Forlì soffre contro la Stella azzurra ma vince e consolida il primato

di Simone Santolini

La Stella Azzurra conquista la palla a due e apre il punteggio con il canestro più fallo conquistato e realizzato da Menalo a cui risponde in fotocopia Rush per il 3-3. Ancora Elhadji dalla linea della carità e Menalo da fuori vanno a segno per la partenza sprint degli uomini guidati da coach D’arcangeli. La risposta dei padroni di casa non si fa attendere ed arriva con tre bombe in fila firmate da Landi, Roderick e Rodriguez che sul 14-10 e 4:20 da giocare costringe la Stella Azzurra a fermare il tempo. Roderick segna dalla lunetta in uscita dal time-out ma la risposta e il contro-break per i nerostellati arriva con Marcius, Thompson e Giordano che riporta i suoi avanti sul 16-17. Forlì ruota i suoi uomini inserendo Giachetti e Bruttini e proprio con i liberi del lungo toscano trova il 20-17 con cui si chiude la prima frazione.
La stella Azzurra è molto abile a complicare la circolazione di palla dell’Unieuro ed è molto presente a rimbalzo soprattutto con il lungo croato Marcius e nessuna delle squadre riesce a prendere un possesso pieno di vantaggio sull’altra fino al canestro di Rodriguez in uscita dal time out che vale il 35-32. Due viaggi in lunetta con percorso netto di Campori intervallati dalla bomba di Cipolla chiudono il secondo parziale con l’Unieuro avanti di 4 punti (39-35).
Forlì apre la ripresa con la tripla del massimo vantaggio (+7, 42-35) segnata da Rush. 4 liberi segnati rispettivamente da Marcius e Cipolla e la tripla di Rullo rimettono le squadre in parità. La zona schierata da Roma crea non pochi grattacapi a Forlì che dopo i canestri di Roderick e Rush si trova in svantaggio con la bomba messa a segno da Thompson. Rodriguez subisce fallo fuori dall’area e mette a segno i tre liberi ma ancora una volta Menalo e Marcius mettono il bastone tra le ruote all’Unieuro riportando avanti la Stella Azzurra (49-51). In questa fase gli umoni di coach Dell’agnello sono abili a caricare di falli i lunghi laziali. Non è un caso che cono Rullo fuori Forlì trovi il primo allungo vero della frazione con due viaggi in lunetta di Roderick e Rodriguez che fruttano 3 punti ed il vantaggio di 5 lunghezze (56-51). Thompson segna per la Stella Azzurra ma Roderick da fuori e Landi siglano il massimo vantaggio Unieuro a +8 (61-53). Thompson e Giordano provano a mantenere vive le speranze dei capitolini che vanno all’ultimo intervallo sotto di 4 lunghezze (61-57).
Già carichi di falli, i lunghi della Stella Azzura non riescono a mantenere l’alto livello di pressione mantenuto nelle prime tre frazioni e Forlì comincia a giocare con più scioltezza in attacco trovando con Bruttini il massimo vantaggio. Il quinto fallo commesso da Marcius con 06:09 da giocare ed il punteggio di 71-63 costringe il lungo croato a sedersi e spiana definitivamente la strada ai padroni di casa che a dispetto delle difficoltà riscontrate per 30′, trovano il massimo vantaggio della gara con l’onnipresente Rush (87-73) e chiudono la gara con il punteggio finale di 90-77.

Unieuro Forli – Stella Azzurra Roma 90-77 (20-17, 19-18, 22-22, 29-20)
Unieuro Forli: Terrence Roderick 21 (4/7, 3/5), Aristide Landi 18 (3/7, 4/7), Yancarlos Rodriguez 15 (2/4, 1/5), Erik Rush 14 (4/7, 1/3), Davide Bruttini 9 (2/2, 0/0), Jacopo Giachetti 5 (1/2, 1/2), Luca Campori 4 (0/0, 0/2), Samuel Dilas 2 (1/2, 0/0), Riccardo Bolpin 2 (1/1, 0/1), Benjamin babacar Ndour 0 (0/0, 0/0), Nicola Natali 0 (0/0, 0/0), Giulio Zambianchi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 24 / 29 – Rimbalzi: 36 8 + 28 (Terrence Roderick 11) – Assist: 23 (Terrence Roderick 8)
Stella Azzurra Roma: Stephen mark Thompson jr 19 (5/10, 2/7), Leo Menalo 12 (3/9, 1/5), Roberto Rullo 11 (1/4, 3/5), Sandi Marcius 9 (3/5, 0/0), Alessandro Cipolla 7 (1/4, 1/4), Matteo Visintin 7 (3/4, 0/0), Nicola Giordano 6 (3/6, 0/0), Elhadji Thioune 4 (2/2, 0/0), Kevin Ndzie 2 (1/1, 0/0), Fabrizio Pugliatti 0 (0/1, 0/0), Emmanuel Innocenti 0 (0/0, 0/1), Thomas Reale 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 16 – Rimbalzi: 30 11 + 19 (Leo Menalo 9) – Assist: 14 (Stephen mark Thompson jr 5)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy