[ESCLUSIVA] Candi: “Le emozioni del derby le racconterò ai miei figli, ma ora testa ai play off”

0

1)Ciao Leo, iniziamo subito con l’argomento più caldo: i play off. Come state preparando la sfida contro Agrigento? Quali sono le insidie della vostra avversaria?

Stiamo preparando la sfida con Agrigento con molta attenzione, guardando sopratutto le piccole cose e i dettagli, anche se credo che sarà la serie che si deciderà su questioni non tattiche: sarà in particolar modo determinante la voglia di vincere e di raggiungere i quarti di finale che giocherà un fattore fondamentale. Sarà sicuramente una serie lunga e combattuta. Noi dovremmo sempre dare tutto ed essere concentrati sin da gara uno perchè è importantissimo, ma dobbiamo anche sbancare il campo di Agrigento almeno una volta e questa sarà una vera e propria battaglia. Stiamo visionando con il coach il loro video per conoscerli al meglio. Noi siamo pronti e carichi per iniziare questi play off.

2) Come valuti la tua regular season e quella della Fortitudo? A cosa ambite?

Dal punto di vista personale, penso di aver fatto un’ottima stagione regolare. Nel penultimo mese non ho espresso un grandissimo basket a causa del mio infortunio, in quanto mi sono concentrato maggiormente sul recupero, per essere pronto per questi play off. Anche da parte della squadra c’è stata una buona regular season: siamo migliorati molto tutti sotto vari punti di vista. Adesso ci sono i play off e siamo pronti per giocarli fino alla fine.

3)Vedendo l’ambiente della Fortitudo da fuori, sembra che siate un gruppo molto unito: quali sono le chiavi di questa armonia e quanto è importante poi sul campo?

Sicuramente siamo un bel gruppo: sono 3 anni ormai che ci conosciamo, lo zoccolo duro del gruppo è sempre lo stesso ed ha influito molto sul nostro essere squadra. La chiave, secondo me, è il fatto che i ragazzi di Bologna, come me e Montano, sono stati bravi a far capire quello che la gente vuole dalla Fortitudo, cosa piace ai tifosi e a trasmettere loro tutto ciò che significa essere fortitudini. Un altro fattore determinante è stato il fatto di essere tutti dei bravi ragazzi che vanno sempre d’accordo. Quando possiamo cerchiamo sempre di stare insieme e ciò è molto importante.

4) Anche se ormai sono passate due settimane dalla vittoria del derby, il ricordo è ancora “caldo”: raccontaci le tue emozioni di quella sera.

Sono tante da raccontare, ma proverò a riassumerle. Mi considero un ragazzo fortunato ad aver giocato questo derby perchè è stato il primo dopo tanti anni al Paladozza. Per me, giocarlo da protagonista è sempre stato un sogno, quindi posso dire di averlo realizzato. Le emozioni che vivi quando giochi il derby sono tantissime e non si possono descrivere, sono davvero uniche, però so che me lo ricorderò per tutta la vita questo derby, così come quello dell’andata: sono cose che ti rimangono impresse nella mente e che sicuramente racconterò ai miei figli. Il derby è stato davvero bellissimo, però adesso è tempo di play off e vogliamo solo pensare a quelli.