La Remer Treviglio alla prima casalinga vuole difendere il fortino del PalaFacchetti dall’assalto di Firenze

0

Dopo aver finalmente sfatato il tabù trasferta che affliggeva i trevigliesi dall’ormai lontanissimo novembre 2012, la Remer Treviglio allenata da Adriano Vertemati si prepara all’esordio stagionale sul parquet del PalaFacchetti dove domenica affronterà una formazione ostica come l’Enegan Firenze, formazione che l’anno scorso ha disputato il campionato di DNB e questa stagione è subentrata alla blasonata Pallacanestro Firenze nella nuova LegaDue Silver.

La prima giornata di campionato ha sorriso ai toscani che, sul parquet del Mandela Forum, hanno avuto la meglio su una squadra di spessore come la Bawer Matera con il punteggio di 86-81, al termine di una partita molto combattuta che ha visto i fiorentini sotto nel primo quarto e poi mantenere il controllo del match resistendo ai diversi tentativi della Bawer di portarsi in vantaggio e portare a casa lo scalpo della Enegan.

Rispetto al roster che la scorsa stagione ha militato in DNB e quest’anno, complice la rinuncia della storica Pallacanestro Firenze, sarà impegnato in LegaDue Silver sono rimasti i soli Cosimo Fontani e il coach Gabriele Giordani, il resto è stato rivoluzionato con l’acquisto di giocatori che avranno un peso specifico molto importante sulle sorti dei toscani in questo campionato.

In cabina di regia l’ex Castelletto Alex Simoncelli, play classe 1986 con all’attivo 5 stagioni a Casalpusterlengo tra DNA e LegaDue e un’annata nella seconda Lega nazionale divisa tra Brindisi e Piacenza prima di approdare sulle sponde del Lago Maggiore, molto positivo nel match contro Matera con 15 punti e 3 assist. L’asse play – centro è completato da un altro ex Castelletto come il totem Marco Pazzi, pivot marchigiano classe 1979 con una grande esperienza in questa categoria (Civitanova Marche, Senigallia, Osimo, Perugia, Trento, Castelletto Ticino), oltre a una stagione in LegaDue con Roseto degli Abruzzi, che gli ha fruttato una promozione in LegaDue con Trento (2011/2012) e una Coppa Italia nel corso dello scorso campionato, sottotono nel primo match ufficiale dell’anno con soli 4 punti.

Il quintetto viene completato da un trio di giocatori che possono alternarsi nei vari ruoli, dando a Giordani molte soluzioni per mettere in difficoltà gli avversari: Brandon Wood, guardia classe 1989 alla seconda stagione da pro dopo la più che positiva annata in Ungheria con l’Albacomp e dopo aver peregrinato per diversi atenei universitari statunitensi (Southern Illinois, Highland Community College, Valparaiso University), statisticamente il migliore contro Matera con 27 punti e 9 rimbalzi; Kyle Swantson, ala classe 1986 che, dopo i 4 anni di college alla James Madison University, ha migrato in diversi Paesi europei  e non per mostrare le proprie quaità (Finlandia, Spagna, Giappone, Ungheria) e approda nella città di Dante forte dell’ottima stagione magiara con il Kaposovari KK (20.5 punti di media, 4.7 rimbalzi e 39% da 3 punti); l’ex Riccardo Castelli, ala classe 1988 visto a Treviglio nel corso della stagione 2010/2011 e con all’attivo 2 stagioni ad Asti tra B2 e B1, 3 annate a Casalpusterlengo tra A Dilettanti e LegaDue e l’ultima divisa tra la Moncada Solar Agrigento e l’U.S. Basket Recanati (risultando decisivo per la salvezza e l’approdo in LegaDue Silver dei marchigiani), già molto in palla contro Matera con ben 26 punti.

Pronti a entrare in campo a partita in corso, coach Giordani ha a disposizione un buon gruppo di giovani e un veterano dal passato importante pronti a cercare di aumentare il loro minutaggio a suon di prestazioni positive: Marco Cucco, play classe 1994 cresciuto tra i vivai del Delta Salerno, Juve Caserta e Virtus Siena, società che l’ha lanciato in DNA e con cui ha accumulato cifre importanti nello scorso campionato di DNB, compagno di squadra del biancoblù Filippo Alessandri, ha contribuito al successo di domenica scorsa con 10 punti; Cosimo Fontani, ala classe 1989 cresciuta nel settore giovanile del Basket Firenze (società che l’ha fatto debuttare in A Dilettanti) e reduce da 2 campionati con la Spider Fabriano tra DNA e DNB, all’attivo esperienze in A Dilettanti (Ostuni, Fabriano) e B Dilettanti (Cecina, Castelfiorentino), 6 punti contro Matera; Luca Schiano, ala classe 1992 cresciuta nel settore giovanile del Don Bosco Livorno e che ha avuto le sue prime esperienze da senior in DNB a Cecina e, l’anno scorso, in DNC con il Bottegone Basket; Giovanni Severini, guardia classe 1993 cresciuta nel vivaio del Mens Sana Siena dove si è sempre contraddistinto per il suo talento che gli ha fruttato diverse soddisfazioni (campione d’Italia Under 15 nel 2008 e Under 17 nel 2010) e l’esordio in Serie A nel 2009/2010, l’anno scorso in DNA con la BLS Chieti dove ha saggiato l’ambiente dei grandi e ha avuto il piacere di giocare con il capitano trevigliese Lele Rossi; Matteo Baggio, ala piccola italo – nigeriana classe 1993 cresciuta nelle giovanili di Montecatini e reduce da una stagione in DNB con l’Use Empoli; Francesco Conti, ala – pivot classe 1983 di grandissima esperienza che l’ha visto calcare i parquet di LegaDue (Casale Monferrato, Ferrara, Sassari) e A Dilettanti (Castelletto Ticino, Lumezzane, Torino) e conquistare ben 3 promozioni in LegaDue (l’ultima nel corso dell’ultima stagione con la PMS Torino) e una in Serie A (Sassari), fuori per infortunio nella prima giornata di campionato.

Come accennato in apertura di articolo, la Remer Treviglio ha sfatato il tabù trasferta con la vittoria di domenica scorsa sul campo della Acmar Ravenna (65-67 il risultato finale), una vittoria sofferta che ha visto i bergamaschi condurre per i primi 3 quarti e vedersi raggiungere dai romagnoli nell’ultimo parziale, riuscendo a spuntarla solo nel finale con la tripla decisiva di Marino a 40 secondi dal termine e l’errore dalla lunga distanza sulla sirena dell’americano Sollazzo dall’altra parte.

Il match di domenica sarà molto più complicato per la Remer, contro un avversario di uno spessore superiore rispetto a Ravenna e con un roster importante con diversi giocatori in grado di far male ai bergamaschi. I duelli più interessanti saranno quelli tra Marino e Simoncelli, Wood e Gadson e lo scontro d’esperienza tra due califfi del basket nostrano come Rossi e Pazzi; per Treviglio sarà molto importante la crescita di Kyzlink (solo 6 punti contro Ravenna) e Ihedioha e il prosieguo positivo dell’inserimento di Gadson. La Remer farà molto affidamento anche sul calore del pubblico del PalaFacchetti, voglioso di assumere il ruolo di fortino biancoblù anche nel corso di questa stagione e spingere i propri beniamini verso il sogno dei playoff.

Da ricordare come sabato 12 ottobre dalle ore 15 in p.zza Manara a Treviglio i Rangers Treì, storico gruppo di tifosi organizzati trevigliesi, saranno presenti con uno stand per promuovere il tesseramento al proprio club e aiutare la società nella vendita degli abbonamenti per la stagione 2013/2014, occasione alla quale presenzieranno anche alcuni giocatori biancoblù.

 

Arbitri dell’incontro: Enrico Boscolo di Chioggia (VE), Michele Gasparri di Pesaro (PS) e Roberto Radaelli di Rho (MI)