Legnano – Treviglio: un derby lombardo ad alto peso specifico

di La Redazione

Sarà un derby lombardo quello che domenica andrà in scena al PalaEuroImmobiliare,dove i Legnano Knights riceveranno la visita della Remer Blubasket Treviglio per la decima giornata del campionato di A2 Silver.

Le due squadre (che si sono affrontate due volte in precampionato con altrettante affermazioni di Legnano) arrivano da due partite molto diverse. Legnano è reduce dalla non bella sconfitta di Reggio Calabria,dove di fatto è rimasta in gara solo per il primo quarto e ha chiuso il match con un pesante passivo di -29. Treviglio invece ha il morale alle stelle dopo avere superato nell’ultima gara con una prestazione di grande livello la De Longhi Treviso,fino a quel momento imbattuta e assoluta dominatrice del campionato.

A livello di situazione generale invece i due team,almeno apparentemente,non vivono un momento molto diverso. Treviglio ha 12 punti,e ne dista solo 4 dalla capolista Treviso,occupando il secondo posto della classifica alla pari con Ravenna,mentre Legnano ha 8 punti e naviga nelle parti centrali della classifica. Ma il cammino delle due squadre è stato finora molto simile: pressoché imbattibili in casa,molto più vulnerabili in trasferta. Entrambe hanno infatti ottenuto solamente una vittoria lontani da casa (per altro sullo stesso campo,ovvero Latina) e hanno invece sempre vinto tra le mura amiche,con l’eccezione per Legnano del match contro Treviso.

La differenza di punteggio in classifica tra i due team si può provare a capire proprio in questa ottica: Legnano tra le mura amiche ha una sconfitta in più e una gara disputata in meno rispetto a Treviglio.  In base a questo ragionamento Legnano domenica partirebbe favorita,ma il match presenta molte altre chiavi di lettura.  Innanzitutto non devono essere considerati molto attendibili i due scontri precedenti di precampionato vinti da Legnano. In quel periodo l’alchimia di Treviglio era ancora in fase di costruzione,e quindi quei risultati rischiano di essere davvero ingannevoli. Poi potrebbe fare la differenza il già citato entusiasmo di Treviglio causato dalla vittoria contro la capolista Treviso,fino a quel momento imbattuta. Gli ospiti vorranno certamente dare continuità ai propri risultati,e mantenere,se non addirittura migliorare,una posizione di classifica che attualmente è davvero strepitosa e probabilmente oltre le previsioni di inizio stagione.

Poi ovviamente entreranno in gioco anche pregi e difetti dei Knights. Al PalaEuroImmobiliare si sono sempre resi protagonisti di match straordinari,ma nella sconfitta di Reggio Calabria si sono visti alcuni aspetti che sicuramente devono essere corretti. Al di là del passivo finale,è stato per esempio decisamente poco positivo il 5/31 nel tiro da tre.

Già in altre gare l’insistenza sui tiri dalla lunga distanza,nonostante i loro esiti negativi e il loro essere spesso affrettati e a discapito di azioni più ragionate,aveva caratterizzato il gioco dei Knights. In alcuni casi i ragazzi di coach Ferrari si erano salvati anche grazie a importanti carestie offensive degli avversari,come capitato nel match contro Chieti,che pure è andata vicina alla vittoria. In altri casi però,come accaduto proprio a Reggio Calabria,gli avversari hanno avuto continuità offensiva per tutto il match e il risultato presto è sfuggito al controllo di Legnano.

All’interno di questo contesto di tiro non esaltante,il giocatore che appare più appannato è probabilmente John Merchant. Negli ultimi due match ha tirato 2/14 da tre,e da due non è andata molto meglio,visto il suo 2/10- Merchant,al pari di altri Knights,tra cui in particolare l’altro americano Krubally,ha sofferto diversi problemi fisici nelle ultime settimane,e se Krubally ha totalmente mimetizzato questa fatto con statistiche da record (anche a Reggio Calabria 19 punti col 53% da due,e 6 rimbalzi),Merchant ha invece subito un drastico peggioramento delle proprie statistiche rispetto a quelle ottime di inizio stagione.

Se finalmente Legnano avrà a disposizione tutti i propri giocatori al meglio della forma,sarà molto più probabile che sia le statistiche personali che soprattutto il gioco di squadra ne traggano giovamento.

Le due squadre si presenteranno al completo. Legnano schiererà con ogni probabilità Di Bella playmaker,Merchant guardia,Milani ala piccola,Arrigoni ala grande e Krubally centro,con capitan Maiocco,Petrucci,Locci e Navarini pronti a dare un’importante contributo dalla panchina

Treviglio invece dovrebbe schierare lo stesso quintetto vittorioso contro Treviso.

Playmaker sarà certamente Tommaso Marino. 28 anni,192 centimetri,Marino è sempre tra i migliori assistman dei campionati a cui partecipa,ed è il classico giocatore a cui affidare l’eventuale tiro decisivo,anche perchè è lui a prendersi volentieri le responsabilità quando la palla pesa tanto. Contro Treviso è stato autore di una prestazione sontuosa,e capace di segnare 13 punti,distribuire 9 assist,subire 7 falli e ottenere 23 di valutazione.  In stagione viaggia a 14.6 punti (top scorer della squadra) e 4.7 assist di media a partita.

Come guardia calcherà il parquet il primo dei due stranieri di Treviglio,Tomas Kyzlink. Nato in Repubblica Ceca,ha 21 anni ed è alto 195 cm. Kyzlink al secondo anno a Treviglio,è veloce,bravo nel tiro da fuori e anche dotato di buone capacità difensive,qualità mai da sottovalutare in una guardia. Nel ruolo di ala piccola giocherà Tommaso Carnovali. Come Marino è stato autore di una gran prestazione contro Treviso (16 punti,5 rimbalzi,4 assist),anche lui ha 21 anni ed è alto 197 cm. Bravissimo nel tiro da tre punti,possiede una grande velocità di esecuzione ed è anche un abile passatore e recuperatore di palloni.

Sotto i tabelloni infine ci saranno due giocatori in grado di ricoprire indifferentemente i ruoli di ala grande e centro,ovvero Raphael Gaspardo e Prokop Slanina. Gaspardo ha segnato 16 punti e catturato 8 rimbalzi contro Treviso,aggiungendo anche 3 stoppate. Ha 21 anni,è alto 207 cm e ha un bagaglio atletico e tecnico completo. Viaggia a 10 punti e 8.6 rimbalzi di media a partita.

Slanina invece,reduce da due stagioni a Biella,è il secondo straniero del roster. Anch’egli proveniente dalla Repubblica Ceca,ha solamente 19 anni ed è alto 207 cm come Gaspardo. E’ un giocatore che corre molto,è abile spalle a canestro e sa anche passare discretamente la palla.

Dalla panchina si alzano poi giocatori importantissimi,primo tra tutti il capitano Emanuele Rossi. Veterano e leader della squadra,è nato nel 1982,è un centro di 206 cm ed è un abilissimo rimbalzista,tanto che nella scorsa stagione è stato il secondo miglior rimbalzista della silver e il migliore a livello di rimbalzi offensivi. In stagione viaggia a 10.8 punti e 9.4 rimbalzi a partita.

Altro giocatore importante della panchina di Treviglio è Mirco Turel,20 anni,guardia di 195 cm. Segna 10.6 punti a partita e ha giocato in tutte le nazionali italiane giovanili. E’ un buon tiratore dall’arco,un buon penetratore e sa anche passare bene la palla.

Da segnalare infine Andrea Marusic,ala di 25 anni e 200 cm,legnanese e in possesso di buone attitudini al tiro e a rimbalzo.

Il coach di Treviglio è Adriano Vertemati. Allenatore molto giovane (è nato nel 1981),a 24 anni era già head coach in B2,e vanta esperienze come assistente allenatore alla Benetton Treviso (è stato anche assistente di Jasmin Repesa) e come head coach dell’under 19 trevigiana.

Palla a due prevista alle ore 18,arbitrano Christian Borgo,di Dueville (VI),Corrado Triffiletti,di Messina,e Chiara Maschietto,di Treviso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy