Uragano Trieste, Vigevano non pervenuta

0

Pallacanestro Trieste – Elachem Vigevano 1955 103-57

Pallacanestro Trieste: Francesco Candussi 26 (5/7, 3/5), Giancarlo Ferrero 23 (2/5, 5/7), Justin Reyes 15 (3/5, 3/8), Eli jameson Brooks 14 (3/4, 2/6), Ariel Filloy 7 (1/1, 1/2), Stefano Bossi 5 (0/2, 1/3), Luca Campogrande 3 (0/0, 1/5), Matteo Rolli 3 (1/1, 0/0), Lodovico Deangeli 2 (1/4, 0/0), Danny Camporeale 2 (1/1, 0/0), Massimiliano Obljubech 2 (1/1, 0/1), Michele Ruzzier 1 (0/1, 0/1)

Tiri liberi: 19 / 22 – Rimbalzi: 39 8 + 31 (Francesco Candussi 8) – Assist: 21 (Michele Ruzzier 9)

Elachem Vigevano 1955: Gianmarco Bertetti 12 (0/1, 4/8), Ikeon deonta Smith 8 (2/9, 1/6), Filippo Rossi 8 (4/11, 0/0), Leonardo Battistini 8 (4/7, 0/2), Michele Peroni 7 (1/1, 1/6), Tyler Wideman 6 (3/4, 0/0), Giacomo Leardini 6 (3/3, 0/1), Kristofers Strautmanis 2 (1/3, 0/0), Marco Ceron 0 (0/1, 0/4), Lorenzo D’alessandro 0 (0/0, 0/0), Matteo Bettanti 0 (0/0, 0/0), Filippo Bertoni 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 3 / 3 – Rimbalzi: 28 6 + 22 (Leonardo Battistini 11) – Assist: 8 (Ikeon deonta Smith 5)

Dopo la sconfitta di Torino, la Pallacanestro Trieste torna in campo tra le mura amiche dell’Allianz Dome, ospitando la Elachem Vigevano per la seconda giornata di ritorno della fase ad orologio. Gli ospiti sono in lotta per i playoff e condividono l’ottava posizione del girone verde con un record di 8-14; nella seconda fase del torneo hanno vinto 3 delle 6 gare finora disputate, uscendo vincenti da Verona poco più di un mese fa. I padroni di casa ancora senza Vildera, ma con Reyes nuovamente in campo.

Starting five Trieste: Ruzzier, Reyes, Brooks, Deangeli, Candussi         

Starting five Vigevano: Rossi, Peroni, Smith, Leardini, Wideman

Candussi e Wideman si sfidano nella palla a due, Vigevano conquista il primo possesso e va a segno con Wideman. La replica di Trieste non è efficace, gli ospiti tornano velocemente in attacco, trovandosi però la strenua opposizione della difesa biancorossa. Ancora un paio di errori da ambo i lati del parquet, finché anche Trieste va a segno con un pick and roll orchestrato da Ruzzier per la schiacciata finale di Candussi. Difesa molto ben registrata quella dei biancorossi, che impediscono soluzioni facili a Vigevano; è ancora la coppia Ruzzier-Candussi a costruire l’azione vincente per il primo vantaggio interno. L’occasione per il +4 arriva subito dopo e viene sfruttata magistralmente ancora da Candussi, che infila dai 6 e 75. Gli ospiti subiscono l’iniziativa di Trieste che allunga ulteriormente con la tripla di Reyes, portando il punteggio sul 10-2 e tranquillizzando tutti coloro che lo hanno aspettato. Lo stesso ruba palla a Leardini e va fino in fondo per il +10. Vigevano non è decisamente in partita, altra rubata di Reyes, altro attacco biancorosso e stavolta è il fallo della difesa a bloccare Candussi: dalla linea della carità è 2/2 e dopo quattro minuti il tabellone segna 14-2. La Elachem cerca di reagire, Peroni si incarica della replica e segna dall’arco. Smith corre in contropiede, perde palla e protesta e riceve un fallo tecnico: ne consegue un tiro libero trasformato da Ruzzier. Il nuovo attacco biancorosso è l’ennesima occasione per Candussi di segnare, ancora una volta da fuori, raggiungendo la doppia cifra dopo poco più di 5 minuti di gioco. Battistini replica dalla media e cerca di dare la carica ai suoi, che però subiscono immediatamente la controreplica di Brooks, che si iscrive così a referto. La difesa di Trieste lascia pochissimi spazi agli ospiti, costretti ad improbabili soluzioni balistiche. Brooks ottiene una gita in lunetta, compiendo percorso netto e portando Trieste sul 22-7. I lombardi cercano di variare il proprio fronte offensivo, con Battistini che prende la linea di fondo e va a depositare a canestro. Dall’altro lato si iscrive a referto Campogrande, infilando dall’arco dopo aver recuperato un prezioso rimbalzo offensivo. Ruotano i giocatori da entrambe le panchine per far rifiatare un po’ tutti dopo questo primo quarto dall’altissimo ritmo di gioco. Inizia l’ultimo minuto con i lombardi in attacco, prolungato da un rimbalzo offensivo e da qualche fallo della difesa biancorossa, che ancora non ha raggiunto il bonus; non ne derivano però punti, Trieste torna in avanti, costruendo una veloce azione per il buzzer beater di Ferrero dalla media, che chiude il quarto sul 27-9.

I biancorossi ripartono in attacco nel secondo quarto, la tripla di Reyes però si ferma sul ferro. Lo stesso stoppa l’attacco ospite e rilancia quello di casa, con Ferrero che colpisce dai 6 e 75 in assoluta libertà e con piedi a terra. I pavesi non riescono a costruire azioni efficaci, Trieste gioca con grande velocità e convinzione nei propri mezzi. L’attacco biancorosso è fermato fallosamente, Ferrero si presenta sulla linea della carità e con un 2/2 porta il punteggio sul 32-9. L’attacco dell’Elachem ha le poveri bagnate e non ha ancora raggiunto la doppia cifra, con una regia che fatica davvero tanto a trovare linee di passaggio efficaci. Reyes è assolutamente in partita e segna ancora dall’arco, replicando poco dopo nel pick and roll costruito da Filloy: 37-9 e timeout chiamato da coach Valentini. L’uscita dalla panchina non è delle migliori, con Reyes stoppa Battistini e rilancia i suoi: l’azione porta ad un altro errore da fuori, ma arriva di gran carriera ancora Reyes che recupera il rimbalzo segnando un bel canestro. I biancorossi monopolizzano il possesso del pallone, con Ferrero degno interprete del mood di questa partita con un’altra tripla. Vigevano raggiunge la doppia cifra con una bella entrata di Leardini a metà tempo, con punteggio 42-11. Trieste gioca in scioltezza, Ruzzier penetra la difesa e scarica fuori per Ferrero, che segna ancora dall’arco. Wideman riceve da Leardini e può comodamente segnare in entrata. I biancorossi non accennano a diminuire il ritmo e si ripresentano velocemente nell’area avversaria, con Filloy fermato fallosamente che trasforma i due conseguenti tiri liberi. Ancora lunetta per Trieste poco dopo, la produzione di Bossi è 1/2. Gli ospiti cercano di pescare qualche coniglio dal cilindro ed è Strautmanis a colpire da sotto, sfruttando un evidente mis-match venutosi a creare a suo favore. La percussione dei padroni di casa non trova soluzione di continuità, altro fallo ed altri due liberi per Candussi, entrambi a segno. Lo stesso Candussi recupera un rimbalzo difensivo, rilancia l’azione che si conclude con la tripla di Filloy. L’attacco lombardo è nuovamente fermo, quello triestino è più vivo che mai, con Filloy che recupera il rimbalzo dopo l’errore di Brooks, andando a segnare. La Elachem riesce ad arrivare fino in fondo con Smith, ma dall’altro lato del parquet è Ferrero-show: prima tripla a segno su assist di Filloy e dopo l’errore di Strautmanis seconda tripla a segno (assist di Bossi) con fallo subito, tiro libero supplementare segnato e squadre al riposo lungo sul 62-17.

La ripresa vede gli ospiti a caccia di punti iniziare il primo attacco, che però non è efficace. La replica di Trieste è del “solito” Candussi, che penetra, segna e trasforma l’and-one dopo il fallo subito. La poca convinzione della Elachem è tutta nell’ennesima palla persa o nel morbido attacco al ferro di Battistini dell’azione successiva. Sul fronte opposto è sempre il n°13 in maglia rossa a produrre, stavolta dalla lunetta è solo 1/2. Wideman appoggia al tabellone due punti importanti per gli ospiti, che cercano un minimo di continuità offensiva, dall’altro lato Reyes ci riprova con efficacia dai 6 e 75. Vigevano segna ancora con Rossi, dimostrando quanto meno di crederci. La difesa triestina serra nuovamente le fila e recupera facilmente un paio di palloni, fermando Vigevano e rilanciando l’azione che vede Reyes in grande spolvero e con un’evidente gran voglia di giocare. La gara vive qualche minuto con il tabellone fermo, con diversi errori su ambo i fronti, fino al canestro di Rossi. La risposta dei biancorossi non produce fatturato, mentre Rossi segna ancora, costringendo coach Christian a far fermare il cronometro a metà quarto, sul punteggio di 69-25. Dopo il minuto di time-out Brooks si mette in proprio e vola a canestro, poco prima che Ferrero faccia nuovamente ingresso in campo, rilevando Reyes, L’azione biancorossa porta ancora Brooks vicino all’area, con successiva accelerazione e attacco vincente al ferro. Smith sorprende la difesa di Trieste segnando dai 6 e 75, sul fronte opposto è ancora Candussi a portare fieno in cascina: canestro + and-one dopo il fallo subito e a 3 minuti esatti dal termine della frazione il punteggio è sul 76-28. La Elachem tenta l’ennesima replica, ma come in molte altre occasioni, non trova il fondo della retina. Nel pitturato avversario Candussi banchetta contro Battistini, risponde subito Bertetti dall’arco, poi è lo stesso Candussi a ripagare con la stessa moneta. Trieste in pieno controllo del match trova nuovi spunti di gioco in attacco, con un’ottima dinamicità di tutto il quintetto in campo. L’ultimo possesso di Vigevano vale tre punti con il canestro di Bertetti, mentre il tiro finale di Candussi e la preghiera di Smith non cambiano il punteggio, con la frazione che termina con il punteggio di 81-34.

Vigevano muove il primo attacco con Smith, che segna subendo fallo, trasformando il conseguente and-one. Il primo possesso di Trieste vale anch’esso tre punti, grazie alla tripla di Brooks. Lo stesso replica poco dopo, sempre dall’arco, dimostrando ancora una volta continuità e costanza sul fronte offensivo. Trieste a +50. Per Vigevano Smith smista, Battistini realizza; poi si mette in proprio, ma senza fortuna. I padroni di casa rallentano il ritmo, restando però concentrati: Bossi serve in no-look Deangeli, che segna da sotto; poi il n°3 fa tutto da solo e segna dall’arco. C’è gloria anche per i giovani del vivaio biancorosso, con l’ingresso di Matteo Rolli. Vigevano aggiunge due punti dalla lunetta con Peroni, Bossi vede Ferrero entrare in corsa e lo serve: canestro, fallo e and-one trasformato. La replica della Elachem arriva dalle mani di Rossi, che infila in gancio dal pitturato; nell’azione successiva sbaglia, ma lo segue Leardini, che segna schiacciando. Ancora Vigevano a canestro con Wideman, che poi si ripete dai 6 e 75 per un mini-parziale di 0-9. I padroni di casa hanno evidentemente rallentato, senza riuscire però a produrre punti per qualche minuto. Per Trieste in campo anche il giovane Danny Camporeale, che va subito a segnare i suoi primi punti in Serie A2. C’è spazio anche per Massimiliano Obljubech, anche per lui i primi due punti in Serie A2. Gli ospiti vanno a segno con Bertetti, la replica biancorossa arriva da Rolli, che penetra, segna, trasforma l’and-one e porta Trieste oltre a quota 100 (102-53) con ancora 1 minuto e mezzo da giocare. Battistini recupera un rimbalzo e segna altri due punti, poco prima che inizi l’ultimo minuto.  Dalla lunetta un altro punto arriva da Bossi (1/2), gli ospiti riescono a segnare ancora con Leardini e la partita si chiude sul 103-57.

UFF.STAMPA PALL.TRIESTE