Acmar Ravenna – Paffoni Omegna, il prepartita

0

Si torna in campo a 72 ore di distanza dal turno infrasettimanale, che ha visto Ravenna soccombere per l’ennesima volta all’ultimo tiro (errore di Sollazzo da 3 pt) a Roseto, ed Omegna dominare in casa contro Treviglio. Ravenna continua cosi la sua pessima striscia del nuovo anno, caratterizzata da 5 sconfitte su 6 partite, arrivate tutte pensate con uno scarto medio di soli 5 punti e spiccioli. Omegna si dimostra invece la solita schiacciasassi quando gioca tra le mura amiche, mentre necessita ancora di trovare più continuità di prestazioni nelle partite in trasferta.

Il giorno dopo l’ennesima sfortunata prova a Ravenna si parla poco della sconfitta: è infatti il giorno della conferenza stampa di presentazione del nuovo acquisto americano, ovvero Michael Singletary. Classe 1988 ed altezza 198cm, ha frequentato il college di Texas Tech dove ha chiuso i 4 anni con circa 26 minuti di ed esattamente 12 punti di media e quasi 6 rimbalzi a partita. Chiusa la carriera collegiale, Michael è stato selezionato dai Rio Grande Valley Vipers al terzo turno del draft di D-League, per poi approdare in Europa al KK Mornar, squadra Macedone, dove in 20 minuti di utilizzo ha viaggiato a quasi 9 punti e 5 rimbalzi di media. Finita questa prima esperienza europea, Singletary ha anche avuto modo di avventurarsi nel mondo della PBA, il massimo campionato Filippino, aggregandosi ai Barako Bull Energy Booster. In un campionato di basso livello, dove essere quasi due metri significa letteralmente dominare gli avversari, Singletary ha chiuso le 9 partitein cui è andato a referto con 36 punti e 14 rimbalzi di media in 41 minuti di utilizzo. Dopo il finale di stagione avvenuto a fine ottobre, l’americano è tornato in patria ad allenarsi in attesa di un’altra chiamata, arrivata appunto dalla società romagnola ormai qualche settimana fa.
Singletary è un giocatore polivalente, che può coprire sia il ruolo di 3 che quello di 4 e, all’occorrenza, potrebbe essere anche utilizzato in marcatura su qualche numero 5 non troppo fisico. Non ha una caratteristica specifica, ma fa dell’energia e della presenza difensiva le sue armi migliori, complementate comunque da un ottimo bagaglio tecnico offensivo, con un discreto tiro sugli scarichi ed una buona propensione al gioco in post-basso. Il nuovo innesto, arrivato in Italia mercoledi, sarà a disposizione di coach Giordani già a partir da domenica,  seppur causa turno infrasettimanale svolgerà un solo allenamento con i compagni nella giornata di sabato, e dunque verrà probabilmente utilizzato per pochissimi minuti. Sarà utile nel proseguio della stagione per allungar le rotazioni e far rifiatare sia i piccoli come Bedetti e Sollazzo, sia i lunghi come Amoni e Foiera, nonché darà ulteriore energia sia difensiva ad una squadra già abituata a difendere forte, sia offensiva aumentando le soluzioni a disposizione della squadra.
Detto questo, Ravenna domenica avrà a disposizione il roster completo, con Amoni che sta lentamente ritrovando la forma migliore. Il tema tattico della gara non varierà di molto, considerando che ancora per questa domenica il nuovo acquisto verrà utilizzato veramente con il contagocce. Dunque quintetto standard con Rivali in cabina di regia, Sollazzo e Bedetti guardie, Amoni e Cicognani come lunghi. Importante in quel di Roseto è stata la prestazione del giovane lungo Locci, che sta gradualmente guadagnando minuti nelle rotazioni di coach Giordani, soprattutto a discapito della eterna promessa del basket ravennate, ovvero Cicognani, che in questa stagione sta deludendo e sta vivendo un periodo di enorme sfiducia. Sta vivendo un ottimo momento di forma anche il veterano Charlie Foiera, il quale però accusa troppo spesso nel finale dell’ eccessivo minutaggio a cui è costretto, proprio per compensare alle lacune di Cicognani, e non riesce ad essere cosi incisivo come nei primi quarti di gioco. Anche per evitare questo servirà l’inserimento nelle rotazioni di Singletary

Omegna, squadra che non nasconde gli obiettivi di promozione, deve necessariamente cambiare marcia nelle partite in trasferta, dove troppo spesso è stata colta impreparata ed è stata vittima di sconfitte anche piuttosto clamorose. Le stelle della squadra sono indubbiamente i due americani, ovvero Mike James e Jevohn Shepherd, il primo indiscusso MVP fino a qui di tutta l’adecco silver. Playmaker fenomenale che sta viaggiando a 22 punti, 5.3 assist ed oltre 6 rimbalzi di media. Il secondo è un numero 4, autore di 20 punti e quasi 7 rimbalzi di media con il 60% da 2. Un solo altro giocatore tiene la media punti appena sopra la doppia cifra, ovvero Saccaggi con 10.4 punti con il 45% da 3. A chiudere il quintetto il duo ex Forli Masciadri-Farioli. Masciadri è una guardia-ala dotata di un ottimo tiro (47% da 3), mentre Farioli è un lungo di enorme esperienza che fa della difesa la sua arma vincente. Dalla panchina due giocatori molto importanti come Gurini, piccolo da quasi 10 punti di media e tanta sostanza, e Borra, il “lunghissimo” (2.12m) classe 1990 e scuola Fortitudo che, dopo anni abbastanza anonimi, sta finalmente vivendo la sua miglior stagione da senior, giocando con continuità e producendo oltre 8 punti di media con quasi 6 rimbalzi in quasi 20 minuti di utilizzo. A chudere il roster De Nicolao, Paci e Biachi, utili per allungare le rotazioni e dare freschezza in fase difensiva, ma che danno poco in quella offensiva.

Omegna è nettamente il miglior attacco della Adecco Silver con oltre 83 punti di media, ben 3 in più della seconda Matera. Sarà importante per Ravenna (squadra che prediligeil gioco difensivo ed un match a basso punteggio), tenere bassi i ritmi della partita e chiudere ogni possibilità di transizione ad Omegna e soprattutto a Mike James, giocatore abilissimo sia a segnare che a servire i compagni in questo tipo di situazioni. Dal canto suo invece la squadra piemontese avrà come incipit quello di mettere in difficoltà fisica i romagnoli, spingendo e correndo ad ogni occasione, consci della condizione non ottimale dei padroni di casa, nel tentativo di stancarli e portarli a sbagliare molto nel finale di gara.

Appuntamento al PalaCosta domenica ore 18:00, Ravenna con coltello tra i denti per uscire dal tunnel, ed Omegna per dimostrare che la promozione è un traguardo alla portata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here