L’asse Crow/Cain firma il successo del Credito di Romagna, Diliegro non basta a Trieste

0

FORLI’ – Finale al cardiopalma in casa Credito di Romagna. Match risolto all’overtime grazie all’asse Crow/Cain con il primo che infiamma la retina grazie al suo tiro chirurgico da tre punti ed il secondo che ferma l’offensiva disperata ospite a pochi secondi dal termine, stoppando al tiro Diliegro – il migliore in casa Trieste – nonostante oggi non abbia dominato nel pitturato come suo solito. Partita giocata sempre dagli ospiti che per ¾ del match tengono a distanza gli uomini di coach Galli che offrono una bassa qualità di gioco se non per un Saccaggi in “giornata di grazia” che fin dai primi minuti fa capire il suo potenziale odierno, chiuso con 26pt finali ed MVP in casa forlivese. Per Trieste in evidenza il “falloso” Diliegro quest’oggi con soli 2 falli commessi, ma con tanta quantità e qualità nel pitturato che lo si è visto a tratti padroneggiare al ferro a discapito dei lunghi forlivesi. Hoover il grande atteso in casa romagnola resta sornione fino al termine del tempo regolamentare dove piazza la tripla del pareggio che rimette in gioco tutto nell’overtime e rende vane le speranze che Ferguson e compagni avevano assaporato. Tutto da rifare per gli uomini di Galli negli ultimi cinque minuti dove la pressione alta e il clima infuocato del Pala Credito di Romagna gli uomini esperti di Trieste possono giocare brutti scherzi ai giovani forlivesi che ripartono con l’handicap Sergio uscito malconcio dopo uno scontro fortuito con Harris. Forlì non demorde e si ricompatta in difesa del ferro cercando di contrastare le avanzate ospiti e ripartire in velocità cercando di correre e sfiancare gli avversari. Dal gruppo romagnolo fuoriesce la verve del capitano Ferguson e la classe di un Crow rinato all’ombra di San Mercuriale che piazza la tripla del momentaneo vantaggio. Sul ribaltamento furioso degli uomini di Dalmasson, il giocatore più in forma di Forlì, Cain, si scontra con l’MVP di giornata, Diliegro, ed a pochi secondi dal termine si decide la sfida di giornata che vede Tyler Cain stoppare il tiro del lungo triestino nel tripudio finale del pubblico di casa. La corsa salvezza è ancora alla portata di questo gruppo fantastico che, grazie al lavoro di tutto lo staff, si è raccolto attorno a coach Galli cercando di interpretare al meglio quel basket giocato con umiltà che, a tratti, prevale sulla qualità dei singoli. Top Player Basket inside: L.Saccaggi 26pt (Credito di Romagna)  La Cronaca 1°Quarto- Parte forte la squadra di Dalmasson che schiaccia nella propria area i padroni di casa che provano ad attaccare ma senza risultato, mentre Harris – in avanti – e Diliegro – in difesa – padroneggiano. Galli richiama i suo dopo uno scialbo inizio targato Trieste sul punteggio di 0-8. Diliegro tiene a distanza dal pitturato la stella Cain che fatica ad andare alla conclusione, i punti iniziali dopo il time out vengono realizzati da un Saccaggi a corto di idee ma preciso nella conclusione che valgono il più sette ospite. Saccaggi prova a scuotere i propri compagni, Jazz Ferguson sale di giri e in un amen trova la prima tripla di giornata che sancisce il sorpasso momentaneo biancorosso. Entra in gioco anche Crow con la prima bomba, ma Trieste con Tonut e Hoover tengono a distanza i biancorossi che dopo un avvio scialbo sembrano aver ingranato la marcia giusta. Dopo dieci minuti è però perfetta parità a quota 19, con Tyler Cain in ombra e ben contrastato dal lungo Diliegro. 2°Quarto- Partenza frenetica per entrambe le compagini che provano invano ad attaccare con poca precisione per portare il match in direzione propria. Galli propone al posto del falloso Saccaggi, Nicolò Basile, con Eliantonio e Cain a contrastare i giovani Fossati e Candussi. Forlì parte con più tenacia ed in difesa si fa sentire nella conquista della palla a spicchi che vede in Ferguson e Crow due esperti, per Trieste invece l’esperto Hoover non sembra il giocatore ammirato in precedenza con la canotta arancio di Jesi, finora sornione sembra svolgere il compitino assegnato dal coach senza infamia e senza lode. Parziale 19-23 Trieste. Saccaggi continua a tenere legato il Credito di Romagna alle calcagna di Trieste, grazie alle sue entrate al ferro costringe i lungo ospiti al fallo sistematico,che porta a un solo punto di scarto la squadra di casa sul 22-23 Trieste. C’è spazio anche per Harris in campo al posto di Fossati: la carica dell’atletico americano si fa sentire fin da subito nel pitturato, con Cain e Sergio principalmente a soffrire le sportellate dell’ala triestina. Hoover prende in mano le redini del gioco ospite e nello smarcamento dopo il blocco su Diliegro infila la tripla del suo 5 punto personale che sancisce l’allungo triestino sul più sette. L’inerzia però è sempre degli ospiti che sfruttano al meglio la palla persa di Cain, con Harris che dal recupero vola a schiacciare in faccia a Sergio. Nella ripartenza Saccaggi in velocità riporta nella metà campo avversaria la palla che scaricata su Sergio, accarezza la retina e tiene alte le speranze di non perdere il treno triestino a chiudere il primo tempo a ridosso degli uomini di Dalmasson sul punteggio di 29-35 Trieste. 3°Quarto- Ferguson mette i primi due punti del secondo tempo – 8° personale di giornata – ma gli errori in attacco sono macroscopici, mentre si accende il duello tra Cain e DiLiegro sotto i tabelloni. Lo stesso pivot triestino intanto rimpolpa il suo bottino personale, salendo in doppia cifra e firmando l’allungo ospite. Forlì prova a reagire prima con Crow e poi con l’asse Saccaggi-Cain, ma è ancora DiLiegro a dominare la scena, siglando il 40-48 che tiene lontano la formazione di casa. A suonare la carica è però il duo Saccaggi-Crow: il primo bravo a prendersi il fallo offensivo di Carra e convertire i due liberi successivi, il secondo con la bomba del -3 che infiamma il Pala Credito di Romagna. Trieste riallunga nel finale portandosi sul 51-56, ma l’inerzia pare completamente cambiata con la squadra di coach Galli rientrata prepotentemente in partita. 4°Quarto- Forlì riparte con la tripla di Sergio a scaldare la retina e gli animi dei presenti ma Diliegro risponde mettendo a referto il suo diciannovesimo punto personale e mantiene gli ospiti avanti di quattro. Nel frattempo brutto scontro tra Harris e Sergio, con il forlivese che ha la peggio ed è costretto ad abbandonare il campo. Il PalaFiera diventa una bolgia, Basile va a segno dalla lunga distanza, Ruzzier replica con la stessa moneta ma è grazie al canestro di Harris che gli ospiti tengono il vantaggio sul 63-65. Diliegro è la spina nel fianco di Cain, e di tutto il Credito di Romagna, anche dalla lunetta è preciso ma capitan Ferguson suona la carica con l’assist per Cain che appoggia facile a tabellone. Difesa compatta di Forlì sul ribaltamento di Trieste, Saccaggi da “il là” alla ripartenza di Ferguson che scarica su Cain che viene letteralmente placcato da Ruzzier che esce per il quinto fallo personale. Partita tirata che vede il match aperto fino alla fine, Forlì sembra trascinata dal pubblico di casa e da Saccaggi “i che mette a referto l’ennesimo canestro che sancisce la parità di punteggio sul 69-69 a 3’00” dal termine. Ferguson riporta avanti il becco di Forlì mentre Tyler Cain in difesa stoppa Diliegro e sul successivo ribaltamento il capitano di casa mette a segno il più quattro per i padroni di casa siglando il 73-69. Harris è l’ultimo a mollare per Trieste, in entrata sovrasta fisicamente Crow ed appoggia facile al tabellone il meno uno a 44” dalla sirena. Il 2/2 di Basile sembra chiudere i conti, ma nell’ultima azione la difesa di casa si addormenta e anziché commettere fallo, lascia attaccare Trieste che con Hoover, fin a quel momento sornione, impatta sulla sirena l’incontro con le due squadre costrette al supplementare sul 76-76. OVERTIME- Saccaggi riparte subito dalle sue entrate che fanno male a Trieste, ma DiLiegro ribatte con la solita sostanza offensiva, sul ribaltamento di fronte Cain sposta fisicamente DiLiegro e con un gancio cielo segna il più tre per Forlì. La risposta ospite passa da Tonut, che dall’arco trova la giusta conclusione per piazzare la nuova parità sul 85-85. Forlì per un attimo sbanda, Hoover prova a punirla con la bomba del sorpasso, ma è la bolgia del PalaFiera a spingere la formazione di Galli: Cain fa 2/2, DiLiegro 1/2 per il nuovo più due, ma è l’ennesima follia stagionale di un pazzo Crow dai 6.75 a far impazzire il pubblico forlivese che vede i propri beniamini tornare avanti a 9” dal termine (90-89). Nell’ultima azione DiLiegro si fa stoppare dal solito Cain e il pubblico di casa può così festeggiare un successo importantissimo. Credito di Romagna Forlì: Basile 7, Cain 10, Gualtieri 0, Ravaioli 0, Crow 18, Ferguson 21, Saccaggi 26, Eliantonio 0, Sergio 8. Allenatore: Galli Pallacanestro Trieste 2004: Hoover 13, Fossati 0, Tonut 9, Harris 19, Ruzzier 5 , Coronica 2, Diliegro 26, Candussi 6, Carra 9, Urbani 0.Allenatore: Dalmasson

Fotogallery a cura di Genny Cangini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here