Fortino Tezenis, Pala Credito di Romagna è terra di conquista – finale 62-67

0

FORLI’ – Difesa solidissima quella scaligera di scena stasera al Pala Credito di Romagna, Callahan, Da Ros e Gandini sono ovunque negli ultimi 10’ di un match giocato ad armi pari da entrambe le compagini, con Verona sempre ha comandare il match e, grazie ad un terzo parziale targato biancorosso, gli uomini di Galli riescono a presentarsi al fotofinish sul 52-52 che lascia ben sperare il folto pubblico di casa.

Sono però i ragazzi di Galli che, nel parziale del tutto per tutto, cadono sotto la difesa veronese che copre e contrasta a dovere ogni angolo del parquet tanto da costringere Ferguson e compagni a gettare al vento tre possessi consecutivi contenendoli per tutti i 24” a disposizione, qualche fiammata del solito Ferguson non basta ai padroni di casa per far gioire i propri sostenitori; l’organizzazione di Ramagli messa in atto dai suoi uomini sul campo non lascia spazio alcuno, Forlì non ha la meglio con Saccaggi e con un’inspiegabile Crow sottotono (1-10 al tiro con soli 2pt a referto),non riescono infatti a contenere le controffensive della Tezenis, nonostante Smith e Taylor non abbiano brillato nell’ultimo parziale.

Resta l’amaro in bocca perché, nolente o dolente, i ragazzi di Galli avevano preparato bene un match contro una potenza qualitativa superiore ma che, a tratti, erano riusciti a mettere in difficoltà anche grazie alla verve di Sergio, oggi sopra le righe (15pt a referto e un ottimo 4/7 da 3PT), un buon Eliantonio – anche lui efficace al tiro fra il secondo e il terzo periodo.

Tyler Cain padrone del pitturato per 20’ poi via via spentosi man mano che lo “strapotere” dei lunghi Tezenis ha preso il sopravvento Callahan (14pt – 5 rimbalzi), Carraretto (1pt – 6 rimbalzi) e Da Ros (6pt – 7 rimbalzi) sono riusciti ha tenere a distanza dall’area e contrastato a dovere chiunque invadesse la zona pitturata difensiva.

Boscagin per Verona è sicuramente l’uomo in più in campo quest’oggi – 12pt – trascinatore insieme alle guardie USA Smith (15pt) e Taylor (14pt) che, oltre a produrre buon gioco e trame efficaci, hanno il merito di aver portato sostanza per tutti i 40’ di gioco facendo muovere alla perfezione tutti gli compagni in campo.

Per Forlì era sicuramente un match non alla portata ma, visto l’andamento della gara, qualche pensiero di vittoria qualcuno se l’era fatto, peccato che gli ultimi 10’ non siano stati esemplari – grazie anche all’organizzazione di gioco avversaria – rispetto ai precedenti 30’ giocati al massimo delle loro possibilità; mancano tremendamente i punti di un Crow in ombra che rendono ancora più amara una sconfitta a tratti immeritata.

Nella corsa salvezza solo Trieste ha portato a casa punti contro Trapani, mentre Jesi è uscita sconfitta dal match contro Casale Monferrato.

Nulla è ancora perduto ma la strada da percorrere è ancora lunga.

 

Top Player Basket inside: Ferguson 20pt (Credito di Romagna)

 CREDITO DI ROMAGNA FORLI’ VS TEZENIS VERONA

 1°Quarto – Parte a razzo Verona con una palla rubata di Smith su Sergio, Boscagin non chiude facile in contropiede, su rimbalzo di Cain Saccaggi da in la alla manovra che vede lo stesso Cain schiacciare facile nella faccia di Gandini inerme.

Verona parte forte con l’intento di non demoralizzarsi davanti al folto pubblico di casa e con Forlì che ha fame di vittoria, Sergio dalla distanza fa sobbalzare il pubblico infilando la tripla del 07-05, prendendosi gioco di Da Ros in chiusura.

La Tezenis inizia a spingere con Da Ros e Boscagin che, in entrata, prende il fallo di Crow in chiusura del ferro, dalla lunetta non perdona per il 09-09; per Ferguson e compagni è tutto da rifare dopo un’ottima partenza di match.

Altalena in campo con azioni inconcluse da una parte e dall’altra. Crow poco preciso, quest’oggi, non sfrutta le occasioni create da Saccaggi e Ferguson mentre Verona in contropiede è cinica con i tiratori Smith e Boscagin ed un Da Ros preciso nel pitturato quando Cain non è presente ha difendere il ferro.

Con un Cain mastodontico come sempre a rimbalzo, Ramagli prova a mettergli Callahan alle calcagna per sfruttare la fisicità dello scaligero. Parziale 14-18 Verona.

Saccaggi sottotono – ricordiamo gli acciacchi fisici frutto di un incidente stradale avvenuto in settimana – e la manovra di Forli ne risente, Verona grazie alla sua solidità tiene ben il campo nonostante l’ala Eliantonio dalla distanza tiene legata al carro gialloblu i ragazzi di Galli con una bomba liberatoria per la chiusura del parziale sul 16-20 Verona.

Parziale 16-20 Forlì.

 

2°Quarto – Si riparte con gli scaligeri sempre padroni del gioco; la trama veloce degli uomini di Ramagli mettono in crisi la difesa romagnola, unica certezza per Forlì è lo strapotere di Cain sempre più padrone del pitturato con Callahan in difficoltà nel contenere il lungo romagnolo, Boscagin – da parte sua invece – è il più in palla degli uomini in campo, per ora incontenibile nell’attacco al ferro. Basile per Saccaggi ma è crazy Ferguson a dettare la manovra biancorossa, con un Crow ancora a secco, fatica a controbattere le menate di Callahan e Taylor sempre precisi dalla lunga quando chiamati in causa. Parziale 20-28 Verona.

Galli manda in mischia il neo acquisto Rosignoli per far riposare un Cain sopra le righe, ma è Boscagin il matatore di giornata con 9pt parziali e tanta verve in campo da trascinare i compagni e il folto tifo arrivato da Verona.

Momento di depressione totale in casa biancorossa, Crow inesistente, Basile impaurito e Saccaggi acciaccato rendono la giornata già difficoltosa ancora più scadente per i forlivesi puniti dalla distanza ancora da Callahan sempre libero al tiro. Parziale 24-33 Verona.

La truppa di Galli però rimane viva grazie all’uomo più colpito dai giudizi in questa stagione, quel Giacomo Eliantonio mai entrato nei meccanismi che, quest’oggi, in posizione di 4 mette 6pt grazie al tiro preciso dalla distanza. Ritrovato. Parziale 26-33 Verona.

Momento caldissimo in campo, la terna fatica a contenere le contestazioni della panchina scaligera dopo un fallo clamoroso di Boscagin su Eliantonio, tecnico per la panchina con Ferguson che realizza dalla lunetta e accorcia il gap di svantaggio, sulla rimessa biancorossa è sempre il folletto di Forlì che inventa per Tyler Cain che schiaccia facile senza un’insolita difesa di Verona. Parziale 32-36 Forlì è ancora viva .

Half Time

Credito di Romagna Forlì vs Tezenis Verona 32-36

 3°Quarto – Forlì mette Ferguson nel motore per la spinta di ripresa su Verona, la guardia non sbaglia da tre punti e riporta entusiasmo nei biancorossi.

Primi minuti della ripresa tutti biancorossi con Ferguson e Sergio sublimi in attacco e il solito Cain in difesa tengono a bada Taylor e compagni, ma l’exploit di giornata è nelle mani di Sergio che mette a segno l’ennesima tripla che porta avanti Forlì sul 41-39.

Verona insiste con Da Ros e Boscagin ma è Smith che mette verve in ogni azione ospite, potrebbe essere la sorpresa di giornata insieme a Taylor che realizza il suo 10° personale dopo 2’00” di black out di Forlì, condito da palle perse elementari che spianano la strada ai veronesi, portando il punteggio sul 41-47 Verona.

Tutto da rifare per gli uomini di Galli sempre a rincorrere.

Buone trame da parte di Forlì, i ragazzi non mollano mai ma la precisione di Crow al tiro è sbilenca quest’oggi e per Forlì non resta che guardare e difendere su Boscagin e Smith, l’unico che tiene Forlì legata al carro scaligero è un Sergio (80% quest’oggi al tiro da tre) tremendamente preciso dalla distanza con la sua bomba da tre che riporta a – 2pt Forlì. Parziale 47-49 Verona.

Partita aperta per Forlì, se tiene alla distanza, potrebbe giocarsi il tutto per tutto nell’ultimo parziale.

Basile smarcato da Ferguson riporta avanti Forlì con la tripla precisa del 50-49 ma Reati frena gli entusiasmi con la tripla di rimessa che fa tacere il pubblico di casa riportando Verona avanti 50-52.

Bel match combattuto che fa divertire il pubblico romagnolo.

Basile dalla lunetta riporta il risultato in pareggio dopo il 3° personale di Callahan che fa tremare Ramagli in vista dell’ultimo parziale infuocato.

Il pubblico di casa in piedi ad applaudire il recupero dei propri beniamini.

Parziale 52-52

 

4°Quarto – Forlì si gioca il tutto per tutto contro la quotata Verona, Cain sposta Callahan e mette a referto il 10°pt personale che lascia ben sperare.

Ferguson fa sognare con la tripla del momentaneo 57-52, Black out Verona, Taylor e Smith fiacchi e poco ispirati rendono vane le offensive degli scaligeri che ora soffrono il furore agonistico romagnolo.

Ottimo impatto del giovane Mascherpa sul match, faccia tosta e poca paura dinanzi hai nomi del roster in campo gialloblu.

Boscagin prova a suonare la carica ma la difesa romagnola è solida in avanti, Rosignoli ed Eliantonio fanno gioco duro e la difesa gialloblu soffre la prestanza a rimbalzo degli uomini di Galli, ora nelle mani più che mai di Saccaggi e Ferguson per far tremare Verona.

Tre possessi buttati al vento per Forlì, Basile e Saccaggi non creano quel gioco fluido degli ultimi minuti e la super difesa di Ramagli crea difficoltà a Cain che, a rimbalzo, non vede più palla. Parziale 59-58.

Callahan energico anche a ribalzo in attacco, ma Crow è più lesto a contenere lo strapotere del lungo veneto, due attacchi inconcludenti di Forlì mandano a fuoco tutto il buono fatto nel recupero del match.

Ora Verona più concreta a piccoli passi e con una gran difesa portano a spasso Forlì che non riesce a trovare soluzioni efficaci e con un Saccaggi (1-9 al tiro con 2pt a referto) e Crow in ombra (1-10 al tiro) quest’oggi spettatore non pagante. Parziale 59- 60 Verona.

Fortino Verona, difesa super che non lascia spazio ad un Credito di Romagna privo di idee, lento e confusionario. Gli ospiti nelle ripartenze sono sempre efficaci e con i soliti e concretissimi Boscagin e Taylor che dalla lunetta riportano davanti Verona sul 59-64.

Airball di Sergio che cerca il tutto per tutto ma ormai il match è destinato a salire in veneto nonostante Smith sbagli i tiri utili dalla lunetta.

Risultato Finale 62-67

Credito di Romagna Forlì – Basile 5, Cain 12, Mascherpa 0, Ravaioli 0, Crow 2, Ferguson 20, Saccaggi 2, Eliantonio 6, Sergio 15, Rosignoli 0. Allenatore: Massimo Galli

Tezenis Verona – Grande 0, Smith 15, Taylor 14, Reati 3, Carraretto 1, Boscagin 12, Callhan 13, Salafia 0, Gandini 3, Da Ros 6.Allenatore: Alessandro Ramagli