Troppa Napoli per Jesi, i partenopei espugnano il PalaTriccoli a suon di triple

0

Si fermano a 3 le vittorie consecutive della Fileni BPA Jesi, che nel posticipo della 12^ giornata di A2 Gold subisce l’ira della Givova Napoli e capitola in campo amico col punteggio di 82-92. Non una delle migliori partite per la squadra di coach Lasi, che è a tratti sembrata debole mentalmente e senza quella voglia di riprendere una partita incanalatasi sul binario sbagliato, cosa che invece Napoli ha mostrato dal primo minuto accompagnata dalla grinta (eccessiva, si veda l’espulsione) del suo coach Calvani. Grande duello a distanza tra le due guardie, Ian Miller (35) da una parte e Jarrius Jackson (32) dall’altra, con il napoletano che vince questa sfida nella sfida grazie a dei canestri decisivi ed a percentuali migliori del diretto avversario. A Jesi non basta nemmeno un’altra grande prova del capitano Maggioli (25), dato che Elliott (7 con 3/10) incappa in una serataccia e non riesce a ripetere quanto di buono fatto a Verona, dove era stato il vero e proprio mattatore della squadra. Per Napoli oltre a Jackson molto bene Brooks (24+7) e Ganeto (13+7), ma menzione d’onore per Malaventura (13 con 4/7 da 3) che nei momenti chiave ha sfruttato tutta la sua esperienza e le sue doti balistiche per colpire i padroni di casa con delle mortifere triple, che hanno letteralmente tagliato le gambe agli arancioblu.
1° QUARTO: Subito avvio a favore di Napoli, con Brooks e Ganeto che sfruttano al meglio le scorribande del pesarese Traini, dall’altra parte c’è Borsato col primo canestro della gara per gli jesini. Gli ospiti iniziano a prendere le misure da 3 punti ancora con Ganeto, ma Santiangeli risponde dall’altra parte con la stessa moneta ed è 5-7 dopo 2’30”. Ganeto è in palla e si vede, segna il suo ennesimo canestro del primo quarto di gioco e partecipa a rimbalzo; Jesi si affida a Maggioli e Miller, col secondo che piazza una super schiacciata e seguente tripla per riportare Jesi a -3, e Calvani si rifugia in timeout. Ancora Ganeto che serve Brkic per l’and-one e ancora la premiata ditta Miller-Maggioli a reggere la baracca jesina che conduce 16-12 a 4′ dal termine dei primi 10 minuti di gioco. I padroni di casa non segnano per 1′ abbondante, Napoli ne approfitta e trova il pareggio ancora con Ganeto ma poi, manco a dirlo, sono sempre Miller e Maggioli a riportare Jesi in vantaggio ed a mandarla a riprendere fiato sul 25-22 alla prima sirena, ma Napoli c’è ed i suoi tifosi, pochi (comprensibilmente, la distanza sarebbe proibitiva ma la passione spinge anche a queste bellissime cose!) ma buoni, la spronano a dare il meglio.
2° QUARTO: Elliott finalmente toglie lo zero dalla voce punti, Napoli non trova la via del canestro e va a -8, poi è Jackson che segna i primi punti del quarto per i partenopei; Brooks lo imita, anche Rocca per Jesi segna il suo primo canestro della serata accolto dai soliti fragorosi applausi del pubblico jesino. Migliori si vede fischiare un fallo contro a suo parere ingiusto, poi dall’altra parte perde palla, protesta e si becca un fallo tecnico che favorisce la rimonta di Napoli che torna a -3. E’ Procacci a togliere le castagne dal fuoco per Jesi, dall’altra parte però Jackson si è scaldato e segna altri 4 punti di fila, portando gli azzurri a -1; Maggioli dalla lunetta allunga, poi però è show napoletano: in 1’30” fa 4/4 da 3 punti con Brooks e Malaventura e scappa sul 36-45, Jesi in difesa non sa più che pesci prendere ed in attacco non costruisce buone azioni, così Lasi decide di parlarci su. Malaventura finalmente sbaglia e Miller fa 2/2 dalla linea della carità, poi però riprende il tiro al bersaglio degli ospiti e fa 3/4 dai 6.75 con Jackson e Brkic, compresa la tripla dell’avemaria del primo: risultato sul 45-54 ed inerzia completamente a favore di Napoli.
3° QUARTO: Si riparte da dove ci eravamo lasciati, con una tripla dell’incontenibile Jackson; di là Elliott replica sempre dall’arco e Miller riporta Jesi a -7; per un minuto si va a canestri inviolati, poi Calvani eccede nelle proteste e gli arbitri gli rifilano un tecnico, con il playmaker jesino sopracitato che realizza il libero a disposizione tornando a -6 (51-57 dopo 4′). Il gioco è spezzettato, molti falli contro i padroni di casa e molti errori da entrambe le parti fanno si che si giochi in velocità e con percentuali più basse dei quarti precedenti. Nei primi 6′ Jesi tira 2/12 dal campo, Napoli non fa di meglio e tra palle perse ed errori al tiro ed il quarto si conclude con un povero 9-12, un quarto che comunque va ad influire positivamente sulla partita di Napoli e che permette alla squadra ospite di scappare sul 54-66, potendo così affrontare l’ultimo quarto con la giusta mentalità per portare a casa agevolmente una gara che sembra già chiusa, con Jesi che sembra aver perso lucidità a lungo andare.
4° QUARTO: Rocca prova a scuotere i suoi con il suo gancio cielo che ha fatto tanto gioire anche i tifosi napoletani negli anni della Lega A, ma dall’altra parte non ha ancora fatto i conti con Ganeto che come un microonde si scalda in un attimo e torna a segnare. Miller ci crede ancora, poi però Malaventura ancora da 3 punti ricaccia giù i locali tra lo sconforto del pubblico per via di una difesa poco attenta nel lasciare libero il miglior tiratore avversario: fatto sta che Napoli scappa sul 58-71 anche tra qualche fischio che non favorisce i padroni di casa, il pubblico inveisce sonoramente ma poco importa, la terna in grigio non sente. Jesi però per 3′ non segna più e permette agli ospiti di fare propria la partita arrivando addirittura sul +17; i leoncelli provano a tornare a galla, ma se segnano 4 punti consecutivi poi non ci credono abbastanza e concedono un altro tiro da 3 punti a Malaventura senza avversari nei paraggi. Migliori risponde da 3 punti col primo canestro del giorno arrivato un po’ troppo tardi, poi Brooks dalla lunetta e Maggioli segna col fallo, episodio che fa esplodere l’ira di Calvani che viene giustamente espulso dagli arbitri: Jesi si riavvicina piano piano e, spinta dai numerosi tifosi accorsi oggi sugli spalti, prova la rimonta impossibile. A chi affidarsi se non al proprio capitano? Maggioli firma 7 punti consecutivi riportando Jesi a -8 (72-80 a 3’22” dal termine); Jackson però subisce fallo (ancora molto dubbio, certo è che il povero Procacci non può arrivare al punto di non poter difendere per non sentirsi fischiare un fallo contro!) e dalla lunetta fa 1/2, poi Miller segna da 3 punti e fa venir giù tutto il palazzetto con il tabellone che indica 75-81 con 3′ ancora da giocare. Sempre Jackson dalla lunetta, poi molta confusione e falli; Miller e Ganeto fanno mezzo bottino dalla linea della carità, poi ancora Jackson che nel finale è ‘clutch’ come direbbero oltreoceano: canestro del +10 ad 1′ dal termine e timeout Jesi. Procacci commette il suo quinto fallo su Malaventura dopo l’errore da 3 di Miller che affretta troppo la conclusione; Mala fa 1/2 e di là Maggioli segna da 3 punti; nel finale è sempre Jackson a chiudere la gara, con un gioco da 3 punti che fa gettare la spugna alla squadra jesina. Il punteggio finale è di 82-92, Napoli può festeggiare la terza vittoria consecutiva assieme ai suoi tifosi e Jesi saluta il numeroso pubblico tra gli applausi.
Napoli ora sale a quota 10 punti in classifica e stacca proprio Jesi che rimane a 8 punti, dopo quelle 3 vittorie di fila che avevano fatto ben sperare tutto il pubblico (oggi 2120 anime accorse al PalaTriccoli, tanti i peluches in campo per il Teddy Bear Toss ad inizio gara), soprattutto l’ultimo colpaccio in casa della capolista Verona. Ora Jesi dovrà ancora una volta rimboccarsi le maniche e cercare di ritrovare la strada giusta, che possa portare i leoncelli a Trapani con rinnovata voglia di vincere. Napoli dal canto suo allunga a 3 la striscia di vittorie consecutive, ed anche in assenza di Spinelli e Metreveli riesce a sconfiggere una Jesi in forma in un campo da sempre ostico per tutti. Calvani, nonostante l’espulsione, potrà dirsi soddisfatto dei suoi giocatori, ma è anche vero che una percentuale da 3 punti simile (13/27, 48%) non capita tutte le sere: brava la squadra a sfruttare questa serata di grazia, ed a farne le spese è la Fileni BPA Jesi.
TABELLINI
FILENI BPA JESIGIVOVA NAPOLI 82-92
FILENI BPA JESI: Maggioli 25, Benvenuti ne, Borsato 2, Migliori 3, Rocca 5, Procacci 2, Elliott 7, Lucarelli ne, Schiavoni ne, Santiangeli 3, Picarelli, Miller 35. ALL. Lasi
GIVOVA NAPOLI: Malaventura 13, Allegretti 3, Sabbatino 2, Esposito ne, Testa ne, Jackson 32, Ganeto 13, Traini 2, Brooks 24, Brkic 3. ALL. Calvani
PARZIALI: 25-22; 20-32; 9-12; 28-26
MVP BASKETINSIDE.COM: JARRIUS JACKSON (GIVOVA NAPOLI): 32 punti (5(8 da 2, 5/9 da 3, 7/8 ai liberi), 8 rimbalzi, 1 assist, 0 palle perse, 2 palle recuperate, 2 falli fatti, 35 di valutazione.

Fotogallery a cura di Andrea Medici