Supercoppa A2 – L’Unieuro Forlì batte Torino ed è la prima finalista

La spunta Forlì nel finale, brava a rimanere sempre agganciata ai gialloblu. Per Torino serata storta al tiro pesante, per la truppa di coach Cavina ora testa al campionato.

di Simone Santolini

Nuovamente senza Bruttini e Giachetti, è ancora partenza in quintetto per Samuel Dilas. Forlì controlla la palla a due ma alcui errori da ambo le parti mantengono il punteggio basso nelle fasi iniziali, stallo sbloccato dalla linea della carità con Diop che fa 2/3 per Torino. Roderick e e Rush in rapida sequenza regalano il vantaggio all’Unieuro (4-2) ma con l’ex-fulgorlibertas Campani e Cappelletti la Reale mutua la ribalta subito arrivando al +5 con la bomba di Diop (4-9). Già obbligato a cortissime rotazioni, i due falli commessi nel giro di pochi minuti da Dilas costringono coach Dell’agnello a togliere il suo unico pivot a disposizione. La Reale mutua ne approfitta attaccando il cuore dell’area e raccogliendo numerosi viaggi in lunetta, con Cappelletti che con il canestro più fallo sigla il 7-14. Tre triple di Forlì nelle fasi finali, segnate rispettivamente da Rush, Landi e Roderick riavvicinano parzialmente Forlì con il quarto che si chiude sul 16-20 a favore di Torino.
Ancora Landi da fuori e Natali segnano in avvio di secono parziale e Forlì può rimettere il naso avanti (21-20) prima del monologo di Torino (attorno al 15′ di gioco è 16-0 nel computo dei tiri liberi) e con la tripla di Toscano tocca il massimo vantaggio a +8 (25-33). Dilas dopo un paio di ottime difese commette anche il terzo fallo e deve tornare a sedersi facendo spazio al diciassettenne Ndour. Landi e Roderick nel finale di primo tempo riavvicinano l’Unieuro e le squadre tornano negli spogliatoi per l’intervallo lungo sul 30-35.
Riparte fortissimo Forlì che riesce rapidamente a tornare in parità (43-43 con Rush) e poi avanti con la tripla di Rodriguez che costringe coach Cavina a fermare il cronometro per parlare ai suoi giocatori. L’Unieuro Forlì riesce a compensare le assenze con una compattezza invidiabile e inaspettata vista l’assenza di due pilastri come Bruttini e Giachetti e aggrappandosi alle giocate di un Roderick in versione extra-lusso, rintuzza ogni tentativo della Reale mutua di scappare e chiude la frazione sul 55 pari.
L’avvio di ultimo quarto sembra sorridere a Torino che fa pesare i problemi di Forlì a reggere il fisico di Diop e racimola ben 5 punti di vantaggio sul canestro di Campani (60-65). Forlì risponde prima recuperando il disavanzo sull’asse Roderick-Landi e poi blindando il proprio anello (12-2 il parziale negli ultimi 2’30”). Il canestro chirurgico di Rodriguez dall’arco (69-68 Forlì) a un 1′ dalla fine sposta definitivamente l’inerzia verso l’Unieuro, con la Reale mutua che non sfrutta il “tesoretto” di ben tre falli da spendere e non segna praticamente più. Sempre Rodriguez mette il sigillo dalla lunetta sulla vittoria con il punteggio di 75-70.

Reale Mutua Torino – Unieuro Forli 70-75 (20-16, 15-14, 20-25, 15-20)

Reale Mutua Torino: Ousmane Diop 29 (7/11, 2/2), Alessandro Cappelletti 9 (3/7, 0/1), Jason Clark 8 (2/10, 1/3), Daniele Toscano 8 (1/2, 1/4), Luca Campani 7 (3/3, 0/0), Lorenzo Penna 6 (3/4, 0/3), Franko Bushati 2 (1/1, 0/3), Mirza Alibegovic 1 (0/6, 0/4), Giordano Pagani 0 (0/0, 0/0), Matteo Ferro 0 (0/0, 0/0), Alessandro Origlia 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 18 / 24 – Rimbalzi: 27 7 + 20 (Daniele Toscano 11) – Assist: 12 (Mirza Alibegovic 6)

Unieuro Forli: Terrence Roderick 24 (6/6, 3/4), Aristide Landi 18 (2/2, 4/7), Yancarlos Rodriguez 12 (0/4, 2/7), Nicola Natali 11 (3/3, 1/2), Erik Rush 10 (1/6, 2/6), Samuel Dilas 0 (0/1, 0/0), Luca Campori 0 (0/1, 0/1), Benjamin babacar Ndour 0 (0/0, 0/0), Riccardo Bolpin 0 (0/0, 0/0), Paolo Bandini 0 (0/0, 0/0), Jacopo Giachetti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 18 – Rimbalzi: 32 3 + 29 (Terrence Roderick 14) – Assist: 16 (Terrence Roderick 6)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy