A2 Coppa Italia SF – Virtus Bologna – Trieste, la sala stampa

Le parole di Ramagli, Baldasso e Coronica.

di Davide Uccella

Alessandro Ramagli (Coach Segafredo Virtus Bologna): “Due squadre molto vive, molto spregiudicate, che hanno giocato a viso aperto. Partita equilibrata, molto bella, che ha onorato la manifestazione, con poca tattica e tanto impegno per divertire il pubblico. Il 7/8 da 3 di Lawson? Io lo vedo anche con 23/25 e 48/50 in campana. Un giudizio su Trieste? Squadra che sta giocando per il primo posto, nessuna sorpresa. Ha tutti gli strumenti per ess vincente a fine stagione. Un avversario durissimo, di qualità, ben allenato. Sapevamo che avrebbero avuto il fuoco dentro e che sarebbe stato difficile piegarli. Domani ci sarà Biella, il passato che ritorna? Ho tanti amici, anche tra i giocatori, se la sono meritata la finale. L’ho vista poc, la partita non la prepararemo, penseremo alle nostre cose. Prima ovest contro prima est, i duemigliori attacchi del campionato. Quale sarà la chiave? Per me è casuale, non c’è un nesso logico. Non veniamo da percorsi con partite vinte di venti ogni domenica. Non credo che le due classifiche diano un giudizio definitivo. Vincerà a questo punto chi difende di più”.

Lorenzo Baldasso (Giocatore Alma – Agenzia per il lavoro Trieste): “Siamo riusciti a tenere bene la partiti per 30 minuti abbondanti, poi la Virtus ha cavalcato i nostri errori. Quanto pesa l’assenza del gruppo in questa partita? E’ il nostro punto di forza, non era facile conservarlo con partite così condensate. L’esperienza resta comunque utie: sono i playoff di metà stagione, volevamo arriv nel modo giusto e ci siamo riusciti. Dobbiamo continuare a lavorare, non ci sono alternative”.

Andrea Coronica (Giocatore Alma – Agenzia per il lavoro Trieste): “Faccio i complimenti a tutti i ragazzi, tutti fantastici. Abbiamo assaporato gli alti livelli, abbiamo sofferto di vertiggini per utta la stagione, ora sappiamo chi siamo, meritiamo di essere dove siamo. Ripartiamo dalla crescita di Lorenzo Baldass, dalla difesa di squadra, da Javonte che ha fatto 35 punti. Priorità la difesa sul pick npop, che è stata letale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy