ABF: Omegna cliente difficile per continuare a sperare

0

Clessidra girata, pochi granelli ancora a disposizione per il campionato dei Leoni biancocelesti.
Nelle prossime sei giornate (sulle nove mancanti) si giocherà tutto.
Una corsa a sei (Affrico, Corato, Reggio, Recanati, Chieti e Ravenna) determinerà le altre due squadre che accompagneranno il Cus Bari in DNB, sprint che vedrà il probabile epilogo proprio al termine di questo “minicampionato”, che per l’ABF significherà tre scontri diretti (Ravenna e Reggio fuori, Corato al Mandela).

Ma questa serie di gare inizia con un brutto cliente.
Domenica infatti solcheranno il parquet cittadino i temibili avversari della Fulgor Paffoni Omegna.
Squadra piemontese che gravita con alterne fortune nella categoria dal 2006 (molti playoff persi ma anche un Coppa Italia di categoria vinta nel 2012).

Quest’anno la squadra viaggia fortissimo, è quarta nella tabella con 26 punti (13 vinte ed 8 perse).
Praticamente imbattibile fra le mura amiche (solo una sconfitta fino ad ora, contro Mantova di solo due punti), vulnerabile in trasferta (3 su 10 le vittorie lontano dal lago, contro Ferrara, Reggio Calabria e Ravenna nell’ultimo turno di campionato, ma le sconfitte, a parte Lucca e Matera, sono sempre avvenute con piccolissimi scarti, segno di una tenuta mentale e fisica invidiabile).
E’ la squadra con la media punti più alta (84 a partita), quella con il maggior numero di assist serviti, e sopratutto con quasi il 50 % dei tiri totali realizzati. Un tiro ogni due va dentro!
Si presenta a Firenze con una striscia positiva di due vittorie.

Nel suo roster due delle punte di diamante di questa Silver.
I due colored Mike JAMES, impressionante fino ad adesso, miglior realizzatore, miglior assist man, terzo steeler. Primo nella valutazione FIBA.
E Jevohn SHEPERD, quarto realizzatore e nella valutazione complessiva FIBA. Tira col 60% da due.
Ma anche due italiani si mettono in evidenza; Stefano Masciadri ed Andrea Saccaggi, rispettivamente primo e terzo fra i tiratori dalla lunga distanza (46 e 44% nel fondamentale).

Ma andiamo a vedere nel dettaglio le caratteristiche del roster piemontese, agli ordini di Giampaolo Di Lorenzo, alla guida dei rossoverdi dal 2011 dopo essere stato giocatore sopratutto della Partenope Napoli negli anni 90.

PLAY/GUARDIE

# 5 Mike JAMES; classe ’90 nativo di Portland, Oregon. 185 cm di classe pura, quasi 23 punti, 6 rimbalzi e 5 assist di media per lui in questa stagione. Sempre utilizzato e col maggior numero di minuti in campo nei suoi fino ad ora. Nel suo passato esperienza nel campionato croato, l’anno passato nella seconda serie israeliana. Osservato speciale.

# 8 Andrea SACCAGGI; massese classe ’89 prodotto della Don Bosco Livorno, passato col fratello Lorenzo da Treviso. Azzurro nella under 16, 18 e 20.
Con i rossoverdi dal 2010; 10 punti di media per lui questa stagione col 62% da due.

# 10 Francesco DE NICOLAO; play di scorta classe ’93 in arrivo da Verona, sempre in campo comunque nelle gare dei piemontesi.

ALA

# 11 Jevohn SHEPERD; giamaicano con passaporto canadese classe ’86, college nei Wolverines di Michigan, passato in Europa dai campionati tedesco, olandese e rumeno (l’ultima stagione).
20 punti e 6 rimbalzi di media per lui in questa sua prima stagione italiana.

# 14 Stefano MASCIADRI; classe ’89 di 2 mt, scuola Virtus Bologna, passato da Forli (dove aveva Di Lorenzo allenatore) e Casale Monferrato in A2 (con promozione in A1).
Ad Omegna dal 2011; 8 punti e 4 rimbalzi per lui di media quest’anno.

# 7 Massimo FARIOLI; classe’ 77, expertize del gruppo ma sempre presente nelle rotazioni ospiti. Cento, Imola, Teramo, Montegranaro, Casale M.to, Soresina, Venezia, Forli, Brescia nel suo glorioso passato. Ad Omegna dal 2012; 5 rimbalzi a partita per lui.

# 12 Sebastiano BIANCHI; giovane classe 92 arrivato quest’anno dalla DNB, poco spazio per lui in stagione, anche a causa dell’infortunio che ha scompaginato la sua stagione, nel mese di novembre.

Giacomo GURINI: 29enne guardia-ala di scuola pesarese con lunga militanza in LegAdue (nella scorsa annata 10,1 punti e 3,0 rimbalzi a Ferentino). L’atleta dell 1984, ex Pistoia e Rimini, prodotto del settore giovanile della Scavolini Pesaro, è stata la preziosa, esperta aggiunta in corsa per sopperire all’infortunio di Seba Bianchi: non a caso per lui la bellezza di 9,6 punti e 2,4 rimbalzi con il 56% da 2 e il 38% dal 3.

CENTRO

# 6 Jacopo BORRA; 216 cm per il classe ’90 scuola Fortitudo, passato da Treviglio e l’anno passato vincente con Pistoia. Molto azzurro per lui sopratutto con la Under 20. 8 punti e 5 rimbalzi di media in questa stagione.

# 15 Paolo PACI; classe ’90 di 205 cm, ad Omegna dal 2011 dopo l’esperienza a Cecina.

 

Queste le parole dei protagonisti sponda biancoceleste.
Coach Caja “Per battere Omegna ci serve una prestazione di squadra, soprattutto in attacco dove ogni giocatore deve giocare con personalità e portare qualcosa alla causa. Ci troviamo di fronte una squadra che ha una coppia di americani molto produttiva. Attorno a James e Shepherd poi Omegna ha creato un nucleo di italiani solido, formato da giocatori come Farioli, Saccaggi, Masciadri e Gurini. Hanno il miglior attacco della Silver; come sempre, non potremo quindi prescindere dalla nostra difesa per cercare di vincere una partita importante nella corsa salvezza”.

Stefano Rabaglietti “Nessuno ha intenzione di fare un passo indietro. La corsa per la salvezza è ancora molto aperta. Siamo convinti di potercela fare. Guardiamo una partita per volta. I punti in palio domenica ci servono come il pane. Puntiamo sulla nostra difesa e sulla nostra aggressività. La nostra compattezza è un punto di forza. Omegna è una grande squadra. Ci servirà una gara perfetta e determinata. Come contro Lucca. Grazie anche all’aiuto del pubblico, in quella serata riuscimmo a trovare energie extra ed a vincere la gara. L’obiettivo è bissare quella serata”.

 

Arbitri dell’incontro i sigg. Nicolini, Mancini e Pazzaglia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here