Tortu’-Pepper al top: San Severo indigesta per Verona

0

Allianz San Severo – Tezenis Verona 88-77 (13-15; 35-37; 52-54)

San Severo si conferma indigesta per Verona, che si ferma dopo 11 vittorie consecutive, striscia inziiata dopo la pesante sconfitta casalinga all’andata proprio contro i pugliesi. L’Allianz, trascinata dalla coppia Tortu’-Pepper, trova un quarto periodo mostruoso in attacco (36 punti), scricchiola nel finale, ma alla fine porta a casa la vittoria. Non basta per la Tezenis la grande serata di Xavier Johnson, autore di 25 punti.

Inizio gara intenso e con le difese che costringono gli attacchi a basse percentuali. San Severo scatta con Tortu‘ e Pepper, Verona risponde con Anderson e Johnson. Entrambe le squadre partono male dalla lunetta (San Severo parte addirittura con 0/7, 2/11 nei primi 10′) ma vanno forte a rimbalzo offensivo: Piccoli da una parte e Grant dall’altra incidono e segnano. I padroni di casa tentano l’allungo con i punti di Sabatino ma vengono subito raggiunti e superati dall’ottimo impatto dalla panchina veronese di Udom: 15-13 per la Tezenis a fine primo quarto nonostante l’infortunio alla caviglia patito da Casarin.

Verona parte forte nel secondo periodo con la tripla e il canestro da rimbalzo offensivo di Grant e l’appoggio di Candussi per il +9 (22-13) gialloblu che costringe al timeout coach Piersante (sostituto di Bechi). A scuotere i suoi ci pensa Pepper ma la Tezenis trova solidità difensiva e fluidità in attacco toccando il +12 (30-18) con la schiacciata in contropiede di Johnson. Peraltro l’Allianz, a lungo tradita da Sabin, non molla mai e risale con i soliti Tortu’ e Pepper grazie a un contro break di 8-0 per il -4 (26-30). Il parziale si estende con le soluzioni spettacolari di Pepper che propizia il sorpasso (35-33). Il flash finale firmato da Rosselli e Anderson permette a Verona di avere l’ultima parola: 37-35 per gli ospiti dopo 20′.

Si sblocca Sabin per San Severo a inizio terza frazione. Ma Verona innesca i propri lunghi Pini e Johnson e prova ad allungare sul +5 (43-38). Pepper non perde l’ispirazione in attacco ma Rosselli torna a ispirare Johnson e Candussi e Verona ripropone il +5 (50-45). L’Allianz non va mai completamente in affanno e si attacca alla partita con la solita intensità, anche se soffre fisicamente in difesa in area. L’accelerazione di Sabatino permette ai padroni di casa di avvicinarsi a 2 (52-54) alla vigilia del quarto decisivo.

L’ultimo quarto si apre con un micidiale 6-0 per San Severo firmato Sabin che ribalta la gara a favore dei locali (58-54). Gli risponde subito Anderson ma Serpilli e soprattutto un super Tortu‘ confermano la vena dalla lunga distanza della formazione di casa che scappa via sul +11 (71-60) completando un break di 19-6 in 5’ con le ulteriori punture di Piccoli. Verona sembra tramortita ma non molla. Pini e l’ispirato Johnson risalgono la corrente ignorando l’ennesima tripla di Pepper. Anche Casarin attacca il canestro e sostiene lo sforzo di Anderson e Rosselli per il la clamorosa parità veronese (77-77) a 1’30” dalla sirena: il contro parziale è 17-6 in meno di 4′. E’ Pepper a prendere per mano la squadra e allontanare le paure. San Severo stringe la difesa, la Tezenis perde la testa e ne nasce un parziale finale di 11-0 che chiude i conti.  

Tabellini:

San Severo: Piccoli 12, Sabin 9, Pepper 21, Tortu’ 18, Moretti 5, Sabatino 6, De Gregori, Serpilli 7, Berra. All.: Piersante (Bechi assente).

Verona: Caroti, Anderson 14, Rosselli 6, Johnson 25, Pini 8, Spanghero, Udom 7, Grant 9, Casarin 2, Candussi 6. All.: Ramagli.