Orlandina: inizio incerto, poi spettacolo puro!

0

Si apre la gara con la  schiacciata di Mosley e due triple di Harris, Bologna si porta subito avanti chiudendo un parziale 2-8 sull’Upea. Battle vola, letteralmente, al canestro e al 5’  ed è sempre lui a tentare di recuperare lo svantaggio. La compagine emiliana procede senza problemi, arriva a quota +10 sulla formazione di coach Pozzecco. Capo d’Orlando non riesce ad entrare in gara, perdendo, banalmente, troppo spesso palla. Bologna, con Vitali e Harris, continua ad avanzare conquistando il +20. Entra capitan Benevelli per gli orlandina che regala altri due punti alla squadra. La difesa aggressiva di Bologna, soprattutto sotto canestro, non consente all’Orlandina di andare a segno facile. Tripla di Mason a pochi secondi fine primo quarto per 12-29, vantaggio Bologna.

Riparte il secondo quarto con la rimessa di Capo d’Orlando che brucia la possibilità. Di nuovo in attacco Bologna e va a tiro facile Harris. L’Orlandina di coach Pozzecco fa ben poco in difesa, sembra esistere solo Anthony Mason in campo per i siciliani. Vitali, sembra uscito da un videogame, sta disputando una grande gara. Al 15’ è già a quota 9 punti, 3/4 da tre. Recupera palla Matteo Palermo che va da solo a segnare per il 23-38, ancora Bologna in vantaggio. Continua a fare bene solo Mason, portando l’Upea a -15 (28-43).

Si va al riposo lungo con Bologna ancora avanti 28-46. In questi primi due quarti abbiamo visto sul campo due formazione opposte. Bologna decisiva sin dai primi minuti del match, forte e sicura. Dall’altra parte un’Orlandina incerta, quasi del tutto assente, se non fosse per l’ultimo arrivato Mason che ne mette 15 di punti nei primi 20 minuti della gara. Per Bologna spiccano Vitali con il 75% sui tiri da tre, Harris e Cutolo che arrivano a quota 13 punti. Solo 8 i punti di Mosley con 8 rimbalzi. Quello che pesa di più alla compagine orlandina sono le 11 palle perse contro le 6 per i bolognesi.

Il terzo quarto si apre con la tripla di Mason per l’Upea. L’Olrandina pare ritornata in campo con un po’ più di grinta. In quasi 2 minuti recupera 2 palloni importanti per avanzare e coach Salieri chiama i suoi in panchina dopo un parziale 5-0 per Capo d’Orlando. Ancora una tripla per Mason al 22’, recupero palla e, purtroppo, una mancata schiacciata spettacolo. Va in lunetta e conquista il -10. Un’Orlandina completamente diversa da quella vista nel primo tempo. Mason perfetto e il PalaFantozzi va in delirio, sostenendo la squadra e incoraggiando il sorpasso. Lotta su ogni pallone l’Upea di Pozzecco. Ancora una tripla per l’americano Mason. Risponde Cutolo da tre. Al 27’ l’Upea arriva a -5 con Battle che la mette dai 6,75. Bologna si riporta avanti sul +10. Sembra riprendere coscienza la Bologna di coach Salieri, ma la tripla di Mathis sulla sirena dall’altra parte del campo, fa esplodere l’entusiasmo dei tifosi orlandini, rimanedno sul -10 per l’Upea 53-63.

La tripla del -7 di Otis George e Battle per il parziale 5-0 all’inizio degli ultimi 10 minuti del match. Non si arrende Cutolo per i bolognesi. Ancora George dalla linea dei tre punti e continuano le triple per il tentare il sorpasso. Al 34’ Battle conquista il pareggio su Bologna. Rimbalzo e canestro per Mason per il sorpasso 70-68. Ma ancora Cutolo spezza con una tripla, ma risponde dall’altra parte George. Mancano 5 minuti e l’Upea è avanti +2 73-71. Bologna non vuole mollare, Vitali porta la compagine emiliana a +4. Ultimi minuti di fuoco da entrambe le parti. Battle per il sorpasso 81-80 a poco più di 1 minuto fine gara.

È l’impresa di Capo d’Orlando. Partita più che emozionante. L’Orlandina vince 85-82 su Bologna.

UPEA CAPO D’ORLANDO – BIANCOBLU’ BASKET BOLOGNA 85-82 (PARZIALI: 12-29; 28-46; 53-63)

Upea: Mason 31, Passera 2, George 15, Poletti 1, Battle 23, Portannese, Mathis 8, Benevelli 2, Palermo 2, Pellegrino, Bontempo. All. Pozzecco.

Biancoblù: Mosley 11, Montano 7, Cutolo 24, Harris 17, Vitali 15, Cournooh 2, Pini, Verri 6, Gasparin, Diviach n.e., Drenovac n.e., Infante n.e. All. Salieri.