Ferentino espugna Trapani in volata e consolida il terzo posto

0

LIGHTHOUSE TRAPANI-FMC FERENTINO: 71-72 (16-25, 33-44, 46-63).

TABELLINO:

TRAPANI: Renzi 15, Meini, De Vicenzo n.e. Baldassarre 12, Bossi 2, Urbani 2, Bray 7, Ferrero 10, Conti, Legion 23. ALL. LARDO.

FERENTINO: Guarino 7, Starks 14, Roffi n.e., Allodi 8, Bucci 20, Pierich 16, Ghersetti 2, Martino 1, Biligha 4, Okon n.e.. ALL. GRAMENZI.

QUINTETTI:

TRAPANI: Meini, Bray, Legion, Baldassarre, Renzi.

FERENTINO: Starks, Bucci, Pierich, Ghersetti, Biligha.

ARBITRI: Enrico Boscolo di Chioggia (VE), Claudio Di Toro di Perugia e Marco Marton di Conegliano (TV).

Altra sconfitta casalinga per la Lighthouse Trapani, la quinta, che gioca 30 minuti inguardabili, rischiando nell’ultimo parziale il clamoroso sorpasso. Dall’altra parte Ferentino chirurgica per tre quarti, nell’ultimo paga dazio alla stanchezza, vista l’assenza di Omar Thomas, ma grazie ad un rimbalzo d’attacco di Biligha, chiude meritatamente la pratica.

1° QUARTO:  La partita comincia con un gioco da tre punti di Baldassarre, ma Ferentino dopo un paio di minuti di assestamento piazza un parziale di 8-0, interrotto da una tripla di Bray. Legion dopo sei minuti di gioco ha solo sparacchiato, quando finalmente si sblocca, coach Lardo lo tira fuori dalla contesa. I laziali però sono molto tonici e precisi, Pierich, Bucci e una triplona di Guarino producono il primo serio allungo 10-19 al 7° minuto di gioco. Ma entra in partita Andrea Renzi, 4-0 tutto per i padroni di casa, però il finale è di Ferentino, che trascinata da Starks chiude il quarto avanti 16-25.

2° QUARTO:  Ferentino all’inizio allunga subito sul 18-30, grazie ad un solido Pierich, ci vuole una “bomba” di capitan Ferrero per bloccare la fuga laziale, ma nonostante il prematuro terzo fallo di Biligha, Ferentino si dimostra molto in palla, 23-33 al 15° minuto. Gli attacchi delle due squadre  vanno per qualche minuto in tilt, ma Pierich sembra in stato di grazia (14 punti), mentre Legion sembra il fratello brocco, sbagliando anche una schiacciata in solitudine, punita immediatamente dal tiro pesante di Bucci, che porta Ferentino avanti 29-40, massimo vantaggio della serata al 18°. Il quarto si chiude con un canestro dell’ex Guarino, che fissa il punteggio sul 33-44, Trapani esce dal campo fischiata dai suoi tifosi.

3° QUARTO: Al ritorno dopo la pausa lunga, Lardo decide di affidare la cabina di regia al giovane Bossi e Legion parte di gran carriera, siglando tutti i punti di Trapani, ma i laziali attaccano benissimo, trovando sempre tiri aperti, con Bucci che segna a ripetizione, al 25° il risultato è 41-54. Però il quarto fallo di Biligha complica la vita a coach Gramenzi, che è costretto a schierare il classe 94 Allodi, ma Trapani non ne approfitta continuando a mostrare il peggio di se stessa, al 27° il 41-56 sà di condanna prematura. I fischi del PalAuriga accompagnano l’ennesimo time-out di Lardo, anche lui in stato confusionale, ancora una volta la squadra di casa non è presentabile, l’intenzionale fischiato a Conti completa l’opera, 41-61 al 28°, con Guarino a predicare pallacanestro. Il finale vede Legion giocare da solo contro tutta Ferentino, accorciando il passivo sul 46-63. Si prospetta l’ennesimo tonfo stagionale per i padroni di casa.

4° QUARTO: L’inizio dell’ultimo quarto vede Trapani allungare la difesa, la cosa produce una scossa positiva, costringendo Gramenzi a fermare subito la partita, 49-63 al 32°. Una scellerata rimessa dei padroni di casa sembra fermare l’andazzo iniziale, ma Ferentino sembra accusare la stanchezza, non segnando per più di tre minuti. Starks riprende in mano la situazione, segnando e facendo segnare i laziali, però Trapani produce l’ultimo sforzo e con una tripla di Ferrero si avvicina sul 55-67 al 35° riaccendendo il PalAuriga. Si arriva agli ultimi tre minuti, il punteggio è 59-67, con Ferentino letteralmente sulle gambe, Legion nella confusione si esalta, portando i suoi sul 61-67 a novanta secondi dalla sirena finale. Incredibilmente Ferentino non può più sbagliare, altrimenti rischierebbe un suicidio clamoroso, intanto Bray si sveglia dal torpore portando Trapani sul meno quattro ad un solo minuto dalla fine. Bucci si conquista un provvidenziale fallo, ma capitalizza solo un tiro libero, quando mancano 57 secondi, Trapani si gioca l’attacco della serata, Ferentino completamente fuori registro, Baldassarre fa ½ dalla lunetta, ma Trapani concede il più sanguinoso rimbalzo d’attacco della serata a Biligha, che segna il 66-70 a 12 secondi dalla fine. Ma non è finita, Legion realizza e per chiudere il discorso ci vuole il glaciale Bucci che a 5 secondi dalla fine, dalla lunetta, porta Ferentino al meritato successo, l’inutile bomba di Legion fissa il finale sul 71-72, i laziali si abbracciano e Trapani a testa bassa si avvia verso gli spogliatoi.

PAGELLE:

TRAPANI:

RENZI 6: Da lui ci si aspetta sempre la partita super, stasera solo normale.

MEINI 5: Encefalogramma piatto.

BALDASSARRE 6,5: Doppia doppia (12 e 10 rimbalzi), però nel finale sbaglia un libero decisivo.

BOSSI 5: Involuto.

URBANI S.V.: Viene promosso da Lardo come primo cambio dei lunghi, poi però sparisce.

BRAY 5,5: Ormai è questo, insufficiente anche se fosse italiano…

CONTI S.V.: Prima bocciato da Lardo, poi riproposto, solo per 2 minuti.

LEGION 6,5: Alla fine le sue cifre le mette in piedi, però si sveglia solo nel finale.

COACH LARDO 4,5: Il finale garibaldino gli alza il voto…

FERENTINO:

GUARINO 6,5: Ex sempre rimpianto, poi visto Meini…

STARKS 7: Molto bene, qualche sciocchezza solo nel finale.

ALLODI 6: Gioca 21 minuti, si fa trovare pronto.

BUCCI 7: Nel finale si esalta, chirurgico.

PIERICH 6,5: Cala vistosamente negli ultimi due quarti, prima glaciale.

GHERSETTI 5: Partita anonima.

MARTINO 5,5: Poco impatto.

BILIGHA 6: Il rimbalzo d’attacco con annesso canestro lo porta alla sufficienza, prima oscurato dai falli.

COACH GRAMENZI 6,5: Per 30 minuti nasconde al meglio l’assenza di Omar Thomas. Nel finale anche lui rischia il patatrac.