Verona sbanca Fabriano con un super Johnson

0

Dopo 26 giorni dall’ultima gara giocata, in casa contro San Severo, la Tezenis Verona torna in campo e vince il recupero della 12^ giornata. Sul campo di Jesi, i gialloblù di coach Ramalgi hanno avuto la meglio della Ristopro Fabriano con il punteggio di 56-70. Una gara che la Tezenis, fin dal primo quarto, è riuscita a condurre con buon margine. Nella seconda frazione il massimo vantaggio, 14 punti, salvo poi dover fare i conti con il rientro della formazione di casa capace di chiudere sul -3 (37-40) la prima frazione. Poi ancora una grande reazione della Tezenis che allunga nuovamente raggiungendo un vantaggio a due cifre con il finale mai in dubbio.

Senza Candussi, Grant e Adobah, oltre che a Penna, le buone notizie sono rappresentate da Lorenzo Caroti al suo rientro in campo dopo il lungo stop per infortunio: per lui 16 punti.

Coach Ramagli sceglie il quintetto con Tommasini, Anderson, Rosselli, Nonkovic e Johnson.

Benetti trova il canestro in apertura già nella prima azione della formazione di casa; con Johnson la Tezenis trova il primo vantaggio (5-7); Smith e Johnson sono protagonisti offensivamente con le due squadre che proseguono sul filo dell’equilibrio (10-11). Caroti torna in campo dopo il lungo stop a metà quarto e sull’asse Anderson-Rosselli, Verona firma il primo break della gara (12-16). Caroti firma la tripla del 12-19 e i gialloblù trovano il momentaneo massimo vantaggio sul 12-21 con il pick&roll finalizzato da Nonkovic (12-21). Si chiude sul 17 a 26 dopo i due liberi di Johnson.

E’ un inizio di secondo quarto senza grossi squilli. Verona continua a mantenere il vantaggio e dopo 4 minuti il tabellone fa registrare un nuovo +11 (21-32) dopo il canestro di Rosselli. Dalla tripla errata di Marulli nasce il canestro del massimo vantaggio gialloblù (+14 , 21 a 35) siglato da Johnson che arriva in doppia cifra. La Tezenis continua a produrre buone percentuali in attacco; Pini trova i primi punti dalla lunetta ma è nell’ultimo minuto che la Ristopro prova a rientrare in partita. Sul +6, (34-40) coach Ramagli richiama i suoi in panchina ma la tripla di Smith fissa il punteggio sul 37-40 al termine del primo tempo.

Il secondo tempo si apre con il canestro di Tommasini e mentre Verona stringe le maglie della difesa e Fabriano deve attendere quasi tre minuti prima di trovare il primo canestro (39-42). Alessio Re mette la tripla del -2 per Fabriano ma Johnson risponde rapidamente (44-49) e poco dopo è Caroti a bucare la retina dalla lunga distanza, fissando il punteggio sul 44-52. La Tezenis costruisce un nuovo vantaggio a due cifre, con Rosselli che ruba la palla in anticipo e va a schiacciare in contropiede il 44 a 54. Si chiude sul 46-56.

Un gioco da tre punti di Caroti e una tripla di Tommasini portano la Tezenis sul +16 (46-62). E’ un break che incanala la gara sui binari gialloblù per Fabriano, da qui in avanti, non riesce più a rientrare in partita. La gara prosegue senza grosse scosse, si chiude sul 56-70.

Uff.Stampa Scaligera Verona