QF G2 – Ravenna non muore mai: rimonta Verona e si porta sul 2 a 0

0

Dopo essere stata dietro per tre quarti l’OraSì centra l’impresa e, trascinata ancora da Sabatini, 15 punti per lui, e da Masciadri, 14 punti, porta la serie sul 2 a 0. Per la Tezenis Verona buone prove offerte da Diliegro, 11 punti, e dall’americano Robinson, miglior marcatore per la squadra Veneta con 12 punti.

Gara due si apre con una bella conclusione da sotto di Diliegro, ma Ravenna risponde con un canestro da 3 di Sgorbati trovato nell’angolo da un assist di Tambone. La prima fase del quarto è caratterizzata da molti errori al tiro da parte dei giallorossi. E’ il solito Crusca con un tiro dalla lunga distanza ad infiammare il Pala Cattani. L’intensità messa in campo da Verona in questi primi 6 minuti di gara è ben altra cosa rispetto a quella vista in gara 1. Una brutta palla di Masciadri permette a Portannese di concludere in contropiede e di portare i suoi sul punteggio di 14 a 8. Il massimo vantaggio dei veneti è ancora frutto di una  palla persa dei padroni di casa, che spianano la strada a un altro contropiede di Robinson, che sbaglia ma permette a Totè di mettere dentro in tap-in. L’OraSì ricuce lo strappo grazie a due conclusioni nel finale del quarto che portano la squadra di casa a -4 sul 14 a 18.

Con Smith fuori perché caricato di due falli fatti nel primo quarto, Martino si affida alla coppia Chiumenti-Masciadri sotto canestro, che soffre la diversa stazza di Brkic e Pini, capaci di farsi valere sotto canestro ma anche da fuori, ed è proprio un tripla targata Brkic a  portare i giallo-blu sul + 11. La squadra di Dalmonte sembra avere il pallino del gioco, ma è il protagonista delle trasferte romane ad avvicinare ancora una volta Ravenna. 

Dopo 4 tentativi entra nel match anche Masciadri, mette a segno 5 punti consecutivi e porta il punteggio sul 26 a 30. Non c’è un attimo di respiro le azioni si susseguono da un lato all’altro del campo. Un tiro da tre di Amato autore di 8 punti negli ultimi 3 minuti mette fine al secondo quarto è fissa il risultato sul 34 a 40 per gli ospiti.

Sgorbati apre la seconda metà di gioco,Ravenna spreca due buoni possessi in attacco, buttando dei palloni fuori dal campo.Anche fornendo delle difese incredibili, la scarsa vena realizzativa dei ragazzi di Martino fino a questo punto non permette alla squadra di casa di avvicinarsi.Verona dopo 5 minuti tocca nuovamente il + 9.Ravenna rientra ufficialmente nel match con l’asse Tambone-Raschi, è il capitano su un buon scarico del numero 15 a portare i romagnoli sul -2.Dopo aver rincorso tutta la partita è il “barba” Masciadri a portare avanti in partita con un canestro dall’angolo.Ultimo possesso del terzo quarto è in mano a Verona, che va in lunetta con Amato che fa 2/2.Ma Tambone sulla sirena fa letteralmente saltare tutti i tifosi ravennati con un canestro da 8 metri.Quando mancano 10 minuti alla fine di gara due i padroni di casa sono avanti di un punto.

Come nel quarto precedente è ancora Sgorbati ad aprire le danze, una magia di Chiumenti porta l’OraSì sul +5 e costringe Dalmonte a riordinare le idee con un time-out. Dare per morta la Scaligera è un errore che l’Orasi non deve commettere, perché  in meno di un minuto i gilallo-blu hanno ripreso la partita e si sono portati a +1 sul 56 a 57. Una buona circolazione di palla di Verona permette ai giallo-blu di portarsi nuovamente avanti sul 60 a 58 quando mancano 5 minuti alla fine di gara 2. Arrivati a questo punto la stanchezza si fa sentire da tutte e due le parti, ma una palla recuperata da Brkic permette alla squadra ospite di portarsi sul +4 a due minuti dal termine. Ancora una palla persa di Ravenna e ancora un fallo commesso da Sabatini portano Robinson alla lunetta, i Veneti sono avanti con 3 punti di vantaggio a 57 secondi dal termine. Una penetrazione del numero 43 giallorosso che ha spaccato la difesa ospite porta i giallorossi a un solo possesso di differenza. A 14 dalla fine un fallo di Robinson porta Tambone in lunetta che non sbaglia e riporta avanti i suoi sul +1. Nell’ultima azione utile alla squadra ospite per vincere, un tiro di Frazier si ferma sul primo ferro. Ravenna batte Verona 64 a 63.

MVP Basketinside.com: GHERARDO SABATINI

ORASI’ RAVENNA-TEZENIS VERONA 64-63

OraSì Ravenna: Gherardo Sabatini 15, Taylor Smith 3, Stefano Masciadri 14, Matteo Tambone 11, Andrea Raschi 3, Alberto Chiumenti 8, Marcello Crusca 3, Derrick Marks ne, Giacomo Sgorbati 7, Fadilou Seck, Emmanuele Scaccabarozzi. All. Martino

Tezenis Verona: Michael Antonio Frazier ii 8, Marco Portannese 5, Andrea Amato 10, Dane Diliegro 11, David Brkic 7, Giovanni Pini 4, Giorgio Boscagin 4, Dawan Robinson 12, Leonardo Tote’ 2 , Davide Guglielmi ne , Andrea Rovatti. All. Dalmonte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here