Inside the A2 Silver – Imola riparte… e spera nella tranquillità

0

Dopo la stagione probabilmente più triste nella storia del basket imolese, il primo obiettivo dei sostenitori dell’Andrea Costa é semplicemente quello di ritrovare una squadra. Non si può infatti considerare tale quella dello scorso anno, perlomeno nel girone di ritorno, quando smembrata dei suoi (pochi) pezzi pregiati e infarcita di ragazzini delle giovanili, Imola era diventata il materassino dell’A2 Gold, con imbarazzanti passivi dentro e fuori casa.
Terminato il calvario, in Silver l’auspicio è quello di disputare un campionato onorevole per mantenere la categoria (e quindi tornare in A2 unica): un compito affidato a coach Giampiero Ticchi, anch’esso in cerca di riscatto personale dopo la breve (e poco felice) esperienza nella massima serie di Pesaro due anni fa. L’asse portante della squadra è costituito da italiani giovani e (nella maggior parte dei casi) di limitato “appeal”, ma con un’importante occasione di emergere a propria disposizione. È il caso ad esempio di Francesco De Nicolao, fratello minore del più affermato Andrea, 21 anni ma già diverse esperienze a questi livelli (Piacenza, Verona, Omegna): per la prima volta sarà però chiamato ad un ruolo da titolare, con alle proprie spalle un altro baby come Guazzaloca (di un anno più piccolo), due Scudetti giovanili vinti tra le fila della Virtus Bologna. Occhio inoltre all’ala di origini egiziane Hassan, 24enne reduce da una buona stagione in Serie B a Rimini.
Linea verde anche sotto canestro: il pivot titolare dovrebbe essere Maganza, cresciuto cestisticamente ad Udine e da diverse stagioni protagonista nell’attuale Silver (lo scorso anno a Matera), seppur quasi sempre da cambio. Più esperto il profilo di Andrea Bartolucci, classe 1985 reduce da un anno di Serie A nella sua Pesaro (con diverse apparizioni sul parquet), ma di fatto giocatore da verificare a questi livelli, avendo costruito quasi esclusivamente la sua carriera nell’attuale Serie B. Dovrebbe fungere da primo cambio dei lunghi, assieme al giovane Preti, rientrato dall’esperienza alla Virtus Spes Imola. Ad innalzare il tasso tecnico di un frontcourt con pochi punti nelle mani dovrà essere Jesse Perry, 25enne uscito dal college di Arizona, che nell’annata scorsa si è diviso tra Lituania e Finlandia.
La scelta dei due stranieri è un punto cardine del mercato biancorosso, anche se fra gli esterni coach Ticchi può contare su un altro paio di opzioni perimetrali importanti: una è Patricio Prato, italo-argentino che torna nel nostro campionato dopo l’annata al Boca Juniors. L’ex di Rieti, Virtus Bologna e Cantù vestirà dunque nuovamente la canotta dell’Andrea Costa, dopo la burrascosa separazione di qualche anno fa (un suo lodo per mancati pagamenti contro la società ha successivamente ostacolato il mercato imolese): la carta d’identità recita 35 anni, ma in Silver (categoria mai toccata in carriera) per qualità tecniche ed esperienza può risultare un gran colpo.
Giocatore importante per la categoria é anche l’albanese (ma cestisticamente italiano a tutti gli effetti) Franko Bushati, solido contributo in Gold negli anni passati, che dovrebbe partire dalla panchina alzando la qualità del secondo quintetto. La prima opzione offensiva dovrebbe rimanere però Karvel Anderson, rookie uscito da Robert Morris University (quasi 18 punti di media nell’ultima stagione).
Dovessero rivelarsi, lui come l’altro straniero Perry, prese di livello, l’Andrea Costa scalerebbe posizioni in un ranking che attualmente vede gli uomini di Ticchi tra le squadre più a rischio. Soprattutto, l’incognita maggiore riguarda i ruoli nevralgici di 1 e 5, affidati a giocatori per la prima volta titolari a questo livello. Evitare una dolorosa doppia retrocessione è però l’imperativo per il prossimo torneo, che potrebbe riportare nonostante tutto Imola ad un solo passo dalla Serie A.
ARRIVI
Francesco De Nicolao (1, ITA, 1993, 1.82) Paffoni Omegna (Italia – A2 Silver)
Andrea Bartolucci (4-5, ITA, 1985, 2.02) Vuelle Pesaro (Italia – Serie A)
Jacopo Preti (4, ITA, 1994, 2.00) Virtus Spes Imola (Italia – Serie C)
Marco Maganza (5, ITA, 1991, 2.04) Bawer Matera (Italia – A2 Silver)
Federico Guazzaloca (1, ITA, 1994, 1.88) Virtus Bologna (Italia – Serie A)
Franko Bushati (2, ITA, 1985, 1.88) Centrale del Latte Brescia (Italia – A2 Gold)
Norman Hassan (3, ITA, 1990, 1.97) Rimini Crabs (Italia – Serie B)
Patricio Prato (1-2, ITA/PASS, 1979, 1.94) Boca Juniors (Argentina)
Jesse Perry (4, EXTRA, 1989, 2.00) Lapuan Korikobrat (Finlandia)
Karvel Anderson (2, EXTRA, 1991, 1.88) Robert Morris (NCAA)
PARTENZE
Alessandro Mancin (5, ITA, 1986, 2.08) Fortitudo Bologna (Italia – Serie B)
Corrado Bianconi (4, ITA, 1994, 2.02) Upea Capo D’Orlando (Italia – Serie A)
Alessandro Maccaferri (1, ITA, 1995, 1.77) Dinamica Mantova (Italia – A2 Gold)
Armando Iannone (2, ITA, 1990, 1.92) NPC Rieti (Italia – Serie B)
Filippo Gorrieri (5, ITA, 1993, 2.05)
Mitchell Poletti (5, ITA, 1988, 2.05) Assigeco Casalpusterlengo (Italia – A2 Gold)
Michael Riga (2-3, ITA, 1992, 1.94)
Warren Niles (2, EXTRA, 1989, 1.96)
Martino Mastellari (2, ITA, 1996, 1.91) Fortitudo Bologna (Italia – Serie B)
ROSTER
F.DE NICOLAO-ANDERSON-PRATO-PERRY-MAGANZA
GUAZZALOCA-BUSHATI-HASSAN-PRETI-BARTOLUCCI
Coach: TICCHI
(In MAIUSCOLO i nuovi acquisti; in rosso gli atleti extracomunitari, in verde gli atleti passaportati.)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here