Trieste risponde di squadra, Napoli al tappeto

0

PALLACANESTRO TRIESTE 2004 – PALLACANESTRO NAPOLI 87-68

Pall. Trieste 2004: Coronica 4 (0/1, 1/2), Fossati 8 (3/3), Norbedo 0 (0/2), Tonut 21 (3/9, 5/10), Venturini, Mastrangelo 2 (1/2, 0/2), Grayson 8 (1/3, 2/4), Candussi 11 (4/6, 1/2), Carra 9 (1/3, 2/5), Marini 6 (3/5), Holloway 13 (6/10), Prandin 5 (1/6, 1/1)

Tiri Liberi: 5/10 – Rimbalzi: 34 20+14 (Grayson 7) – Assist: 14 (Tonut 5) – Cinque Falli: Candussi

Givova Napoli: Malaventura 4 (2/3, 0/1), Bianco, Allegretti 19 (7/13, 1/3), Sabbatino 6 (1/2, 1/1), Traballesi 0 (0/1 da tre), Testa 0 (0/1), Ganeto 11 (5/9), Traini 16 (2/5, 1/3), Brkic 12 (5/9, 0/6)

Tiri Liberi: 15/18 – Rimbalzi: 39 26+13 (Allegretti 14) – Assist: 11 (Sabbatino 3)

QUINTETTI

Trieste: Grayson, Carra, Tonut, Coronica, Candussi

Napoli: Traini, Malaventura, Ganeto, Brkic, Allegretti

Corsa a nervi tesi verso i play off per Trieste, nove coraggiosi napoletani per stupire; parte cosi la sfida al Palatrieste davanti a 3000 spettatori. Cenno di difesa a zona ordinata da coach Calvani nelle primissime battute, partenza soporifera del match: 3-4. Prima debole spallata giuliana con tripla di Carra, vantaggio poi consolidato sul +7 con un buon Candussi; linguaggio del corpo dei partenopei piuttosto significativo, pigrizia nel muoversi sui 28 metri e nelle scelte di tiro, il solo Traini fa sterile movimento in palleggio. L’esordio nella partita del “castigato” Holloway registra due difese rivedibili, primo quarto chiuso sul 22-13, grazie al solito contributo di Stefano Tonut. Massimo vantaggio con tripla di Prandin, Trieste vola a +15; le rotazioni ridotte e una passivita’ difensiva inspiegabile napoletana concede ai triestini una sorta di sessione di tiro, con alterne fortune. Fatto sta che i centimetri ospiti hanno buon gioco con soluzioni di “alto-basso” scolastiche, ma ben eseguite: -6 e terzo fallo di Grayson. Incedere monoritmico della partita, gradita soluzione a Traini e soci; sbaglia la tripla del pareggio Napoli, e Malaventura subisce un infortunio molto doloroso alla mano gia’ malata, squadre all’intervallo sul 38-37.

Partenza con doppia tripla per Trieste, e segnali di volonta’ (offensiva ndr.) di Holloway; una sua bimane fa esplodere il Palatrieste, con logico break a favore: +11 e time out coach Calvani. Intensita’ difensiva giuliana tornata “cattiva”, il quintetto partenopeo si schianta contro la prima linea preposta ai raddoppi: 56-40. Resa su tutti i fronti ospite, l’autostrada per il canestro con affondata di Holloway e’ la cartina tornasole di una terza frazione decisiva. Stefano Tonut ricama la solita prestazione balisticamente di rilievo, e la poesia recita un Murphy Holloway ad arringare un Palatrieste in visibilio; Ganeto da segni di vita a fine terzo quarto, ma vantaggio solidamente in mano a Carra e soci sul 69-49. Il manifesto di una stagione targata Pallacanestro Trieste 2004: quando Holloway ha voglia, trascina il gruppo in qualcosa di superiore al valore sulla carta, in caso contrario e’ l’elemento che pone l’ultimo chiodo alla bara; comunque gli ultimi dieci minuti sono patto di non belligeranza fra le due squadre. Finisce 87-68, la squadra di Dalmasson continua a cavalcare il sogno chiamato play off, mentre Napoli, per il solo fatto di scendere orgogliosamente in campo, merita il massimo elogio.

Fotogallery a cura di Linda Cravagna