POFF F G4 – Trionfo della Tezenis Verona. Udine si arrende e la Scaligera va in Serie A

0

La Tezenis Verona si conferma anche nella quarta partita della serie di finale playoff contro l’Apu Udine e davanti al tripudio della sua gente che ha gremito l’ASGM Forum festeggia la meritata promozione in Serie A. Una vittoria marcata quella della squadra di coach Ramagli capace di mettere alle corde gli udinesi mai veramente in partita e alle prese con un’energia e intensità dei gialloblu locali davvero debordante. A fare la differenza la prova corale della Tezenis capace di mettere in partita tutti i suoi effettivi e di sprigionare energia tale da mettere al tappeto una delle protagoniste dell’intera stagione di serie A2 come Udine che esce di scena maledicendo quella tripla sulla sirena di Karvel Anderson in gara-2 che probabilmente ha segnato l’intera serie.

Verona parte fortissimo e con una marcia giusta riesce a mettere le mani sulla partita già nel primo quarto chiuso sul 24-14. Verona trova fluidità offensiva e segna con insistenza da tre punti. Nel secondo quarto il divario aumenta grazie a una buona distribuzione di punti con la Tezenis che è sul +16 al 15′ (36-20) e tocca anche il +19 prima dell’intervallo. Verona beneficia di una buona percentuale da tre punti segnando 8 triple nel primo tempo a fronte dell’unico tiro da oltre l’arco realizzato dai friulani. A metà partita Verona conduce 47-29 e quando si rientra dagli spogliatoi l’aria è sempre la stessa. Udine prova a scuotersi affidandosi a Lacey e Cappelletti ma la forza e la tenuta anche mentale della Tezenis la fanno da padrone. Grant a -3’39” dalla fine dell’ultimo quarto mette 20 punti per la prima volta tra le due squadre, Cappelletti è l’ultimo che vuole smettere di crederci e sulla sirena del terzo quarto realizza il canestro del -18 (64-48). Ma la partita diventa un monologo nell’ultimo quarto con Davide Casarin che sale in cattedra per una Tezenis che vola aggiornando progressivamente il suo massimo vantaggio. Lo spettacolo si trasferisce sugli spalti dell’ASGM Forum con il popolo gialloblu che torna a riassaporare il gusto della Serie A che torna nella città dell’Arena dopo i fasti degli anni ’90 e la rifondazione del 2007.

Tezenis Verona – Apu Old Wild West Udine 83-57 (24-14, 23-15, 17-17, 19-11)

Tezenis Verona: Davide Casarin 14 (1/4, 3/5), Francesco Candussi 14 (4/5, 2/3), Karvel Anderson 11 (5/7, 0/9), Liam Udom 11 (2/2, 2/4), Marco Spanghero 10 (1/1, 2/4), Lorenzo Caroti 9 (0/1, 3/4), Guido Rosselli 7 (0/4, 0/0), Sasha mattias Grant 5 (1/2, 1/2), Xavier Johnson 1 (0/2, 0/1), Giovanni Pini 1 (0/1, 0/1), Nikola Nonkovic 0 (0/0, 0/0), Emmanuel Adobah 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 22 – Rimbalzi: 34 11 + 23 (Francesco Candussi 10) – Assist: 11 (Davide CasarinLorenzo Caroti 3)

Apu Old Wild West Udine: Alessandro Cappelletti 16 (4/5, 0/2), Trevor Lacey 11 (1/3, 1/5), Brandon Walters 7 (3/7, 0/0), Michele Ebeling 7 (1/1, 1/4), Francesco Pellegrino 6 (2/4, 0/0), Marco Giuri 5 (1/3, 1/3), Michele Antonutti 2 (0/0, 0/3), Ethan Esposito 2 (0/3, 0/1), Nazzareno Italiano 1 (0/0, 0/2), Federico Mussini 0 (0/2, 0/0), Riccardo Azzano 0 (0/0, 0/0), Marco Pieri 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 24 / 35 – Rimbalzi: 37 11 + 26 (Alessandro CappellettiBrandon Walters 8) – Assist: 4 (Trevor Lacey 2)