Latina si sblocca e sbanca Cento

0

Sella Cento – Benacquista Assicurazioni Latina 65-69 (17-17, 16-11, 10-21, 22-20)

Sella Cento: Carlos Delfino 13 (4/8, 1/5), Mattia Palumbo 12 (2/6, 2/4), Davide Bruttini 10 (4/4, 0/0), Yankiel Moreno 7 (0/2, 1/1), Wendell Mitchell 5 (1/3, 1/4), Bernardo Musso 5 (1/2, 1/5), Maximilian Ladurner 5 (2/3, 0/0), Dominique Archie 4 (2/3, 0/4), Daniele Toscano 4 (2/4, 0/1), Pietro Magni 0 (0/0, 0/0), Tommaso Bucciol 0 (0/0, 0/0), Mattia Pavani 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 21 – Rimbalzi: 35 12 + 23 (Mattia Palumbo 9) – Assist: 9 (Dominique Archie 3)

Benacquista Assicurazioni Latina: Salvatore Parrillo 16 (0/1, 3/5), Gabriele Romeo 14 (4/10, 0/3), Demario Mayfield 11 (1/2, 3/6), Jacopo Borra 9 (4/7, 0/0), Samuele Moretti 8 (4/4, 0/0), Ivan Alipiev 5 (0/4, 1/2), Borislav georgiev Mladenov 4 (2/3, 0/0), Lorenzo Zangheri 2 (1/3, 0/1), Ziggy Collazo 0 (0/0, 0/0), Jacopo Rapetti 0 (0/0, 0/0), Felix Amo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 26 – Rimbalzi: 33 8 + 25 (Jacopo Borra 9) – Assist: 7 (Gabriele Romeo 3)

Sabato di Pasqua amaro per la Benedetto, nella magica atmosfera della Baltur Arena. Partita nervosa, difficile da leggere, decisa da un secondo tempo dove Latina ha comandato il ritmo. Pochi minuti per un malandato Mitchell e segnali incoraggianti dall’esordio di Musso.

Cento, dopo il colpo grosso di Milano, ospita Latina, cercando di mantenere il ritmo playoff del suo girone. La Baltur si riempie di biancorossi, 1450 tifosi che sentono l’importanza del momento e ambiente caldissimo. La Sella, inoltre, sfoggia per la prima ed unica volta la maglia celebrativa dei sessant’anni, una nota di vintage in un ambiente più che mai moderno che aggiunge fascino alla sfida.

Coach Mecacci si affida al solito starting five, con Palumbo, Mitchell, Delfino, Archie e Bruttini. Latina inizia con Romeo, Parrillo, Mayfield, Alipiev e Moretti. Mitchell segna i primi due e la partita comincia con ritmi altissimi. La Sella cerca di correre in transizione, ma non trova con continuità il pitturato, dall’altra parte è Latina a trovare canestri facili, ragionando di più. Moretti schiaccia il 9 pari dopo meno di 4 minuti. I ritmi si abbassano nelle seguenti azioni e questo sembra favorire gli ospiti, che pareggiano dopo i liberi di Romeo. Inizio di non facile lettura per la Benedetto che non riesce a coinvolgere i suoi attaccanti migliori. Bruttini si fa trovare sempre nel posto giusto e Cento riesce a muoverla bene per liberare il suo centro. Latina approfitta di una fase abbastanza spezzettata del match per difendere il minimo vantaggio, Bruttini scuote la testa e si riposa dopo un inusuale 0/4 consecutivo ai liberi. Da segnalare l’esordio di Musso, che subito dona più fluidità di manovra e Cento conclude al ferro due belle azioni, prima con Ladurner e poi con Delfino. L’ingresso di Borra aggiunge pericolosità fisica e a rimbalzo per Latina, che aumenta il livello di aggressività. La partita si innervosisce leggermente, si procede e a tiri liberi fino alla stoppata di Mayfield che nega la prima gioia in biancorosso di Musso. 22 pari dopo 10’.

Mayfield segna due di prepotenza al centro dell’area e la Sella non segna nei primi tre minuti. Romeo, dall’altra parte trova la via per il ferro e il tiro libero aggiuntivo. 17-21 Latina e partita tesa, dove ogni possesso può essere decisivo. Delfino scuote la Baltur e i compagni con una tripla in uscita dal timeout, poi è il turno di Musso che segna i primi punti centesi. 25-23 Sella a metà secondo quarto e ottima risposta dopo qualche minuto complesso. Cento gioca meglio ora, con più scioltezza e serenità e, infatti, Archie deposita al vetro altri due e Cento tenta una mini fuga sul +6. Mladenov sblocca Latina con un jumper dalla media, ma sono punti estemporanei perché la difesa di Cento sta mettendo in difficoltà i meccanismi dell’attacco di Sacco. Musso alza il livello anche difensivamente e stoppa una penetrazione di Mladenov e dall’altra parte arriva il timbro di Bruttini: due facili dopo un movimento spalle a canestro e un grande assist di Archie. 10 per un fantastico Davide Bruttini. C’è tempo per uno stepback forzato e segnato da Mattia Palumbo e l’ultimo highlight del primo tempo, ovvero una clamorosa tripla di Alipiev sulla sirena. 33-28 padroni di casa dopo la prima metà di gara.

Stessi quintetti dell’inizio e stesse caratteristiche della seconda metà del primo quarto. Borra schiaccia da una parte e Archie attacca il ferro dall’altra. Poi, una tripla di Alipiev e un’altra penetrazione di Romeo consentono a Latina di pareggiare a quota 35 prima e poi di andare in vantaggio con una bella palla di Mladenov per Borra. Seguono tre minuti di lotta sotto canestro, senza che nessuna delle due squadre azzanni la partita, poi Romeo trova altri due liberi e mette due possessi di distanza, prima del fallo in attacco di Archie. 35-39 a 15’ dalla fine. Un altro fischio che lascia più di qualche dubbio porta al fallo tecnico di Delfino, il secondo dopo quello fischiato a Coach Mecacci nel primo quarto. Latina, però, non riesce ad allungare quando ne ha l’occasione e un grande step back di Musso riporta la Sella a -3 , poi è Moreno a prendersi la responsabilità e con una tripla dal palleggio pareggia la gara. La Sella ha cambiato faccia in attacco e Toscano segna due facili dopo una bella azione. 7-0 di parziale, non a caso, dopo lo sfogo di Carlos Delfino. La Sella alza l’intensità anche in difesa, ma un fallo su tiro da tre punti riporta avanti i laziali. 42-43 e momento di clamorosa importanza. Ladurner si guadagna un fallo in area e realizza uno dei due liberi, ma è un altro mini parziale, questa volta di Latina a riportare avanti la Benacquista Assicurazioni, che si spinge addirittura sul +6 con due liberi di Romeo. 43-49 a 10’ dal termine e terzo quarto che recita 10-21 per gli ospiti.

Toscano apre il quarto decisivo con due punti appoggiati al tabellone, dopo un’ottima transizione e l’assist di Musso, ma una tripla di Parrillo dall’angolo, dopo due rimesse offensive incerte per la Benedetto, riporta a tre possessi di distanza Latina. Dopo il timeout chiamato da Mecacci, Latina va sul +9 toccando il massimo vantaggio, subito ricacciato indietro da una tripla pesante di Mattia Palumbo e una stoppatona di Archie. Da una parte Cento non manda a referto tre triple consecutive con Delfino e Musso, mentre dall’altra Parrillo è killer e spara il 51-60 Latina. Moretti è bravo nell’azione seguente a reggere il contatto con Bruttini e a segnare, spalle a canestro il +11 Latina. Delfino si prende due di rabbia, assorbendo il contatto, ma non riesce a convertire il libero supplementare. Momento molto delicato e Sacco lo riconosce, chiamando un timeout e interrompendo l’inerzia centese. Delfino prende direttamente la macchina del tempi e schiaccia in testa a tutta la difesa di Latina, alzando i decibel della gara. Cento difende alla morte e ruba un pallone con Bruttini che lancia Moreno, fermato solo dal fallo a canestro: 2/2 e -5 a poco più di tre minuti al termine, ma Borra riceve un bell’assist di Parrilo per riportare a +7 Mayfield e compagni. Ed è proprio Mayfield nell’azione successiva a mettere un mattoncino sul colpo esterno di Latina: tripla forzata del nuovo +10, che diventa +9 dopo l’1/2 di Delfino. Cento prova a rimanere attaccata con due liberi di Palumbo, dopo un fallo subito mentre si alzava da tre punti. Tanto per cambiare, Delfino è l’ultimo a mollare e si prende ancora due punti più il fallo di Borra, attaccando al ferro, dopo aver giocato l’handoff con Moreno. Cento arriva fino al -4 quando mancano poco più di quaranta secondi al termine e difende bene a tutto campo, tanto da provocare due palle perse consecutive, ma non riesce a convertire in canestro, fallendo prima un appoggio con Moreno, poi una tripla forzata con Delfino. Nel finale c’è spazio per i due liberi di Moretti e l’ultimo canestro di Palumbo. 65-69 Latina che interrompe la striscia positiva di Cento. Prossimo appuntamento domenica 7 aprile, ospiti di Rieti.

UFF.STAMPA SELLA CENTO