Trapani abbatte Chieti e lascia aperta la speranza Playoff

0

Vittoria convincente della Pallacanestro Trapani, che tra le mura amiche liquida 99-85 la Lux Chieti e tiene viva le sue speranze ti tenere la zona Playoff a due giornate dalla fine della stagione. Match allegro con tanti canestri e in equilibrio per due quarti prima della spallata finale dei padroni di casa nel terzo periodo che chiude il match.

Pallacanestro Trapani – Lux Chieti: 99-85 (27-29,54-48, 77-60)

Pallacanestro Trapani: Taflaj 23, Romeo 16, Tomasini 14, Childs 13, Massone 11, Wiggs 11, Mollura 4, Basciano 3, Biordi 2, Guaiana 2.

Lux Chieti: Amici 25, Bartoli 19, TseTserukou 14, Dincic 12, Sims 11, Graziani 2

Seconda giornata della fase ad orologio per entrambe le formazioni, con Chieti che dopo il successo con Capo D’Orlando è praticamente salva, mentre Trapani cerca ultimo posto playoff. Chieti parte meglio dai blocchi, con una maggiore intensità ed energia, soprattutto firmata TseTserukou e Amici per scappare 9-16 dopo i primi 5 minuti. Trapani molle e poco lucida, mentre ospiti che spingono con un Bartoli caldissimo, che piazza due triple in serie per andare anche oltre la doppia cifra di margine. Un buon Taflaj si mette in proprio, e ricuce un po lo strappo risalendo sul 17-21 al 8′ minuto. Granata piu solidi in difesa, che nel finale del primo quarto ritrovano più certezze e ritornano pienamente in partita sul 27-29 alla prima sirena.

Secondo quarto che Trapani apre al meglio con un 5-0 a suo favore per trovare il primo vantaggio di serata sul 32-29 al 12′. Chieti risponde poco dopo con una tripla da centrocampo di Amici, per la nuova parità di un match ad altissimo quoziente realizzativo. Wiggs e TseTserukou si sfidano a colpi di canestri per un testa a testa con poche difese e buone percentuali al tiro. 40-40 al 15′ di un match molto divertente e dinamico con l’unica pecca in casa granata di qualche fallo di troppo sul groppone che regala liberi in serie agli abruzzesi. Childs e Massone mettono in serie altri 5 punti per scappare 45-40 al 18′ per un finale di tempo ancora carico di canestri. Dincin e ancora Amici tengono alle strette la difesa locale, ma proprio l’ex granata fa emergere il suo nervosismo e si becca un tecnico a 90 secondi dal termine agevolando il finale di tempo dei granata, che vanno al riposo lungo in vantaggio 54-48.

Chieti sempre a zona anche al ritorno in campo nel terzo quarto, che al contrario dei due iniziali vede molta confusione e tanti errori da entrambe le parti. Le percentuali crollano ma Trapani sa rimanere avanti 57-49 al 23′. Sims e Bartoli provano a mettersi in società, e accorciano 57-55 al 25′, ma è il loro ultimo sussulto. I granata fermano sul nascere le velleità degli ospiti e con un super Romeo, insieme a Massone e Tomasini riescono a riaccelerare alzando il ritmo e la precisione al tiro, scappando 69-58 a 2 minuti dalla terza sirena. Chieti resta piantata su se stessa, non segna più e i time out di coach Calvani vanno a vuoto, in un finale di terzo periodo che Trapani domina alla distanza e allunga verso il massimo vantaggio alla terza sirena sul 77-60, con la tripla finale di Taflaj.

Chieti scompare dal campo, resta senza rotazioni e collassa su se stessa nel quarto periodo. Taflaj e Massone toccano anche il +20 sul 86-66 iniziando a gestire il match a loro piacimento, con ospiti in piena difficoltà. 91-74 al 35′ con Trapani che ha praterie al tiro dalla media e dalla lunga distanza, con ben 6 giocatori in doppia cifra, senza più nessuna vera difesa degli ospiti. Il match finisce anzitempo e vola senza sussulti fino alla sirena finale in pieno controllo granata sul 99-85.