Stop interno per Biella, Rullo on fire per il colpo Stings

di Giuseppe Rasolo

L’Angelico paga oltremisura l’impegno di mercoledì e soccombe di fronte a una Dinamica Mantova a cui riesce effettivamente di tutto con percentuali al tiro da favola per precisione e per continuità. Secondo e terzo quarto da incubo per Infante e compagni e complici le solite amnesie difensive Mantova ha messo il turbo e si è portata avanti di 30 punti; scarto poi limato nel finale. Ma non c’è tempo per distrarsi bisogna resettare il sistema e ripartire. Corbani schiera Raymond, Voskuil, De Vico, Laquintana, Infante Morea risponde con Jeffersons, Rullo, Gaddefors, Maccaferri e Amoroso. Biella parte molto forte mette un cinque a zero che da speranza una sorta di continuità con la coppa poi però piano piano Mantova ricuce con la sua batteria di lunghi i rimbalzi sono a suo favore e non è una novità mette una prima volta la freccia, ma poi Biella si ricorda del suo tiro dalla lunga. Un marchio di fabbrica con Berti che mette addirittura il più sei. Mantova anche in questo caso non si scompone Amoroso e Jefferson mordono e sospingono Mantova ad andare in vantaggio anche solo di un punto. E ‘ il preludio di un incubo per Biella che si materializza nel secondo quarto con l’Angelico che viene addirittura mortificata a rimbalzo nel tiro e negli assist. Mantova invece è didattica ogni azione un canestro, non affonda ma mette sempre dentro la palla il settanta per cento del gruppo guidato da Morea da due rende l’idea, quando anche Aristide Landi mette due triple si capisce che per Biella è notte fonda. Il meno dieci del 15’ diventa meno 18 all’intervallo lungo con Mazic in tranche agonistica che sbeffeggia Voskuil. Si rientra dall’intervallo ma si finisce come si era finito con una tripla di rullo che rimette in moto la macchina da punti della Dinamica. Biella cerca di limitare i tiri ma Rullo è devstatante 14 punti a referto e tante buone giocate. Biella va sotto e Mantova diventa imprendibile. Anche i primi minuti dell’ultimo quarto non danno il cambio di ritmo. Mantova alza un po’ il piede dall’acceleratore e a questo punto Biella prende fiducia i tiri cominciano a entrare, i giochi a due finalmente sono finalizzati. Mantova arretra e Biella recupera fino ad arrivare a soli dieci punti.

Scuro in volto Corbani affronta la sala stampa “ nessun alibi eravamo scarichi dal punto di vista mentale, dobbiamo imparare a gestire meglio le emozioni di una partita come quella di mercoledì scorso, ho sperato che i ragazzi riaccendessero la luce ma non è stato così. Complimenti ai tifosi che hanno incitato la squadra anche sotto a meno 30. Più sereno Morea che si è arrabbiato solo sul calo finale dei suoi “la gara l’abbiamo preparata bene mettendo una gabbia intorno al gioco di Voskuil e Bj Raymond e da li è stato facile poi gestire il resto della partita”. Contentissimo Rullo questa sera devo dire che sono stato fortunato i tiri entravano tutti.

Angelico Biella – Dinamica Mantova 85 – 95 (20 – 21; 37 – 53; 53 – 81)

Angelico Biella
Chillo 6, Laquintana 17, Infante 5, Lombardi 12, Berti 3, Calabrese n.e., Raymond 22, Voskuil 13, De Vico 7, Danna 0, Marzaioli 0
Dinamica Mantova
Mazic 15, Jefferson 13, Moraschini 11, Gaddefors 12, Rullo 22, Landi 6, Stanzani n.e., Amoroso 14, Maccaferri 2

LE PAGELLE

Angelico Biella

Chillo voto 6 ci mette un po’ a carburare come tutta la squadra, perde qualche pallone, ma trascina la squadra nel convulso finale, uscire per falli non è piacevole ma da’ l’idea di aver lottato
Laquintana voto 7, pronti e via e la mette da tre e uno dei pochi a salvarsi questa sera tutta grinta e pepe ma predica nel deserto soprattutto nel secondo e nel terzo quarto
Infante voto 5,5 il capitano è abulico, percentuali non eccelse e molti errori
Lombardi voto 6,5 per essere reduce da problemi fisici lotta e si batte ma incappa come tutti nel passaggio a vuoto
Berti sv. I problemi fisici ci sono ma si prende il lusso di segnare un canestro da tre quello del più sei che illude Biella
Raymond voto 6,5 si accende solo nel finale con giochi a due e tiri molti belli peccato che giungano solo nel finale quando ormai la partita è persa
Voskuil 5,5 molto nervoso, lo raddoppiano spesso e le mani addosso non sono certo piacevoli, però non trova mai il feeling con il tiro
De Vico voto 6 passo indietro rispetto alle ultime prove ma lotta comunque e cerca di tener vivo l’ardore di Biella

Dinamica Mantova

Mazic voto 8 mortifero nel secondo quarto grazie ai suoi giochi Mantova mette la freccia e Biella non la vede più abili i suoi raddoppi su Voskuil
Jefferson voto 7,5 dinoccolato e a volte sbaglia canestro facili ma a rimbalzo è una furia e mette il suo mattoncino per la vittoria della Dinamica
Moraschini voto 7 dei suoi è forse quello che sente la partita – è un ex – ha il merito di dirigere il traffico e di smistare la palla con precisione
Gaddefors voto 8 cecchino implacabile da due è forse il lungo che Biella ha subito di più immarcabile
Rullo voto 9 lo ha detto lui in sala stampa questa sera mi riusciva di tutto impossibile dargli torto 6/9 da tre e soprattutto reattivo anche a rimbalzo
Landi voto 7 entra e segna due triple consecutive ottimo rincalzo
Amoroso voto 7 il cognome a Biella evoca brutti ricordi e lui quasi non li smentisce un lungo spigoloso che va spesso a referto
Maccaferri voto 6,5 il play tascabile mantovano fa girare bene la palla e gli riesce pure un canestro improbabile in entrata contro Raymond.

Fotogallery a cura di Alberto Tesoro

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy