (2/2, 0/0), Matteo Berti 6 (2/4, 0/0), Saverio Bartoli 3 (1/5, 0/3), NicolÒ Isotta 0 (0/2, 0/1), Leonardo Marangon 0 (0/0, 0/0), Michele D’onofrio 0 (0/0, 0/0), Shaka Balladino 0 (0/0, 0/1)

Tiri liberi: 17 / 21 – Rimbalzi: 36 8 + 28 (Gabriele Miani 7) – Assist: 17 (Lucio Redivo 5)

Umana Chiusi: Luca Possamai 15 (6/10, 0/0), Nicolo Dellosto 11 (2/3, 1/4), Matteo Martini 8 (3/6, 0/0), Austin Tilghman 7 (0/4, 1/5), Mihajlo Jerkovic 7 (2/2, 1/4), Kahliel Spear 6 (3/7, 0/1), Alessandro Chapelli 4 (2/2, 0/1), Lorenzo Raffaelli 0 (0/5, 0/4), Davide Bozzetto 0 (0/0, 0/1), Giulio Lorenzoni 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 19 – Rimbalzi: 30 10 + 20 (Luca Possamai 9) – Assist: 11 (Austin TilghmanLorenzo Raffaelli 3)