Successo casalingo per Roma, che domina e vince sulla Cuore Napoli

La squadra di coach Bechi domina dall’inizio alla fine della gara. Uomo partita un Aaron Thomas da 30 punti.

di Martina De Angelis

Non c’è partita questa al Palazzetto dello Sport di Roma: la Virtus scende in campo determinata e dura dai primi minuti di gioco, e dopo qualche breve attimo di punto a punto, spinge subito indietro gli ospiti di Napoli e non gli permette di raggiungerla mai, nonostante un naturale calo nel terzo quarto. Nonostante la buona prova di squadra, Roma deve buona parte delle sue fortune a un Aaron Thomas scatenato: 18 punti nel solo primo quarto, ne segna 30 totali e recupera anche 6 rimbalzi, una vera furia che trascina il gruppo ad una vittoria molto pesante in chiave salvezza; molto bene anche Lee Roberts (22 punti, 5 rimbalzi), positivo Landi più in difesa e nel gioco di squadra (6 rimbalzi, 4 assist). Napoli paga l’assenza del suo uomo chiave, e nonostante gli sforzi di Turner e Mascolo (rispettivamente 26 e 21 punti) non sembra mai riuscire ad entrare veramente in partita. La strada per evitare i playout è ancora lunga e in salita, ma sicuramente la vittoria di stasera aiuta Roma ad allontanarsi da un ultimo posto – che al momento resta a Napoli – a cui era arrivata pericolosamente vicina.

LA CRONACA
Inizio serrato a ritmi molto alti, Roma parte forte con Aaron Thomas e un ottimo Lee Roberts, Napoli risponde subito ma fatica di più a finalizzare. La Virtus entra sempre più in partita, soprattutto grazie a un Thomas capace di ben 18 punti nel solo primo periodo, e prova subito a scappare via (34-17 al 10’). L’andamento del secondo quarto è molto simile al primo: Napoli ha un buon apporto da Turner e da Vangelov, ma è ancora Roma a dominare e a chiudere i secondi dieci minuti di gioco sul netto vantaggio di 50-33. Cala leggermente il ritmo dei padroni di casa e Napoli sembra riuscire quasi ad approfittarne, con Turner e Mascolo in grado di accorciare le distanze, ma la tripla di Chessa al 28’ mantiene gli ospiti a distanza di sicurezza (67-52 al 30’). Napoli esaurisce le sue energie e nell’ultimo quarto non riesce a riprendere più i romani, che nonostante un calo di precisione e concentrazione arriva comodamente fino alla sirena finale e porta a casa la gara per 93- 68.

Virtus Roma: Basile3, Maresca 8, Chessa 9, Baldasso 6, Lucarelli 0, Landi 7, Filloy 0, Roberts 22, Thomas 30, Taddeo 0, Parente 8, All. Bechi

Cuore Napoli Basket: Fioravanti 3, Puoti 0, Mastroianni 0, Mascolo 21, Vangelov 6, Ronconi 7, Maggio NE, Thomas 0, Caruso 5, Turner 26, All. Bartocci

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy