Gli Stings non vogliono fermarsi, ma Recanati cerca il riscatto

0
Mantova c’è, o almeno così sembrerebbe dopo gli ultimi due turni di campionato che hanno visto i ragazzi di coach Morea imporsi su due avversari quotati come BNB e Omegna.
I quattro punti arrivati nelle ultime due giornate sono stati ossigeno purissimo per gli Stings, che si sono riportati a ridosso delle squadre che occupano la prima metà della classifica.
Tra le squadre scavalcate troviamo anche l’avversaria che sabato scenderà sul parquet del PalaBam: il basket Recanati dell’ex Matteo Fantinelli.
Gli ospiti arrivano a questo incontro dopo tre sconfitte consecutive che hanno fatto sprofondare la squadra marchigiana in penultima posizione, in coabitazione con Firenze e Reggio Calabria.
Sicuramente l’andamento delle ultime giornate sarà d’incentivo per i ragazzi di coach Bernardi nel cercare di ottenere i due punti in terra virgiliana.
In veste di capitano della squadra è stato riconfermato Attilio Pierini, ormai alla sua undicesima stagione con Recanati; ala grande con 9,6 punti e 4,8 rimbalzi, Pierini è il simbolo e la colonna portante della squadra marchigiana.
Con il capitano sono stati confermati altri due giocatori del roster della passata stagione: si tratta del play 32enne Marco Gnaccarini, attualmente a 5,2 punti di media e 2,5 assist, e la giovane ala Fabio Stefanini(1 punto di media).
Dopo Mike James la difesa degli Stings dovrà vedersela con un altro brutto cliente: la guardia Sean Tavon Mosley, proveniente dal campionato polacco, è infatti il top scorer della sua squadra, con ben 20,4 punti, 2,4 assist e 6,9 rimbalzi.
Come per gli Stings, anche Recanati si avvale delle prestazioni di 2 americani e un italo-americano.
Infatti,oltre al sopra citato Mosley, l’altro USA proviene dall’Irvine University; si tratta dell’esterno Daman Starring, 14,1 punti, 3,5 rimbalzi e 2,4 assist.
Nel ruolo di pivot troviamo Ryan Pettinella, giocatore italo-americano che cattura 8 rimbalzi a gara e mette a segno mediamente 10,7 punti.
Nel ruolo di regia troviamo l’ex di giornata Matteo Fantinelli, play dalle grandi doti atletiche che mette a referto 10,7 punti, poco meno di 3 assist a partita e che tira con quasi il 52% dal campo.
A completare il roster troviamo il centroclasse ’93 Rey Pullazzi,con 3 punti di media, e l’ala Lorenzo Tortù(4 punti).
Una squadra piuttosto lunga, che fa del basket di squadra la sua arma, come dimostrano i quasi 6 giocatori in doppia cifra per quanto riguarda i punti segnati.
Per Mantova invece non termina il periodo negativo riguardo gli infortuni, con Clemente che sarà costretto a seguire i suoi compagni dalla tribuna per la frattura scomposta della base del primo metacarpo e per il quale in questi giorni si sapranno i tempi di recupero.
Sfortuna permettendo il resto della squadra dovrebbe essere a disposizione, con Coach Morea che probabilmente schiererà dal primo minuto il capitano Jordan Losi in regia, Nardi e Lamma sugli esterni, Ranuzzi al posto di Clemente nel ruolo di ala grande e sotto canestro il solito Jefferson.
Dalla panchina saranno pronti a scendere sul campo la guardia Alibegovic, uno degli idoli della tifoseria locale Luca Pignatti e i due giovanissimi Veccia e Allodi.
Una sfida alla quale le due compagini arrivano con umori diversi: gli Stings galvanizzati dalle prime due vittorie consecutive, seppur con la mancanza del portoricano Clemente, cercheranno di portare il bel gioco espresso anche a Mantova dove manca ancora la vittoria; Recanati invece si presenterà ferita dalle tre sconfitte consecutive, che la rendono sicuramente un avversario pericolosissimo in quanto a motivazioni.
Il bel basket non mancherà di certo; molteplici saranno le sfide sul campo, a partire da quella sottocanestro tra Pettinella e Jefferson,arrivando a quella a colpi di assist e punti tra le due batterie di esterni.
L’appuntamento, si ricorda, sarà l’anticipo della 12′ giornata e si disputerà sabato sera al PalaBam di Mantova a partire dalle ore 20:30.