Affrico: occasione di rilancio con Bari, ma sarà tutto facile?

0

Nessuno in estate avrebbe osato immaginare tale incontro come una”sfida in coda”. Ma l’evidenza, a questo punto del campionato, dice questo; e se magari un avvio non avvincente poteva essere pronosticato per la giovane compagine del capoluogo pugliese, team il cui giocatore più “esperto” ha appena 24 anni, niente lasciava presagire che i Leoni si trovassero così in basso nella tabella.

Dopo un ottobre di rodaggio ci si aspettava una reazione dai biancocelesti, ma il novembre di fuoco per la compagine di casa si è dimostrato di quelli “horribiles”; quattro sconfitte in fila, giocatori riferimento in calo anziché in crescita, condizione fisica non ottimale del roster (recuperato Pazzi ma problemini specie per gli americani). Il tutto inframezzato da un cambio di guida tecnica e dagli arrivi di mercato (peccato per l’operazione Rossetti ndr).

Gli sforzi operati dalla società sono encomiabili, non resta che sperare che tale impegno restituisca i risultati attesi. Già la partita di domenica potrebbe essere l’occasione giusta per un rilancio.
Il Cus è una squadra molto giovane, che ha cambiato in estate guida tecnica e tutto il roster (se si eccettua il classe ’94 Didonna).

Squadra che pur mostrandosi viva è la peggiore della Lega n termine di differenziale punti (-134). Spetta quindi agli avanti biancocelesti mettere in campo tutta la loro esperienza ed il loro talento, regalando la seconda vittoria casalinga ai tifosi fiorentini, questi importantissimi due punti.
Due soli quelli dei baresi, frutto della vittoria contro la Viola Reggio Calabria sul parquet amico.

Dicembre vedrà i Leoni impegnati tre volte fra le mura amiche (anche se una di queste si disputerà a Siena ndr) e due fuori. Cus, Viola Reggio Calabria e Roseto in casa, Corato e Casalpusterlengo fuori.
Almeno sei i punti che servono a rilanciare la squadra; massimo è quindi l’impegno da infondere.
E magari il mercato, non ancora fermo, porterà altre positive novità a coach Caja.

Andiamo ad analizzare il roster degli avversari di turno.

Nuovo il coach, Francesco RAHO. Ex responsabile tecnico del Settore Giovanile di Teramo e Corato, capo allenatore al Cus Bari, per tre stagioni sportive, Pallacanestro Salerno e Pall.Salento Nardò per due stagioni.
Play
#32 – Diego MONALDI; classe ’92, scuola Mens Sana ed ex della Pallacanestro Firenze, in prestito dalla Junior Casale Monferrato, Lega Due Gold. E’ il nuovo “cervello” della squadra, viaggia con una media di 16 punti e quasi tre assist a partita in questo campionato. Fresco di medaglia d’oro agli Europei under 20 in Lettonia.

#10 – Marco SPISSU play di riserva classe ’95, scuola Dinamo l’anno passato 26,5 minuti e 12 punti alla Sant’Orsola Tavoni in DNC. Anche lui reduce dall’esperienza con la Nazionale agli Europei Under 18.

Guardia
#7 – Armando IANNONE classe ’90, nativo di Fondi (LT), scuola Stella Azzurra Roma, l’anno passato in DNB a Scauri (29 minuti, 12 punti, 3 assist, 4,2 rimbalzi). Si conferma un giocatore molto eclettico, essendo quello con più minutaggio ed avendo 13 punti, 4 rimbalzi e 3 assist di media anche in questa stagione.

#13 – Francesco DIDONNA, classe ’94, l’unico “superstite” del roster 2012/2013

#15 – Niccolò CUOMO, classe ’94 proveniente dal settore giovanile.

Centro/Ala
#6 – Francesco INFANTE; foggiano classe ’92, ala-centro di 200 cm, 7.5 punti e 5.3 rimbalzi nella Biancoblù Basket Bologna in LegaDue l’anno passato. Ex anche di Corato (quando il suo attuale coach era capoallenatore del settore giovanile). Anch’esso nel giro della Nazionale Under 20. Quasi il 60% da due, 8 punti e 6 rimbalzi di media a partita quest’anno.

#8 – Momcilo LATINOVIC giocatore nato in Svezia ma con passaporto serbo, classe ’89, arriva a Bari dopo esperienze nella Northern Sun Intercollegiate Conference americana, in Serbia e con l’ultima stagione passata tra Svezia (White Eagles) e Islanda (KFI), 12,5 punti di media in stagione e 17 nell’ultima sconfitta contro Omega.

#22 – Sekule JOVANONIC; Ala serba classe ‘89 di 202 cm, nella passata stagione ha giocato nella serie A montenegrina con la formazione dell’Ulcinj, dove ha viaggiato a 28 minuti, 11,8 punti, 4 rimbalzi di media raggiungendo la semifinale playoff. 10,5 punti e 7 rimbalzi di media fin qui per lui. Assente per infortunio nella trasferta di Omegna.

#35 – Alin Ionut ZAHARIE, ala rumena classe ‘94 di 204 cm proveniente dalla Aquila Basket Trento, prospetto dotato di buon atletismo, buona percentuale al tiro.
7 punti e 5 rimbalzi di media per lui in stagione.

#11 – Luigi MILILLO, classe ‘ proveniente dal settore giovanile.

#6 – Matteo ESPOSITO classe ‘94 proveniente dal settore giovanile.

#17 – Giampaolo INTINO classe ‘94 proveniente dal settore giovanile