Trapani fa suo il derby e abbatte Agrigento

0

Pallacanestro Trapani – Moncada Agrigento  87-77 ( 21-16, 41-39,64-55)

Pallacanestro Trapani: Jefferson 25, Renzo 18, Bossi 5, Ganeto 10, Perry 13, Viglianisi 7, Spizzichino 9,

Moncada Agrigento: Cannon 19, Zugno 7, Evangelisti 18, Williams 8, Pepe 23, L’ovidotto 2.

Avvio subito al alti ritmi, con la zona ospite immediata e un Renzi già padrone dell’ area avversaria. Proprio il capitano granata da la spinta al primo affondo locale per scappare 10-4 dopo i primi 5 minuti di gara. La Moncada si riordina, trova la buona vena di Cannon e Zugno, ritrovando la parità a quota 10 al 7′ e il 17-16 ad 1 minuto esatto dalla prima sirena.  L’ingresso di Spizzichini e il piazzato di Jefferson danno ossigeno e punti al finale dei granata, che vanno al primo riposo sul 21-16.

Più energia nell’avvio di ripresa degli ospiti, che tra alcuni errori e qualche fischio arbitrale di troppo provano a rintuzzare il margine, affidandosi alle buone mani di Zugno. Lo stesso play ospite ferma peró in maniera antisportiva Jefferson, che confeziona bene il suo bottino fino al 28-22 al minuto 15. Vantaggio di paglia per Trapani, che in meno di due minuti dilapida tutto e incassa la triple di Cannon e di Evangelisti per ritrovarsi nuovamente in parità. La gara è tosta e fisica, e nei due minuti finali si resta incollati, mentre la qualità di Jefferson riesce a fare un po più la differenza per i granata, che riescono ad andare al riposo lungo avanti 41-39.

Pronti via, al ritorno in campo però si resta al palo nei primi due minuti. Il primo a muovere la retina è Renzi, che di fisico si conquista 4 liberi in serie per il 45-39. Partita sempre sul filo dei nervi e arbitri e fiscalissimi, con due tecnici alle rispettive panchine da cui ne esce meglio Trapani, capace poi di affondare con Perry e la tripla di Jefferson , per il massimo vantaggio sul 54-42 al minuto 24. È il momento migliore per i padroni di casa, mentre Agrigento perde lucidità e brillantezza al tiro toccando la media di 1 punto ogni minuto. Ducarello ruota bene i suoi nei due minuti finali, restando ad un margine oltre la doppia cifra di vantaggio. La fatica rende un po troppo fallosi gli ospiti,compreso un mai domo Evangelisti,  ma i liberi pesanti permettono a Jefferson e soci di restare avanti sul 64-55 con cui si chiude il terzo periodo.

La tripla del solito Jefferson e il piazzato di Spizzichini aprono l’ultimo periodo con il 5-0 granata. La difesa locale alza il suo muro al meglio, e ancora Spizzichini appoggia il 73-58 al 34′. Agrigento non sfonda in area,  ma si aggrappa alle giocate e alle triple di Pepe, che a 5 minuti dal termine riporta i suoi a -9 sul 73-64. Trapani rifiata e perde Viglianisi per falli, ma si aggrappa alla fisicità di Perry e Renzi per strappare falli e liberi decisivi per restare avanti 81-71 a 120 secondi dal termine. Agrigento non ha piu ne forza ne testa per tentare un disperato recupero, consegnandosi ai granata che finiscono tra gli olè del pubblico fino alla sirena finale sul 87-77.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here