Magia di Redivo, Cividale vince a Rimini sulla sirena

0

RivieraBanca Basket Rimini – UEB Gesteco Cividale 67-69 (16-11, 18-19, 21-18, 12-21)

RivieraBanca Basket Rimini: Derrick Marks 22 (4/8, 1/4), Justin Johnson 12 (4/9, 1/2), Alessandro Simioni 12 (6/6, 0/2), Simon Anumba 6 (3/7, 0/0), Stefano Masciadri 5 (1/1, 1/2), Alessandro Grande 4 (2/3, 0/4), Alessandro Scarponi 4 (2/3, 0/1), Andrea Tassinari 2 (1/1, 0/1), Giovanni Tomassini 0 (0/1, 0/2), Adamu adam Abba 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 12 / 15 – Rimbalzi: 34 10 + 24 (Justin Johnson 15) – Assist: 10 (Derrick MarksGiovanni Tomassini 3)

UEB Gesteco Cividale: Lucio Redivo 17 (4/7, 3/8), Giacomo Dell’agnello 14 (4/9, 2/2), Gabriele Miani 12 (2/3, 2/4), Vincent Cole 11 (2/6, 1/4), Eugenio Rota 7 (0/0, 2/5), Martino Mastellari 5 (0/4, 1/3), Leonardo Marangon 2 (1/2, 0/0), Matteo Berti 1 (0/2, 0/0), NicolÒ Isotta 0 (0/0, 0/0), Luca Campani 0 (0/0, 0/0), Giacomo Furin 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 20 – Rimbalzi: 28 10 + 18 (Vincent Cole 8) – Assist: 15 (Lucio Redivo 5)

Dopo due trasferte consecutive il 2024 riaccoglie la Rivierabanca Rimini al Flaminio, davanti ad una cornice di pubblico delle grandi occasioni che fa registrare 3.118 spettatori; gli ospiti della diciannovesima giornata sono i friulani della Gesteco Cividale. Quintetto iniziale per gli ospiti con Redivo, Miani, Mastellari, Cole e Dell’Agnello, mentre per Rimini lo starting five vede Grande, Marks, Anumba, Johnson e Simioni. La partita si decide tutta nell’ultimo quarto dove sull’azione terminale Redivo appoggia il 67-69 a favore della Gesteco. Top scorer dell’incontro l’americano di Rimini Marks con 22 punti, accompagnati da una buona prestazione da doppia-doppia di J.Johnson (12 punti e 15 rimbalzi) e da Simioni (12 punti e 6 rimbalzi). Per la Rivierabanca cruciali le percentuali al tiro da 3 punti (16,7%) che non hanno beneficiato della spinta di tutto il calore riminese profuso.

Polveri bagnate in avvio per Cividale, l’importanza della partita si nota nei primi attacchi dell’incontro. Simioni il più ispirato (8 punti personali nel quarto) apre il match (2-0 al 2’). Si sblocca la Gesteco con Mastellari da dietro i 6,75, ma Simioni è ancora abile a sfruttare la sua verve in avvio (4-3 al 4’). Dall’arco Cole trova percentuali amare, ci pensa Miani a prenderne le veci, 3 punti anche per lui. Un 2/2 ai liberi iscrive a Marks alla partita prima che anche Anumba si iscrive al match con un canestro in penetrazione (12-9 all’8). Dalla parte opposta Redivo è abile a creare separazione tra sé e l’avversario e ne mette due. Sul finale di frazione, un’azione di gioco corale per i biancorossi che vede toccare a tutti gli interpreti il pallone smarca Anumba, che inchioda la schiacciata del 16-11 dopo i primi 10’.

Rimini con più intraprendenza approccia in apertura la frazione: Scarponi è arcigno, quattro punti di carattere. Anumba dopo rimbalzo offensivo capitalizza un ulteriore possesso che trasforma in oro e Grande dalla media realizza i primi punti personali, per il massimo vantaggio romagnolo (24-13 al 15’). Dalla seconda metà del quarto si racconta la scossa della Gesteco: Cole dalla media e Dell’Agnello con 5 punti consecutivi impongono a chiamare time-out a coach Dell’Agnello. Ciò non sortisce gli effetti sperati poiché Redivo con 4 lesti punti di fila riporta il match sulla parità (28-28 al 19’), con un parziale ospite di 0-7. Tassinari dalla media, Masciadri in lay-up, un arcobaleno di Dell’Agnello e Marks dalla lunetta portano le squadre all’intervallo sul 34-30.

Redivo dalla lunga distanza è cinico e mette 6 punti di puro estro, per la nuova parità (36-36 al 22’). I lunghi di Rimini capitalizzano 6 punti, ripartiti fra Simioni e Johnson e per i primi sussulti romagnoli della ripresa (40-42 al 24’). Nella seconda parte della frazione la sfida fra le guardie americane si accende, Marks con un paio di assist per i lunghi e 7 punti realizzati, di cui una tripla, accende la miccia, Cole dall’altra parte risponde per la Gesteco ancora da dietro l’arco dei 3 punti e con la partecipazione di Miani arricchiscono il punteggio, portandolo al 28’ sul 50-45. Momento tutto a strisce a biancorosso, Marks aggiunge un 100% dalla lunetta e nell’azione successiva Tomassini assiste capitan Masciadri, che dall’angolo realizza con la bomba che sa di specialità della casa (55-45 al 29’). Sullo scadere della frazione, ci pensa Dell’Agnello junior a riportare sotto la doppia cifra il passivo, al 30’ il tabellone segna 55-48.

Simioni assistito da una delizia di Tomassini illudono il Flaminio, perché la reazione di Cividale è veemente e trova sbocco in Rota, che con 6 punti consecutivi riporta Cividale a 3 lunghezze di distanza, poi Cole con canestro e libero supplementare segnato impatta nuovamente sul 57-57 lo score al 34’. Il parziale ospite si colorisce nuovamente con Redivo, con una tripla visionaria porta gli ospiti in vantaggio ed il parziale aperto è ora di 0-12 per la Gesteco. Valzer di triple, J.Johnson con personalità non si fa attendere e risponde al colpo, ma Miani è cinico e rimette Rimini a distanza, prima che Marks in penetrazione ricucia sul (62-63 al 37’). Finale punto a punto: Marks con libero, Grande con un circus shot da 2 punti e Rota con fallo subito su tiro da tre lo portano in lunetta, ma la mano trema ed un 1/3 è sufficiente per tenere viva la speranza per gli ultimi possessi. Sull’ultimo possesso palla a Redivo che trova la linea di penetrazione giusta e trova i due punti della vittoria, per il finale di 67-69 a favore della Gesteco.

Ufficio Stampa Rivierabanca Basket Rimini