Siena torna a vincere con il cuore. Biella battuta

0

Prestazione di carattere dei ragazzi di Griccioli, che ribaltano un primo tempo grigio e tornano a vincere dopo sei stop consecutivi. Due punti che valgono oro, contro una Biella che, nel finale, non ha la lucidità per chiuderla.

PRIMO QUARTO

Siena dentro con Saccaggi, Harrell, Tavernari, Flamini, Myers. Biella risponde con Ferguson, Venuto, De Vico, Hall, Tessitori. Mani freddine all’avvio, per fare il pari con le temperature rigide di questi giorni. Siena difensivamente è attenta e limita le folate di Biella, recuperando buoni palloni, ma la precisione in attacco abita ad altri indirizzi. Gli ospiti fanno affidamento soprattutto a Tessitori, solido come un totem, e al super veterano Hall (9-9). Poche, pochissime idee da entrambe le parti. Griccioli e Carrea urlano, si sbattono, chiamano sospensioni, ma con effetti a intermittenza. Myers non si tira indietro ed è l’unico a produrre davvero. L’equilibrio è rotto solo dalla bomba sulla sirena di Venuto, che fissa il punteggio sul 18 a 15.

SECONDO QUARTO

Siena parte più convinta, con Mascolo a portare fosforo in abbondanza e buona applicazione difensiva, salutare come una ricca porzione di tonno pinna gialla (20-18). Sotto canestro si fanno diverse sportellate, e Myers paga dazio: terzo fallo e panchina obbligatoria dopo 2’. Non una bellissima notizia per Siena, per usare un pacato eufemismo. Flamini mette una bomba rara quanto importante, ma ad ogni accenno di zona Hall punisce da lontano coma una maestrina pignola (25-27). Biella inizia ad essere più convinta delle proprie sicurezze, e prova a scavare il primo solco, agevolata dalle percentuali dei padroni di casa, in picchiata più di un titolo tossico. Altro minuto, con Griccioli che non sa più a che santo votarsi (25-34). Maluccio anche nel finale, con gli ospiti che consolidano e la Mens Sana che vacilla, pericolosamente (29-39).

TERZO QUARTO

Tavernari inizia con una bomba che scuote un po’ l’ambiente, ma Tessitori in quattro e quattr’otto mette due punti esclamativi che fanno già chiamare il primo time out al coach mensanino (32-43). Siena prova ad allungare la difesa, trovando buoni recuperi e soprattutto un Myers che, quando è in campo, fa vedere i sorci verdi a tutti; appunto, quando è in campo, perché poco dopo Myers commette un veniale quarto fallo, ed è costretto al ritorno in panchina. Siena però si è rifatta sotto, complice qualche distrazione di troppo da parte di Biella e stavolta è Carrea ad interrompere (41-45). Flamini si sblocca dalla lunga e mette due bombe da capitano, ma anche Biella ora trova ottime soluzioni da sotto (47-51). Harrell e Ferguson provano ad entrare in ritmo, mettendo un bel po’ di sale su un paio di giocate ciascuno; prima dell’ultimo mini riposo il tabellone dice 53 a 57.

QUARTO QUARTO

Poca lucidità per cominciare il periodo in cui tutto si decide. Primi tre minuti senza segnare, con palle perse che gridano vendetta. Poi, in un batter d’occhio, Tavernari da fuori, Hall da tre e Ferguson in entrata. Biella +7 e time out immediato di Griccioli. Siena prova a ricucire, con il cuore e con i muscoli di Myers, mentre gli arbitri annullano la bomba del possibile pareggio di Tavernari venuta, a detta loro, dopo la sirena dei 24”. L’antisportivo a Ferguson dà nuova linfa a Siena, che prova ad acciuffare un insperato aggancio (60-62). Hall segna di nuovo, ma Harrell piazza un 2/2 dalla linea della carità e Myers ne mette uno dei suoi, sfruttando tutto il suo potenziale fisico. Eccolo, il pari a 64. Nelle ultime due azioni, Ferguson perde palla e la penetrazione di Myers rimane sul primo ferro mandando tutti all’overtime.

TEMPO SUPPLEMENTARE

Siena mette la testa avanti per prima con il solito leone Myers, mentre Biella sembra aver accusato il contraccolpo, perdendo ogni fluidità offensiva oltre che tonnellate di palloni. Ancora Myers lanciato da Harrell insacca il più quattro regalando il più quattro a Siena che impone il timeout obbligato per Biella. I biancoverdi ora sentono l’impresa vicina, ma le gambe tremano paurosamente: un paio di palle perse, punti facili per Biella et voilà, ospiti di nuovo a -2 a un minuto dalla fine (70-68). Myers è ancora il go-to-guy, e non tradisce: muscoli al cielo e tabellata che vale due punti. Tavernari la chiude dalla lunetta, Siena si prende due punti pesanti più del piombo fuso.

Mens Sana Basket 1871 Siena-Angelico Biella 74-68
Parziali: 15-18, 29-39, 53-57.

Mens Sana Basket 1871 Siena: Masciarelli n.e., Harrell 13, Mascolo 4, Vildera, Saccaggi 7, Flamini 9, Bucarelli 4, Pichi, Myers 27, Tavernari 10. All.: Riccioli.
Angelico Biella: Ferguson 15, Hall 19, Massone, Venuto 3, L. Pollone 2, De Vico 8, Udom 6, M. Pollone n.e., Rattalino, Tessitori 15. All.: Carrea.
Arbitri: Ciaglia, Giovannetti, Fabiani.

Fotogallery a cura di Gianluca Romani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here