Veroli vola ma illude, con Ghiacci e Baldassarre la vittoria è della Givova

0

Scafati vince una sfida che all’intervallo sembrava persa: la squadra di Bartocci corona la rimonta, dopo esser stata sotto anche di 21 lunghezze, grazie ad una grande prova di carattere. Rammarico per Veroli che ha subito la veemente reazione degli ospiti, guidati da Ghiacci e da uno strepitoso Baldassarre, autore di 21 punti tutti nel secondo tempo. Ai giallorossi non basta la buona vena dei propri leader: nel momento decisivo e’ mancata la squadra, lo 0 nella casella dei punti dalla panchina e’ un dato inequivocabile per i ciociari.

LA CRONACA

Tribune tutt’altro che esaurite al Palas di Frosinone per una sfida tra due società gemellate: le tifoserie non mancano di evidenziare la parentela, sebbene il momento delle due squadre non sia facilissimo (10 sconfitte nelle ultime 13). Buona partenza per la Prima che trova sostanza in difesa dai suoi lunghi, mentre in attacco una tripla di Marigney e un potenziale gioco da tre punti di Walker costringono Bartocci al primo timeout (9-2). Aria pesante in casa scafatese: la curva non risparmia contestazioni alla squadra, due triple di Jurevicius e una di Walker lanciano i padroni di casa fino al +17; Veroli tiene alta l’aggressivita’ in difesa, sebbene la situazione-falli si complichi da subito (2 per Bruttini e Rossetti). Bartocci prova ad invertire la tendenza, passando a zona e affidandosi in cabina di regia al giovanissimo Izzo (’95 proveniente dal vivaio): il segnale scuote gli ospiti, Tavernari realizza 5 punti consecutivi e al primo intervallo e’ 29-15.

Scafati alza l’intensità’ sui due lati: Rosignoli e Bushati firmano il minibreak di 5-0 che apre la seconda frazione, Mays ruba e converte in campo aperto; si alza pero’ il numero dei contatti e dopo 3′ la Givova e’ già in bonus (3 per Tavernari e Sorrentino). Veroli reagisce ed e’ molto più aggressiva su tutte le linee di passaggio, grazie anche ad un pressing efficace: l’ottavo recupero in 15′ costringe Bartocci al minuto (37-24), ma il ritorno sul parquet e’ drammatico. Rosignoli converte un rimbalzo offensivo prima di un parziale interno di 10-0 in un amen: Ghiacci prova a tenere in vita i suoi con 4 punti in fila, ma Jurevicius e’ caldissimo dall’arco (già 16 punti con 4 triple e nessun errore al tiro). Le brutte notizie non finiscono per i campani: il terzo personale costringe alla panchina un impalpabile Slay, negli spogliatoi si torna sul 52-33. Appena 19 punti dal quintetto scafatese nei primi 20′, per Veroli nessun punto dalla panchina ma ben 43 dal trio straniero (Jurevicius 16, Walker 15, Marigney 12).

Gli ospiti tornano in campo senza riscaldamento, coach Bartocci sfrutta tutto l’intervallo per strigliare i suoi: in 3′ un parziale di 12-2 con due triple di Baldassarre riporta sotto la doppia cifra di svantaggio la Givova, sebbene il quarto personale costringa Slay al riposo. Mays e compagni alzano il ritmo della partita e con buone soluzioni dei propri lunghi tornano fino al -3 (58-55): la Prima lotta su ogni pallone, ma non trova più la via del canestro; Ghiacci e’ inarrestabile nell’uno contro uno (10 punti nel quarto), Veroli prova a tenersi in scia conquistandosi diversi secondi tiri (6 rimbalzi in attacco nel periodo). La tripla di Mays in transizione e’ il sigillo su una frazione tutta di marca campana (12-31 il parziale), all’ultima pausa si va sul 64-62.

L’americano firma il primo vantaggio ospite con il tiro pesante che apre l’ultima frazione: l’inerzia e’ tutta dalla parte dei gialloblù, Baldassarre infila la terza tripla della sua serata; Marigney e Walker riportano i padroni di casa in parità per un finale che si preannuncia palpitante. Proprio l’ultimo arrivato in casa-Prima zittisce i suoi ex tifosi con la bomba del 71-68, Bartocci si gioca tutte le sue carte e rimanda sul parquet Mays e Slay: Baldassarre impatta ancora dai 6.75, poi converte un rimbalzo offensivo (16 punti in 15′ dopo lo 0 del primo tempo). Walker si accende ancora: prima una difficile tripla dal palleggio, poi batte Mays e lo costringe al fallo; Slay non sbaglia dalla lunetta, Baldassarre recupera e inchioda ad una mano per il 75-77.

Clima playoff in questa fase: contatti sempre più duri, la terna tiene in pugno la partita, nonostante una difficile chiamata su una rimessa contesa. Jurevicius appoggia al vetro, Ghiacci risponde in arresto e tiro, il quinto recupero di Baldassarre consente a Mays di appoggiare il +4: Walker converte i liberi per il settimo fallo subito della sua gara, la Prima alza il pressing ma Scafati e brava a batterlo e trova due facili punti con Bushati. Marigney non sbaglia dalla lunetta, la penetrazione di Bushati non trova i 2 punti, la tripla di Jurevicius dall’angolo fa esplodere il Palas: e’ ancora Baldassarre con 11” sul cronometro a spegnere gli entusiasmi sempre dai 6.75. Finale-thrilling: Walker attacca il canestro ma non trova i 2 punti, né il fallo che i tifosi chiedono; dalla lotta a rimbalzo esce palla in mano Bushati che sigla l’84-88 finale.

GIVOVA SCAFATI – PRIMA VEROLI 84-88

PARZIALI: 29-15; 52-33; 64-62

VEROLI: Jurevicius 23, Marginey 23, Rossetti, Rinaldi 11, Walker 25, Bruttini 2, Carenza, Berti, Stirpe ne, Battaglia ne, Savo ne. All. Marcelletti.

SCAFATI: Mays 17, Bushati 8, Ghiacci 22, Slay 4, Baldassarre 21, Tavernari 5, Rosignoli 8, Izzo 3, Sorrentino, Vitale ne, Matrone ne. All. Bartocci.