Chieti:Sul rovente parquet del PalaSantaFilomena arriva la Bitumcalor Trento

0

CHIETI – Dopo aver stravinto il big match contro La Fortezza Recanati, essendo cosi risalita al comando della Divisione Sud-Est, la BLS Chieti si vede a dover affrontare una delle corrazzate più forti del torneo: la Bitumcalor Trento, prima nel suo girone con ben 14 match vinti, 1456 punti messi a segno e 1329 subiti, tirando con un 55% dai due punti e un 36% dall’arco dei tre punti.

La squadra di casa può contare sull’eccellente forma psico-fisica che sta attraversando e sull’ urlo ormai famoso del PalaSantaFilomena (molte squadre, ben otto consecutive, con la scia ancora attiva, si sono inginocchiate tra le mura del Palazzo biancorosso, e tra queste anche corrazzate come Ferentino e Napoli). La BLS guida la Divisione Sud-Est con 20 punti e viaggia con 1350 punti realizzati e 1331 subiti, tirando con un 51% dai due punti e un 36% dalla lunga distanza. 

La squadra bianconera arriva al match dopo aver espugnato Perugia, vincendo 69 a 72. Quella di Trento è una società con grandi ambizioni: nel 1995 nasce l’Aquila Basket per merito di Gianni Brusinelli e Marco Angelini, presidenti rispettivamente del Dolomiti Sport B.C. Trento e della Pallacanestro Villazzano. Entrambe le associazioni disputavano la serie D. La volontà di migliorare e di portare Trento ad alti livelli, spingono i due presidenti a fondare una terza società, l’Aquila Basket. Nel 2000 sale alla carica di presidenza Giovanni Zobele, e arriva subito la promozione in serie C2, nel 2001 la società si porta in C1, seguita dopo due anni dalla promozione in B2. Il 2004/05 è un anno storico per l’Aquila Basket, è l’anno in cui arriva la promozione e la vittoria della Coppa Italia. Nella stagione 2007/08 vince la regular season e rende ancora più solida la propria attività legando il proprio nome al marchio Bitumcalor. Nel Giugno 2009 è l’anno della svolta: il presidente Zobele acquista il diritto a partecipare al campionato di A Dilettanti da Lumezzane. Da pochissimo la presidenza è passata da Giovanni Zobele, dopo 13 anni di incarico, a Luigi Longhi, nuovo ed attuale presidente.

Oggi sulla panchina della società bianconera troviamo coach Maurizio Buscaglia (nato nel 1969, milita come coach dal 2002, inizia allenando a fasi alterne la Bears Mestre e la Bitumcalor Trento, poi la Liomatic Perugia in A Dilettanti nella stagione 2009/10, e oggi è di nuovo a Trento dal 2010). Trento ha un organico di squadra tanto giovane quanto competitivo: guidata dai due veterani della squadra, uno, classe ’79, centro di 203 centimetri, Marco Pazzi (13.4 punti di media , 7 rimbalzi a partita e 1.5 stoppate ogni 40 minuti giocati) l’altro, classe ’78, ala grande di 200cm, Walter Santarossa (viaggia con una media di 12.4 punti a partita, 60% dai due punti, 5 rimbalzi e 2 assist a partita); Luca Conte (guardia classe ’80, viaggia a una media di 10.3 punti e 2 assist a match); Andres Pablo Forray ( il playmaker argentino classe ’86 viaggia a una media di 10 punti, 3 assist e 2.3 palle recuperate ogni quaranta minuti di gioco, nono in tutto il campionato per quanto riguarda la categoria assist); Matteo Negri ( guardia classe ’91, 194 centimetri, viaggia a una media di 9 punti, 62% dai due punti); Davide Pascolo (classe ’90, 201centimetri, 7 punti di media, 63% dai due punti, e una stoppata a match); Marco Spanghero (guardia classe’91, 7 punti di media e 1 assist a match); Simone Fiorito (Ala piccola di 2 metri, classe ’91, viaggia a una media di 5 punti a partita) e a seguire Alberto Valer (classe ’94 con 2 punti di media), Francesco Brandani (classe’93) e Davil Medizza (classe’90). Una squadra in cui tutti i giocatori segnano, non c’è un leader in particolare, la si potrebbe definire una squadra completa non solo dal punto di vista tattico ma anche da quello fisico, in cui i più giovani cercano di seguire i più esperti. 

La BLS Chieti e coach Sorgentone rispondono con la coppia Rossi-Feliciangeli sotto canestro ( hanno dato grande spettacolo nella scorsa partita contro La Fortezza Recanati e come è loro solito, sembrano carichi al massimo, insieme collezionano 27 punti di media, 18 rimbalzi, 3 assist e 2 stoppate ogni match, praticamente devastanti, senza dimenticare che Rossi si sta confermando sempre di più il miglior centro e rimbalzista della Divisione Nazionale A). Insomma per quanto riguarda sotto canestro Chieti si sta confermando un punto di forza e difficilmente soffre da quelle parti. Poi attenzione anche ai piazzati di Fabrizio Gialloreto, Andrea Raschi, Manuel Diomede ,Antonio Porfido e Alex Martelli ( dalla lunga distanza soprattutto stanno punendo molte squadre, trovando con facilità i tre punti). Occhio anche agli assist di capitan Stefano Rajola ( viaggia a una media di 9 punti e 2.5 assist a partita). Ma attenzione soprattutto alla difesa della BLS, una difesa grintosa che morde pallone e avversari senza lasciare il minimo spazio o corridoio, l’hanno confermato nell’ultima partita dove Recanati ha iniziato a segnare con più continuità solo nel terzo quarto. Insomma la BLS è in ottima forma e vuole rimanere a tutti i costi al comando del suo girone. 

Un match che sulla carta risulta essere entusiasmante, lo sarà ancor più quando ad accrescere questa passione ci sarà il pubblico biancorosso del PalaSantaFilomena.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here