Tortona torna a vincere, Virtus Roma k.o.

Trascinata da Melvin Johnson in formato NBA, la Bertram Tortona ha la meglio su una agguerrita Virtus Roma (75 a 69) che cede il passo ai padroni di casa solo nel finale, dopo una partita in totale equilibrio.

di Matteo Armana

Dopo due sfortunate trasferte la Bertram Tortona torna tra le mura amiche del Pala Oltrepò di Voghera per cercare la vittoria contro la Virtus Roma. Pansa ed i suoi leoni cercheranno di interrompere la striscia di due sconfitte consecutive, occorse lontano dalla propria casa, e restare così aggrappati al gruppo di testa della classifica.

Inizia la gara, la Bertram schiera Garri, Sorokas, Spanghero, Stefanelli e Johnson, mentre Roma parte con Thomas, Chessa, Baldasso, Roberts e Landi. L’inizio porta la firma del solito Sorokas che sigla i primi tre punti dei bianconeri a cui segue subito Johnson che guadagna tre liberi, per un fallo sul tiro dalla lunga distanza e subito Tortona fa il primo mini break, 6 a 0 dopo un minuto di gioco. I primi die punti dei capitolini sono a cura di Thomas, ma Sorokas risponde subito con un jumper dai 5 metri e fa 8 a 2 per i suoi. Tortona si affida tanto al tiro dalla lunga distanza, ma con esiti poco fortunati, mentre Roma fatica a trovare la via del canestro dal campo. Ma Baldasso, dall’arco, suona la carica ai suoi e riporta la Virtus a meno 3 , 10 a 7 dopo cinque minuti di gioco. Entra Gergati per Spanghero. I ferri del pala OLtrepò, questa sera, paiono non vedere di buon occhio le bombe della Bertram, mentre Roma, sull’altro lato del campo, fatica e porta bottino al suo punteggio dalla linea dei tiri liberi fino ad arrivare sul 12 pari a 3.30 dalla fine del primo periodo. Il quarto continua su una sostanziale parità tra le due compagini, con molti errori da ambedue le parti. Il primo vantaggio degli ospiti arriva a 16 secondi dal termine che si portano sul 20 a 21, la Bertram ha l’ultimo possesso del periodo e Johnson, di mestiere, porta a casa i due liberi che valgono il momentaneo vantaggio dei bianconeri 22 a 21 alla fine del primo quarto.

Nel secondo periodo Tortona parte con il possesso e capitalizza con una buona iniziativa di Gergati, 24 a 21. Gli ospiti si riavvicinano con Parente che, in zingarata in mezzo all’area, guadagna i due punti del 24 a 23 quando mancano 7.33 di gioco. Tortona pasticcia in attacco e Roma, in modo roccambolesco, riesce a sorpassare i padroni di casa. Nella mischia in area cade a terra Meluzzi che dovrà essere sostituito per un forte colpo al ginocchio, entrà cosi’ Spanghero. Meluzzi lascia il campo portato a spalle dallo staff medico della Bertram. Il ferro pare non essere amico dei bianconeri, in questo inizio di gara, e Parente porta i suoi sul 29 a 27. Ma l’equilibrio non tarda a venire, suona la musica il maestro Sorokas (11 pt)., 29 pari. La gara pare non volersi scostare dalla parità, canestro Tortona, Parente risponde, ed il risultato avanza con le squadre sempre appaiate mentre il cronometro corre. Quando mancano 1.22 all’intervallo la Bertram conduce per 37 a 34. Rientrati dal Time Out è Tortona, con Johnson a siglare il momentaneo + 5 (39 a 34) she, in questa gara, costituisce un vero e proprio mini break.Negli ultimi secondi di gioco, Roma perde due palloni e  Tortona capitalizza il vantaggio, 41 a 34 quando mancano sette secondi sul cronometro. Finisce così il primo tempo con la Bertram che chiude con un mini vantaggio malgrado i molti errori dalla distanza ed alcuni black out difensivi che hanno permesso a Roma di stare attaccata alla partita.

Terzo periodo al via, i bianconeri devono consolidare il vantaggio per portare fieno in cascina in ottica di classifica, ma la girandola degli errori continua a colpire entrambe le squadree dopo due minuti di gioco il punteggio è sempre fermo sul 41 a 34 per la Bertram. E’ Roberts che tenta di sbloccare il risultato, guadagnadosi un fallo di esperienza in post basso, due liberi a segno ed i capitolini tornano a meno 5 lunghezze. Gerati, in zona d’attacco, perde palla e Landi con una poderosa penetrazione acciuffa due liberi che valgono il 37esimo punto della Virtus. 41 a 37 per i leoni di coach Pansa. Ma l’inizio della Bertram non pare essere dei migliori, altra palla persa di Sorokas e Pansa, subito, chiama time out per parlarne con i suoi ragazzi. Bechi prova la zona e Tortona, con Gergati, prende due tiri aperti ma il ferro, questa sera, non vuole bene ai leoni e Roma, pian piano rosicchia punti ai piemontesi sino a siglare il sorpasso sul 43 a 41. Dato significativo che Tortona non trova la via del canestro da cinque minuti di gioco e Roma ne approfitta portandosi sul 46 a 41, con una bomba di Baldasso. Ma il talento di Johnson non fa scappare la Virtus, jumper dai cinque metri con fallo e Tortona è di nuovo a meno due lunghezze dagli ospiti. Ma la Virtus is riporta sul +4 con una tonante schiacciata bimane di Roberts ed il solito parente che segna il + 6 degli ospiti (50 a 44) quando mancano 3.35 da giocare. Ma Tortona non molla e Johnson, totalmente perso dalla difesa di Bechi, mette la bomba del meno tre. Il palazzetto esplode quando Johnson, in un one men show, spara da otto metri la bomba del 50 pari. Il terzo periodo ha visto Roma tentare una mini fuga ma, subito, Tortona si è riportata sotto, ristabilendo l’equilibrio che ha sta caratterizzando la gara. Il periodo si chiude con la Bertram in vantaggio di due lenghezze 55 a 53.

Ultimi dieci minuti di battaglia sul parquet, Tortona pare partire bene e va subito sul più 4 con capitan Garri. Ma Roma non demorde e Landi guadagna due liberi che riportano la Virtus a meno 2 punti dai padroni di casa. Gergati però perde palla in attacco e Roma si riporta a meno 1 (57 a 56). La gara ha molti errori sia in attacco che in difesa da parte di entrambe le squadre, ma il punteggio è sempre in equilibrio e lo spettacolo è sicuramente avvicente da vedere. Si gioca di intensità e nervi con continui mini sorpassi che hanno caratterizzato questa gara. Il solo Johnson sembra non voler mantenere l’equilibrio e si inventa un canestro che vale il più tre. Ma Roma, come da copione risponde subito, 61 a 60 per la Bertram, quando mancano 5,23 al termine della gara. Ma Tortona ha pazienza e riesce a costruire un mini break a tre minuti dalla fine che gli vale un più 5 punti sulla Virtus (65 a 60), grazie a buone iniziative offensive che vengono dalle penetrazioni di Stefanelli. Ma Roma torna a meno tre con un a super schiacciata al volo di Thomas. Ma la risposta bianconera è immediata e viene dalle caldi mani dell’MVP di giornata, Melvin Johnson che ruba palla e si invola a canestro, 67 a 62 per i padroni di casa. quando mancano 120 secondi al termine. Ora Tortona sembra avere l’inerzia della gara e Gergati si conquista il fallo che gli regala due liberi che valgono il 70 a 62 per la Bertram. La Bertram Tortona ha la meglio sulla Virtus Roma ( 75 – 69) e sale a quota 24 in classifica.

Il nostro MVP: Melvin Johnson

Bertram Tortona: Meluzzi, Spanghero 5, Garri 12, Johnson 20, Sorokas 16, Quaglia 5, Stefenelli 3, Apuzzo, Gergati 14, Divac, Radonjic, Cremaschi; All. Pansa

Virtus Roma: Maresca 6, Baldasso 10, Basile, Chessa 6,  Parente 10, Lucarelli, Landi 6, Thomas 12, Roberts 19, Benetti; All. Bechi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy