Latina si prepara per Omegna. Parla l’ex Riccardo Tavernelli.

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

La Società nerazzurra deve interrompere la striscia negativa e tornare a vincere. Nel frattempo è arrivato in città l’ex Trapani Luca Ianes, il primo di due ipotetici acquisti della Latina Basket. Ci parla dell’incontro Riccardo Tavernelli.

 

Il destino del play di Lissone è legato a Latina dal 2011. Due anni passati con la società nerazzurra in cui ha dato tanto ed è cresciuto sotto l’allora guida di coach Mattia Ferrari. E’ proprio quest’ultimo che lo vuole a Legnano come elemento della triade di ex nerazzurri Tavernelli/Milani/Arrigoni. Poi il discusso addio ai biancorossi Knights per seguire il progetto Omegna. E’ con lui che abbiamo deciso di parlare del prossimo incontro e del percorso che Riccardo ha fatto per arrivare fino a questa 9° giornata di campionato della Serie A2 Silver 2014/2015.

La strada che ti ha portato da Latina ad Omegna è costellata di emozioni. Qual’è la differenza sostanziale tra il Tavernelli dellle due stagioni a Latina e quello di oggi?

“Diciamo che a Latina ero alla prima esperienza da “giocatore” in cui ho avuto la possibilità di imparare da persone più esperte che avevano giocato anche in serie A. La mia carriera è stata, finora, sempre un crescendo già dal secondo anno a Latina quando avevo già grandi responsabilità. Lo scorso anno ho scelto di scendere di una categoria per avere in mano una squadra che puntava a far bene e ci siamo riusciti vincendo proprio contro Latina la finale promozione. Questo è stato l’anno della svolta in cui ho avuto la piena fiducia dell’allenatore e dei compagni, purtroppo, quest’estate, le nostre strade si sono dovute dividere ed adesso ad Omegna, penso di aver fatto la scelta giusta..anche qui ho grandi responsabilità avendo le chiavi di una squadra che punta a fare molto bene nel campionato. Diciamo che se devo fare un confronto col giocatore che sono diventato dire sicuramente più maturo e sicuro dei propri mezzi”

Quest’anno il campionato è abbastanza livellato, Treviso a parte. il pensiero va alla gara di sabato 22. Legnano, Treviso e Recanati hanno lasciato un’ombra scura nel cuore dei Fulgorini. Come si affaccia la squadra all’incontro con Latina?

“Si il campionato è molto livellato e vincere in trasferta è sempre difficile anche contro squadre sulla carta più deboli. Noi arriviamo a questa partita essendo il miglior attacco e la peggior difesa..giocando a ritmi alti abbiamo sempre tanti possessi ma concediamo anche troppo agli avversari e soprattutto nelle ultime 3 partite abbiamo subito troppo. Sappiamo che questa partita sarà già fondamentale e dovremo far valere il fattore campo e interrompere la striscia negativa.”

I pontini sono in grande crisi. Secondo Riccardo il malato è grave?

“Latina è una squadra che ha già cambiato tanto in questo inizio di campionato quindi secondo me deve ancora trovare la sua identità.. Ha un quintetto molto forte e buoni giocatori dalla panchina.. Sono ben allenati quindi penso serva solo ancora un po di tempo.”

I cambiamenti in casa nerazzurra sono iniziati. Oggi si è allenato Luca Ianes, il centro che ha sostituito Greg Somogyi. Ma sembra che la famiglia Benacquista abbia deciso di arricchire ancora il roster. Coach Garelli, in una recente dichiarazione, ha sottolineato la volontà di “migliorare atleticamente il reparto dei “piccoli” puntando su un esterno” questo per riprendere un assetto già provato ad inizio campionato e dirigersi verso le parti nobili della classifica.

 

L’appuntamento è per sabato 22 alle 21 al Palazzetto dello Sport di Verbania.

 

(foto di Alberto Ossola per www.basketinside.com)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy