POFF SF G2 – Verona resiste al ritorno di Pistoia: è 2-0 nella serie

0
Karvel Anderson attacca Carl Weathle (foto di Riccardo Romani)

Tezenis Verona-Giorgio Tesi Group Pistoia (26-17; 47-38; 63-55)serie 2-0 per Verona

Verona perde per infortunio Xavier Johnson ma non la bussola: Pistoia lotta fino in fondo, raggiunge il -1 dopo una gara a inseguire ma la squadra di Ramagli sfrutta freschezza, panchina lunga e un Sasha Grant extralusso da 18 punti, oltre al solito Karvel Anderson (21), portandosi sul 2-0 nella serie.

Verona si scuote subito in attacco con un paio di mezze transizioni in velocità di Pini per il 5-0 iniziale, cui fa seguito il tiro pesante di Anderson: in 2′ la Tezenis segna più che nell’intero primo quarto di gara-1 (8-2). Dopo 3′ però Verona deve fare a meno di Xavier Johnson e dall’altra parte si scatena l’omonimo Jazz con due triple di fila che rianimano Pistoia a -1 (9-10). Anderson tuttavia gli risponde propiziando la contro accelerazione veronese per il +5 (14-9). La Giorgio Tesi sa guadagnarsi tiri liberi preziosi ma soffre le scorribande di Anderson e la presenza fisica e la versatilità di Candussi: con 8 punti di fila il lungo scaligero firma il +9 locale (24-15) dopo 9′. Distacco confermato a fine primo quarto dopo lo scambio di punti tra Jazz Johnson e Caroti: 26-17.

Provano a entrare in partita Utomi e Weathle, a lungo in ombra, a inizio secondo quarto. Dall’altra parte però è Grant a sfruttare il minutaggio più ampio come sostituto di Xavier Johnson e imporsi a rimbalzo offensivo per il +11 Tezenis (30-19). Candussi continua a punire i mancati adeguamenti su di lui sul perimetro da parte di Pistoia che però prova a mettere in ritmo Riisma. Intensità e percentuali si alzano: Jazz Johnson e Grant ci sguazzano e rendono godibile la partita, marchiata anche dalla qualità di Rosselli. Chi resta a lungo ai margini è invece Saccaggi che soffre in difesa ma prova a sbloccarsi: prima in contropiede firmando il -10 (29-39) dei suoi, poi sfruttando i centimetri contro Spanghero per il -6 (38-44). Dall’altra parte però risale in cattedra Anderson: penetrazione e tripla in rapida successione e 47-38 Tezenis a metà gara.

Pistoia sfrutta i centimetri di Magro a inizio secondo tempo, Ramagli invece si gode la serata positiva di Grant. Il quarto fallo prima di Pini e poi di Rosselli scombina i piani veronesi: la Tezenis è rianimata da un inizio complicato dal solito Anderson che ripropone il +10 (52-42) gialloblù. I padroni di casa sprecano qualche libero di troppo e l’asse Della Rosa-Del Chiaro (quattro canestri in fila dello scatenato lungo) propizia il riavvicinamento di Pistoia fino a -5 (55-60). Gli ospiti però faticano a contenere Anderson e Grant, cui si aggiunge la freschezza di Udom, bravo a incidere a fine periodo: dopo 30′ la squadra di Ramagli è a +8 (63-55). 

Un’altra penetrazione di Grant, incontenibile, battezza l’ultimo periodo. Verona spinge con Caroti (due triple) ma Pistoia non molla, rintuzza e insegue grazie a Della Rosa e Weathle. Quattro liberi di Jazz Johnson avvicinano la Giorgio Tesi a -7 (65-72) con le difese che soffrono e gli attacchi che si impongono. Weathle, Utomi e Jazz Johnson danno ritmo a Pistoia che si riavvicina ulteriormente fino al -1 (74-75), con la Tezenis che perde per 5 falli sia Rosselli che Pini. Qui però la reazione della squadra di casa: due liberi di Anderson e l’ennesima tripla della serie di Candussi scavano un solco da +6 (80-74) a 2′ dalla sirena finale. Pistoia non molla ma Grant e Anderson sigillano la partita con i canestri e i rimbalzi della tranquillità: 2-0 nelle serie per Verona.

Tabellini:

Verona: Spanghero 2, Anderson 21, Rosselli 2, X. Johnson, Pini 7, Udom 5, Grant 18, Casarin 2, Candussi 15, Caroti 2. All.: Ramagli.

Pistoia: Saccaggi 6, J. Johnson 23, Utomi 7, Weathle 15, Magro 9, Della Rosa 3, Riisma 3, Del Chiaro 10. All.: Brienza.