Veroli tutto cuore non basta, Torino passa a fatica

0

Bellissima partita quella andata in scena sui legni del Palas. Veroli nonostante le note e serie difficoltà societarie disputa un partita di puro ardore, senza risparmiare un solo briciolo di energia. Come sempre è accaduto in questa stagione quando Veroli si è trovata punto a punto nei finali, è stata la squadra con più esperienza (in questo caso Torino) a spuntarla. I piemontesi si sono affidati ad uno stratosferico Giachetti che ha concluso la sua partita con ben 31 punti. Per Veroli nulla da recriminare, hanno saputo entusiasmare il pubblico nonostante la sconfitta e la difficilissima situazione societaria.
1°quarto
Primo possesso della partita a favore di Veroli che sblocca subito il punteggio con una tripla di Wojciechowski. Giachetti con quattro punti consecutivi da il primo vantaggio ai suoi, prima della poderosa schiacciata di Shaw. L’ex Milano però sembra ispiratissimo e continua a imperversare in area giallorossa, trasformando dei facili lay up in preziosi punti. Sul 7-10 D’Arcangeli decide di spendere il time out per riorganizzare al meglio la difesa. Veroli rientra in campo molto più determinata, e la pressione che esercita nella metà campo difensiva fa si che il gioco si velocizzi anche in attacco. I ciociari da questo momento in poi non sbagliano praticamente più un tiro, realizzando diverse triple che portano la squadra di casa oltre la doppia cifra di vantaggio. Segnano in successione Forte, Grande, Shaw e ancora Forte. La Torre infine con un pregevole arcobaleno fissa il punteggio sul 24-15, con una furioso Bechi che è inevitabilmente costretto a chiamare time out per fermare l’emorragia. Gergati da tre prova a scuotere i suoi, ma è solo un fuoco di paglia perché ancora Wojciechowski dalla lunga e La Torre ai liberi conducono i giallorossi al 31-20 di fine primo quarto.
2° quarto
Secondo mini tempino che si apre con due punti da sotto canestro di Shaw. In questa fase del match sono le difese a prevalere e , dove non si riesce a fermare gli avversari con le buone, si ricorre ai falli per evitare punti facili. Le due squadre a 5’ dal termine del secondo quarto sono entrambe in bonus, e praticamente il tabellone si smuove solo grazie a realizzazioni dalla linea della carità. Nonostante un Giachetti indemoniato Torino fa una fatica bestiale a ricucire il margine di svantaggio, mentre i giovani verolani riescono a distribuire il gioco con fluidità. L’ex Rosselli si sveglia finalmente dal torpore che lo aveva contraddistinto fino a quel momento e prima con una sua tripla, e poi con l’assist per la bomba di Berry riporta i suoi a -6. Il coach ciociaro non ci pensa un attimo e ferma il gioco per strigliare i suoi nel non mollare un centimetro. La sua predica sembra sortire gli effetti desiderati perché Cucci ai liberi, e La Torre dalla lunga conducono nuovamente Veroli alla doppia cifra di vantaggio. Giachetti è l’unico dei suoi ad impegnarsi fino in fondo, prendendo preziosi falli in penetrazione. Cucci ancora ai liberi, Shaw da sotto e Veroli vola sul 52-39. Bechi imbufalito chiede la sospensione, imcredulo per la prestazione dei suoi giocatori. Tuttavia non c’è nulla da fare perché Cacace con un’acrobazia segna e si prende il fallo, provocando un boato di gioia tra i supporters ciociari. Si va al riposo con Veroli avanti 55-42.
3° quarto
Inizio terzo quarto furioso per entrambe le formazioni, Lewis da sotto realizza, imitato poco dopo da Giachetti che la mette da tre. Wojciechowski non ci sta e risponde anche lui con una bomba. Rosselli da tre, Grande da sotto, ritmi altissimi si segna con una facilità incredibile. Sul 63-52 Torino crea un devastante break di 12-0 (a firma Giachetti) che rimette la squadra piemontese pienamente in corsa. Shaw ferma interrompe la penuria di punti andando a segno da sotto, 65-64. Quattro punti consecutivi del centro polacco e Veroli avanti di cinque lunghezze. Viglianisi spara la bomba, Giachetti e Rosselli portano Torino avanti alla fine del terzo quarto 73-74.
4° quarto
Ultima frazione che prende il via con gli ospiti che danno il tutto per tutto per provare a scappare. Lewis ne mette cinque di fila, facendo trovare il massimo vantaggio a Torino. Shaw è un leone sotto canestro e trascina i suoi ancora sul punto a punto. Bucarelli in contropiede segna e subisce il fallo mandando in delirio il pubblico del Palas. 85-84 a meno di 5 minuti dal termine. Rosselli e Fantoni rispondo, ed ecco l’ennesimo cambio di vantaggio della partita. Shaw dalla lunetta fa 2/2, prima che i piemontesi ne infilino quattro di seguito andando sul 89-93. La partita sembra ormai indirizzata ma i giovani giallorossi sono duri a morire, e, prima con Bucarelli ai liberi, e in seguito con Grande, con il furto ai danni di Giachetti, trovano ancora la parità. Sul lato opposto Lewis si conquista il fallo, mandando fuori partita uno splendido Bucarelli, che si accomoda in panchina con 5 falli. L’americano di Torino ne realizza uno solo, dando la possibilità a Veroli di tornare avanti. Forte non trova una tripla aperta, La Torre in difesa stoppa Lewis provocando l’infrazione dei 24 ad opera di quest’ultimo. Palla Veroli con 19 secondi da giocare. La Torre si prende in carica l’azione decisiva del match, ma, in penetrazione, subisce la rubata di Lewis che finalizza il contropiede prendendosi il fallo dello stesso giovane ciociaro, in disperato tentativo di recupero. La partita finisce così 97-93 per Torino.
Veroli: Grande 13, Vitale ne, Forte 9, Stella ne, La Torre 12+7 rimbalzi, Cacace 3, Bucarelli 10, Guagliardi ne, Cucci 8, Wojciechowski 15+7rimbalzi, Shaw 23.
Torino: Rauti ne, Giachetti 31, Fantoni 8+14 rimbalzi, Fiore ne, Lewis 25, Viglianisi 3, Berry 5, Vangelov, Rosselli 15+9 rimbalzi, Gergati 10, Pichi ne.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here