Derthona. Losi firma ma non sarà il solo cambiamento

di Andrea Lupo
Coach Cavna, Picchi an Gioria

Al di fuori del coro dei tifosi, il Derthona non contatta un 3 o un 5, bensì un play ovvero Jordan Losi, disponibile e pronto a tenere la categoria. Formalmente non c’è nessun contratto pronto, voci incessanti lo danno già per certo e in forze per sostenere nel pomeriggio di ieri, un intenso allenamento fatto di partitelle e possesso palla. Cavina ha spiegato come intende affrontare la manovra offensiva, modificando uno schema e ripassando per il nuovo arrivato, cosa chiede la squadra in farro di blocchi e movimenti con o senza palleggio.
“L’opinione dei supporter rimane tale e apprezzabile – spiega Fassino – decidiamo noi collegialmente chi serve. Non ha ancora firmato, l’ho portato io in palestra con la promessa di valutarlo e insieme decidere le strategie”.
Ultimi quattro anni a Mantova, nell’ultima stagione promozione in Gold e il benservito fra lo stupore pur con 421 in 39 presenze; adattabile anche a guardia, 182 cm, è già entrato nel gruppo con una modifica al piano d’allenamento, permettendogli di inserirsi.
Il coach ha parlato durante il riscaldamento con Venuto e Simoncelli cui probabilmente si aggiungerà per dare fiato e rotazioni ulteriori, dando imprevedibilità al giro palla. Già i primi canestri per lui, spiegazioni su cosa richiede il coach e tanta corsa nonostante sia stato fermo da agosto quando in un video messaggio su Facebook, annunciava il mancato rinnovo con la società che gli aveva dato gloria.
“Un innesto di qualità – aggiunge il presidente Tava – se lo riterremo idoneo, darà una spinta emotiva al gruppo. Noi siamo vicini al roster, abbiamo aspettato che qualcosa scattasse, invece probabilmente occorreva intervenire per dare una mano a uscire da un periodo difficile. Parleremo con il ragazzo e il coach per valutare cosa si potrà costruire eventualmente insieme, al momento firme non ce ne sono”.
Eppure voci danno il suo ingresso ufficiale con visita medica nelle prossime ore e una disponibilità immediata (magari non per 40 minuti) nel match di sabato a Latina. Il team partirà venerdì mattina, allenamento e pranzo a Livorno per poi raggiungere in serata la terra romana.
Losi non sarà né il primo nè l’ultimo innesto o prova della stagione: se Cavina non si tocca o comunque non dovrebbe rischiare (nonostante Caja abbia fatto un sondaggio e sia interessato da diverso tempo a rilevare il collega; ndr) entrò la fine del girone d’andata a questo punto molti sono in discussione se non risponderanno alle aspettative. Non ci saranno solo i play, ma pure americani e passaportati sono sotto tiro e i prossimi 80 minuti diranno molto su come il Derthona vorrà muoversi per aggiustare il tiro “Se mai abbiamo sbagliato qualcosina lo abbiamo fatto in buona fede – aveva chiosato Fassino nei giorni scorsi – è un campionato impegnativo, ma tutto rimane in discussione nella pallacanestro”.
In serata poi dopo l’ok delle visite mediche la firma del contratto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy