Lucca – Ravenna, chi resterà nelle zone alte?

0

Una neopromossa che lo scorso anno ha spopolato in DNB (campionato e coppa, scusate se è poco) e che nel girone di andata è stata spesso in testa al campionato giocando bene e divertendo il numeroso ed appassionato pubblico; l’Acmar Ravenna del confermatissimo Coach Giordani, sta lottando per mantenere un posto play-off e rendere splendida una stagione che già ora si potrebbe definire ottima. La squadra ravennate ha conservato gran parte del roster vittorioso, inserendo però i tasselli giusto al posto giusto, a cominciare da Adam Sollazzo, Usa che giocava in Germania e che supera i 18 punti e 5 rimbalzi a serata (all’andata ne mise 26!), per proseguire con il play, ex Roma, Tambone, un ’94 che resta in campo oltre 20 minuti a partita con risultati positivi, per finire con un giocatore di esperienza come Francesco Foriera, journey-man di sostanza sotto le plance, ma anche fuori dal pitturato (21 per lui all’andata). Attenzione però, il roster è di qualità anche negli altri componenti, con il capitano Amoni (scuola Virtus Siena) e il play Rivali (178 cm. di personalità, anche 5 rimbalzi a serata oltre a punti e assist), pronti a colpire quando serve (25 punti fatturati in due ogni partita). Buone cose arrivano anche da Broglia (7 punti a partita, ma top-season per lui domenica scorsa con 15), dal giovane emergente Cicognani e dal positivo Benedetti (oltre 8 punti a serata).

Ravenna è squadra da prendere con le molle, gioca con poca pressione addosso e non attraversa un momento splendido; tutti motivi importanti per non scherzarci troppo stavolta.

– Matteo Mecacci: Affrontiamo quella che è stata una delle squadre rivelazione del girone d’andata. Ravenna ha tenuto gran parte del nucleo che lo scorso anno ha vinto sia campionato che Coppa Italia. E’ una squadra organizzata che gioca un buon basket e che non molla mai, sia quando è sopra nel punteggio, sia quando è sotto. In questo momento viene da un periodo negativo di tre sconfitte arrivate in modo rocambolesco, quindi è un avversario ancora più pericoloso, perché viene a Lucca in cerca di punti importanti per agganciarci e sorpassarci. Noi dobbiamo fare tesoro degli errori commessi a Roseto, cercare di mantenere la stessa efficacia in attacco e riproporre lo stesso atteggiamento difensivo che è stato il cardine per le quattro vittorie consecutive casalinghe a cavallo tra dicembre e gennaio. Il campionato è molto equilibrato e questa sarà sicuramente una sfida difficile alla quale dobbiamo arrivare preparati svolgendo un buon lavoro in settimana.

– Davide Parente: Ripartiamo da quello che abbiamo fatto a Roseto, ma soprattutto dalla partita giocata in casa due settimane fa contro Ferrara. Soprattutto ci dobbiamo ricordare dell’incontro dell’andata, un po’ particolare, perché venivamo dall’esonero dell’allenatore. Però adesso è tutta un’altra storia e cercheremo anche di riprenderci quello che avevamo lasciato là. Speriamo che il pubblico sia ancora più numeroso di quello bellissimo che avevamo contro Ferrara. Tutto questo ci dà una grande mano.

– Arbitri: Pecorella di Trani (BT), Grigioni di Roma e Perciavalle di Grugliasco (TO)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here