SUPERCOPPA LNP – Beverly e Piunti protagonisti, l’Urania doma la Juvi Cremona

0

Wegreenit Urania Milano – Ferraroni Juvi Cremona 90-73 (22-21, 21-14, 22-16, 25-22)

Wegreenit Urania Milano: Giorgio Piunti 17 (1/1, 2/2), Andrea Amato 13 (2/4, 3/8), Ion Lupusor 13 (2/2, 3/6), Gerald Beverly 12 (3/8, 0/0), Giovanni Severini 12 (1/1, 3/5), Giddy Potts 10 (0/0, 1/6), Matteo Montano 8 (0/4, 1/3), Davide Bonacini 5 (2/4, 0/1), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/1), Romeo Ciccarelli 0 (0/0, 0/0), Matteo Anchisi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 29 / 35 – Rimbalzi: 39 12 + 27 (Gerald Beverly 11) – Assist: 23 (Andrea Amato 6)

Ferraroni Juvi Cremona: Lester Medford 15 (1/4, 3/8), Cosimo Costi 13 (3/9, 1/3), Daniele Magro 12 (5/5, 0/0), Bernardo Musso 10 (2/2, 1/6), Gabriele Benetti 9 (2/3, 1/2), Luca Vincini 4 (2/4, 0/0), Lorenzo Tortu 4 (0/3, 1/3), Tekele Cotton 3 (0/5, 0/5), Antonino Sabatino 3 (0/1, 1/3), Niccolò Giulietti 0 (0/1, 0/0), Francesco Grassi 0 (0/0, 0/0), Alessandro Biaggini 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 19 / 21 – Rimbalzi: 36 16 + 20 (Cosimo Costi 8) – Assist: 17 (Lester Medford 5)

Inizia con una bella vittoria il cammino del girone di Supercoppa per la Wegreenit Urania Milano, i Wildcats regolano la Juvi Cremona, 90-73. Gara controllata per larghi tratti dai Wildcats che allungano con decisione nella ripresa. Prova collettiva di valore per la truppa di coach Davide Villa con 6 uomini in doppia cifra, top scorer capitan Piunti a quota 17. Ottimo impatto anche per Amato che esalta il PalaIseo azionando l’atletismo di Beverly, solida prestazione di Lupusor e Severini Medford e Costi i migliori tra gli ospiti.

LA GARA

Partenza positiva dei Wildcats in cui brillano i nuovi arrivati Severini e Lupusor subito a referto dall’arco, 6-3. Reazione ospite guidata da Costi che si batte in area colorata, una bomba di Tortù sigla il sorpasso della Juvi, 7-10. Rimette la freccia ancora un adrenalinico Severini, Wegreenit che spreca un paio di buone opportunità per allungare, 16-12. Accende il motore Bonacini che prova a creare il break, Magro tiene a contatto Cremona alla prima sirena, meno 1 dopo il buzzer beater dall’angolo da Musso, 22-21. Primo squillo anche per Matteo Montano che apre il secondo quarto, tripla del Principe rossoblu subito doppiata da Lupusor, 30-27. Beverly fa la voce grossa in vernice ma non mollano i cremonesi che sfruttano brani di zona, 32-29. Amato cerca di alzare il ritmo in attacco di Milano, Lupusor ed una schiacciata tonante di Beverly per il primo margine in doppia cifra di Urania, 39-29. Lievita sino a 12 il vantaggio della Wegreenit prima del recupero della Juvi trascinata da Medford, 43-35 il parziale all’intervallo. Dopo la pausa lunga la gara si fa più tesa ed a tratti nervosa, due zampate di Lupusor e la grinta di capitan Piunti tengono a distanza gli ospiti, 48-38. Si infiamma ulteriormente il match dopo il tecnico a coach Bechi, arriva il massimo vantaggio dopo l’incursione di Severini ed il botto di Potts. Medford prova a dare la spinta ai cremonesi ma è Amato a tenere a più 14 Milano alla penultima sirena, 65-51. E’ lo show Amato-Beverly ad innescare lo strappo decisivo del match, asse che fa volare la Wegreenit, 72-53. I sigilli reali dell’altra coppia reale rossoblu, Montano realizza e crea, Giorgio Piunti concretizza per il più 20 che garantisce un finale sul velluto ai Wildcats nonostante gli ultimi sussulti di Medford e compagni, 

UFF.STAMPA URANIA MILANO